Poesia e canto corale si incontrano a Ischitella nel Gargano

Dal 17 al 19 marzo un’accoppiata vincente ha rallegrato le vie della piccola capitale dei poeti di Periferie
Rita Bastoni - 23 marzo 2017

Dal 17 al 19 marzo 2017 un’accoppiata vincente ha rallegrato le vie di Ischitella nel Gargano coniugando il reading poetico con il canto corale.

La felice idea di Vincenzo Luciani e Manuel Cohen è nata in occasione del 20° anniversario di pubblicazione della rivista di poesia “Periferie”, nata a Tor Tre Teste ed edita a Roma proprio da Edizioni Cofine di V. Luciani.

Protagonisti dell’evento sono stati naturalmente i poeti, prevalentemente dialettali, presentati da Manuel Cohen nel teatro Pietro Giannone il 17 marzo. Durante il reading intitolato Poeti delle altre lingue a Ischitella, sono intervenuti anche il Coro Canticorum Jubilo di Ischitella diretto dal M° Michele Castelluccia, che ha eseguito brani sacri, il tenore romano Angelo Cilli con i suoi canti napoletani e il CoroInsieme di Roma diretto dalla M° Paula Gallardo Serrao, che ha eseguito canti popolari in dialetto.

Un momento toccante della serata si è avuto col ricordo di Achille Serrao,  poeta, scrittore e critico, che è stato direttore della rivista “Periferie” e del Centro di Documentazione della poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”  fino al 2012, data della sua scomparsa. Vincenzo Luciani, suo amico personale e successore nella direzione della rivista, ha letto la sua poesia “A casarella ‘e Vicenzino” (cioè la casa di Luciani, tratta dalla raccolta La Soglia di Achille Serrao) in italiano e la traduzione in dialetto ischitellano, chiamando la moglie di Achille Serrao e direttrice del Coroinsieme, Paula Gallardo Serrao, a leggere la versione in spagnolo (a cura di Emilio Coco; mentre la versione inglese della poesia è stata curata da Luigi Bonaffini).

Non sazi della serata, il 18 marzo si replica ma con cambio di scena, attraverso le caratteristiche vie d’Ischitella, dove la tradizionale ospitalità pugliese si è manifestata in rinfreschi posizionati ad arte lungo il percorso per rifocillare i poeti, i cantanti e il pubblico al seguito durante la passeggiata artistica.

Il reading itinerante nel Centro storico di Ischitella si è poi concluso con poesie, canti del Coroinsieme e applauditissimi e coinvolgenti balli delle ragazze della scuola Dance Up di Maria Comparelli.

Alle quattro del pomeriggio il gruppo era stato ricevuto in Comune dal Commissario Prefettizio Giuseppe Vivola che, con grande garbo, concisamente e cortesemente ha ringraziato i partecipanti spiegando l’impegno del Comune e della Pro Loco nella promozione della cultura e del turismo a Ischitella e nella zona del Lago di Varano.

Gli insaziabili (di poesia) hanno avuto l’opportunità, dopo i balli popolari in piazza e la degustazione di prodotti tipici a Palazzo Ventrella, di partecipare anche al Poetry Slam presso il pub Mente Locale dove una giuria composta di elementi del coro e di avventori locali ha votato i vincitori a colpi di rime: primo classificato e vincitore del 1° Poetry Slam Mente Locale è stato eletto Fabio Strinati, seconda Loredana Bogliun, terzo Stefano Rovinetti Brazzi,

Oltre alla poesia ed alla musica, il gruppo ha gradito molto la gita in barca di sabato 18 mattina al Crocefisso di Varano, organizzata da Giuseppe D’Errico, sia per l’emozione di vedere da vicino un habitat naturalistico così ricco di fauna sia ittica che avicola, sia per la sorpresa di trovare presso la Chiesa della Annunziata, il Crocifisso miracoloso, un rinfresco a base di pettole (strisce di pasta lievita fritte sul momento da un terzetto di simpaticissime Ischitellane della Pia Unione) da condire con lo zucchero oppure con il cosiddetto vinocotto (*), una specie di deliziosa liquida mostarda di fichi tipica di Ischitella e del Gargano. Il priore della Pia Unione e Pierino Comparelli hanno fornito informazioni ai gitanti.

La chiesa dell’Annunziata conserva documenti del sec. XVI e custodisce il famoso Crocefisso di Varano che si dice sia stato trovato in una delle grotte nella scogliera proprio quando la zona subiva le conseguenze di una gravosa siccità miracolosamente terminata in seguito al ritrovamento, nel 1717. Nella chiesetta furono poste targhe a ricordo di questo e dei successivi miracoli del 1899 e 1949. Ancora oggi il 23 aprile di ogni anno il Crocefisso miracoloso viene portato in processione sulle acque per ricordare i miracoli.

Altra gita la mattina di domenica 19 marzo, quando poeti e coro hanno avuto la possibilità di visitare Rodi Garganico con i suoi bellissimi panorami, e di acquistare arance IGP del Gargano appena colte e altri prodotti tipici locali. Altri gitanti avevano in precedenza acquistato olio extravergine di Ischitella.

L’esperienza si è conclusa nel più piacevole dei modi presso il poeticissimo B&B Torre del Lago che, mentre i poeti recitavano poesie e il coro si eseguiva canti popolari, ha offerto a tutti i partecipanti un pasto luculliano a base di antipasti vari e abbondanti, orecchiette con le cime di rapa, trippa con patate, cozze, cefalo al forno, e dolci vari.

Encomi e ringraziamenti alle strutture che si sono rese disponibili per l’accoglienza o hanno prestato supporto in qualsiasi modo: l’Hotel Il Giardino, il B&B Torre del Lago e il B&B Sun & Smile, B&B Sul Corso di Raffaella Falco, By Cosimillo di Russo Anna Rita e Russo Nazario, Farmacia Dr. Germano Lustri, Ristorante Pizzeria Sulle Scale, Mente Locale, Sapor DiVino, Bar da Meraviglia, Il Piccolo Principe, Pasticceria Ventrella.

Ricordiamo naturalmente i poeti che hanno partecipato e animato l’iniziativa, oltre a Manuel Cohen e Vincenzo Luciani: Valerio Agricola, Nicola Angelicchio, Loredana Bogliun,  Antonio Guida, Luigi Ianzano, Maria Lenti, Rocco Martella, Stefano Rovinetti Brazzi, Pietro Stragapede, Fabio Strinati, Michele Totta, Antonio Villani, Nino Visicchio. Ai quindici poeti va aggiunto sia pure in maniera virtuale (per motivi di salute) Franco Pinto che ha fatto giungere ai partecipanti un suo video (realizzato da Mariantonietta e Raffaele Di Sabato) con una poesia dedicata a Ischitella e un ricordo del poeta amico Achille Serrao

Una menzione particolare va ai coordinatori dell’iniziativa Giuseppe D’Errico e Anna Maria Agricola, e alle loro figlie, ai loro fidanzati, che si sono prodigati in tutte e tre le giornate per rendere più piacevole il soggiorno.

Un’altra menzione va alla Pro Loco di Ischitella, presieduta da Maria Dionisio, per il suo patrocinio e per aver ha garantito, tra l’altro, i lauti buffet del 17 e 18 marzo.

In sintesi, l’esperienza è stata talmente bella che gli ideatori già pensano di ripeterla il prossimo anno.

Forza Vincenzo e Manuel! Ci vediamo tutti a Ischitella sul Gargano anche il prossimo anno!

(Tra parentesi: si sta pensando di organizzare una analoga gita poetico-musicale per la metà di ottobre in occasione della Giornata Achille Serrao, da tenersi a Roma)

(*) Preparazione del vinocotto (vino di fichi): Tagliate i fichi in 4 parti (senza eliminare la pelle), ricopriteli con l’acqua e cuoceteli fino a ridurli in poltiglia. La quantità di prodotto tenderà a dimezzarsi. Quindi versate il composto bollente in un panno dalla trama fitta, che chiuderete dandogli la forma di una sacca da pasticceria per filtrarlo lentamente.)

 

Fotografie di Rita Bastoni e Vitorio Tallarico


Commenti

  Commenti: 1


  1. Bravissima Rita, per aver trovato le parole giuste per descrivere questa bellissima esperienza, essa, ne sono certa, rimarrà indelebile nel mio cuore. Voglio ringraziare personalmente tutti coloro che si sono prodigati per la riuscita di tutta la manifestazione augurandoci ardentemente che si possa ripetere nuovamente.

Commenti