“Rifiuti zero, l’Amministrazione riparta dai progetti già avviati”

Lo afferma in una nota Piergiorgio Benvenuti, ex presidente Ama e presidente dell’associazione ambientalista Ecoitaliasolidale
Redazione - 11 luglio 2018

“Lo scorso ottobre, un anno fa, l’appuntamento con un board di esperti internazionali per parlare di ‘rifiuti zero’, organizzato al Campidoglio con la presenza  della Sindaca Raggi  e dall’assessore Montanari è stato, come eravamo certi,  semplicemente un convegno, un impegno a parole, mai messe in pratica dall’amministrazione capitolina. Anzi, l’incontro non ha avuto nessuna concretezza e non è stato accolto alcun suggerimento  per ridurre gradualmente gli scarti da avviare in discarica. Di questo passo, oltre al flop della raccolta differenziata che è rimasta ferma al  palo,  al 42% o poco più, anche
il piano di rifiuti zero è concretamente rimasto nel cassetto. Vorrei ricordare come nel 2013 AMA prese contatti con gli esponenti più rappresentativi del movimento Zero Waste a livello internazionale, tant’è che ebbi modo di ricevere  a Roma il Prof. Paul Connett e Jack Macy con i quali elaborammo un progetto pilota per la raccolta differenziata nell’ex IV Municipio, oltre a sviluppare una serie di focus in azienda per sensibilizzare la dirigenza su un tema così importante. Le amministrazioni che si sono succedute, però, non hanno più ripreso concretamente tale progettualità, che rappresenta invece un grande potenziale in materia di politiche ambientali. La trasformazione dello scarto in risorsa è ad oggi, insieme
all’incremento della raccolta differenziata e chiaramente ad un servizio adeguato di pulizia e di decoro della città, l’unica via per dotare Roma di un ciclo dei rifiuti degno di una grande metropoli europea. Certamente chi amministra oggi la Capitale ha ormai certificato che non è in grado di concretizzare la strategia Rifiuti Zero ed a farne le spese sono i romani e i turisti che proprio con questo caldo estivo debbono subire l’invasione dei rifiuti nelle strade, la sporcizia, il cattivo odore, i topi ed i gabbiani che volano per accaparrarsi i rifiuti più graditi accanto i cassonetti. Un rischio concreto per l’igiene ed un danno d’immagine per la città più bella del mondo”.

E’ quanto dichiara in una nota Piergiorgio Benvenuti, ex presidente Ama e presidente dell’associazione ambientalista Ecoitaliasolidale.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti