Scuola media G. Massaia, un inquietante ritorno

Allarmata lettera del Consiglio d'Istituto a Municipio e Comune
Alessandro Moriconi - 13 gennaio 2018

La scuola media G. Massaia torna a far parlare di sé. Stavolta però non si tratta del risparmio del canone di locazione e del trasferimento dei 500 studenti nella ex Scuola Virginia Wolf di via Carpineto.

Questa volta a fare clamore ed allertare il corpo docente, i ragazzi e i loro genitori e i rappresentanti del Consiglio d’Istituto, è un rientro, quello dell’ex bidello Benedetto Fortino che pur se in pensione da anni occupa dei locali al V piano dello stabile di via Tor de Schiavi 175, come alloggio di Servizio.

Il Sig. Fortino  nel 2015 fu arrestato in seguito al ferimento con un forcone della dirigente scolastica che, in conseguenza di ciò, fu anche sottoposta ad un intervento chirurgico.

Adesso a meno di tre anni dal fattaccio, i giudici hanno deciso che il Sig. Fortino può rientrare in quell’alloggio per la cui difesa ha rischiato di uccidere un’innocente e trasformarsi in un assassino. Adesso rientra ma genitori e docenti hanno paura e chiedono che Municipio e  al Comune trovino immediatamente una soluzione diversa da quella potrebbe vedere il Sig. Fortino passare come se nulla fosse accaduto tra docenti e studenti per raggiungere l’alloggio un tempo di servizio che condivide tra l’altro con il figlio.

Il Consiglio d’Istituto ha immediatamente preso posizione contro il rientro e non si escludono pesanti forme di protesta al fine di tutelare la sicurezza di studenti e docenti. La Sindaca Virginia Raggi è chiamata a risolvere con immediatezza il problema a cui però si doveva e poteva trovare una soluzione in questi due anni e mezzo trascorsi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti