Istallazione monumentale “Creatio Ultra Tempus et Spatium” all’Accademia di Romania

Intervista al Prof. Nicola Farina, Promotore, Responsabile e Coordinatore del Progetto
Federico Carabetta - 28 agosto 2018

In attesa dell’inaugurazione dell’opera “Creatio Ultra Tempus et Spatium” che avverrà prossimamente presso la sontuosa sede romana dell’Accademia di Romania, abbiamo voluto e siamo riusciti a raggiungere il prof. Nicola Farina del Liceo Artistico Statale Edgardo Mannucci di Ancona, che è il promotore, responsabile e coordinatore del pregevole progetto.

Riportiamo qui di seguito l’intervista che ci è stata concessa dal prof. Nicola Farina.

“Inscrivendosi nelle celebrazioni del grande Imperatore, l’opera “Creatio Ultra Tempus et Spatium” si pone in relazione con l’opera presente ai Mercati di Traiano dell’artista romena Luminița Țăranu, “Columna mutatio – La Spirale”.

Questa singolare e multiforme scultura, realizzata dagli studenti della classe 4A – Arti Figurative del Liceo Artistico Edgardo Mannucci di Ancona (Stefania Angeloni – Gaia Brunelli – Arianna Cittadini – Jessica Fabbietti – Naomi Santucci) da mecoordinati, prima di cogliere l’interesse dell’Accademia Romena, aveva già riscosso lusinghieri apprezzamenti del pubblico e di esperti del settore artistico.

Nata originariamente per il Museo Statale Tattile Statale Omero di Ancona con il fine di rappresentare il genius loci del nostro territorio, esprimendone, attraverso il linguaggio plastico, i profondi valori umani, etici e storici, ha poi avuto un percorso autonomo, imprevedibile e sorprendente.

In occasione della giornata nazionale dell’Arte Contemporanea promossa da AMACI nell’ottobre 2017, l’opera, proseguendo il proprio viaggio ideale, è stata fortemente richiesta e nuovamente presentata alla comunità dal Museo Archeologico Nazionale delle Marche per iniziativa della Direttrice Dott.ssa Nicoletta Frapiccini che vi ha riscontrato contenuti evocativi e qualità estetiche che potessero dialogare con i contenuti espressi nelle collezioni museali.

A suggello di questa investitura istituzionale è giunta la lettura interpretativa, una vera certificazione di qualità che ne legittima la presenza in luoghi di così alto livello culturale, del nostro più insigne Storico e critico d’arte, il Professore Stefano Papetti (Curatore delle collezioni comunali di Ascoli Piceno e Docente di Museologia e critica artistica e del restauro presso l’Università degli Studi di Camerino), noto in Italia ed all’estero per le innumerevoli pubblicazioni a carattere storico artistico e per i molti importanti, eventi espositivi organizzati (vedi l’attuale mostra su Cola dell’Amatrice).

A questa lettura interpretativa si sono aggiunte quelle altrettanto significative della Dott.ssa Nicoletta Frapiccini e del Prof. Aldo Grassini, Direttore del Museo Tattile Statale Omero di Ancona.

Infine, l’invito da parte dell’Accademia Romena di Roma, attraverso il Direttore Prof. Rudolf Dinu.

L’opera che ha avuto divulgazione attraverso la rete dei social, ha trovato e coinvolto l’interesse e l’entusiasmo di questa importante Istituzione culturale. Che, inoltre, solita nel promuovere personalità di riconosciuto livello, per la prima volta si apre ad una scuola secondaria di secondo grado ed ai propri giovanissimi artefici.

Davvero straordinario è stato il sostegno ricevuto dal Dr. Rudolf Dinu e dalla Dott.ssa Oana Boșca-Mălin, Vicedirettore responsabile per i programmi di promozione culturale.

L’invito ufficiale dell’Accademia Romena ha consentito ulteriori importanti riconoscimenti quali il Patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest (che ha collaborato all’organizzazione della mostra dedicata a Traiano); il Patrocinio dell’Ente Regione Marche; il prestigioso conferimento della Medaglia del Presidente della Repubblica per il valore dell’opera e dell’evento che presenteremo in occasione del Vernissage previsto per lunedì 3 settembre 2018, presso l’Accademia Romena di Roma”.

Desidero, infine, ringraziare il nostro Dirigente Scolastico, Prof.ssa Milena Brandoni, che ci ha costantemente supportato nel lungo viaggio intrapreso”.

Ci accomiatiamo complimentandoci con il Prof. Nicola Farina per l’intervista rilasciata ed anche per la calda cortesia con cui ci ha accolto; agli studenti-artisti che hanno realizzato l’opera, semplicemente auguriamo: Ad maiora!.

Federico Carabetta


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti