Incontro Toninelli-Raggi per il rilancio del trasporto pubblico locale

Tra i temi toccati, l' ammodernamento delle infrastrutture: dalle linee metro alla ‘cura del ferro’, dai nuovi tracciati tramviari fino alle ferrovie ex concesse
Redazione - 5 luglio 2018

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha incontrato il 4 luglio 2018 al Mit la sindaca di Roma, Virginia Raggi. Nel corso del tavolo sono stati affrontati diversi temi legati al rilancio del Trasporto pubblico locale a partire dall’ammodernamento delle sue infrastrutture: dalle linee metro alla ‘cura del ferro’, dai nuovi tracciati tramviari fino alle ferrovie cosiddette ex concesse.

“Parte oggi un’interlocuzione istituzionale fattiva, grazie alla quale Roma potrà sempre più migliorare i servizi offerti ai suoi cittadini, anche attraverso l’auspicabile rafforzamento delle sue prerogative istituzionali”, ha dichiarato il ministro Toninelli.

“E’ stato un incontro molto costruttivo e operativo. Abbiamo parlato dei dossier e dei progetti per realizzare opere pubbliche utili a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Dobbiamo puntare sulla ‘cura del ferro’ con la creazione di nuove infrastrutture e il potenziamento e ammodernamento delle esistenti”, ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi.

All’incontro ha partecipato anche l’assessora alla Città in Movimento, Linda Meleo, che ha sottolineato come ci sia “un’attenzione particolare alla programmazione di nuove opere dalle ciclabili alle linee tramviarie grazie al primo piano urbano della mobilità sostenibile”.


Commenti

  Commenti: 1

  1. Vittorio Santarsiere


    Fosse un buon auspicio per riparare il breve tratto di strada, via Masaniello, che porta al piazzale della Stazione Tiburtina, chiusa da temp immemorabilme. La stradina, senso unico e in discesa, conduce in breve allo Scalo. Finché non sarà riattivata, i mezzi del trasporto pubblico fanno un lungo giro fin nei pressi di piazzale delle Province, per poi ridiscendere in senso inverso. Quanto carburante e consumo
    di materiale rotabile sarà stato sprecato per la gestione scriteriata? E gli impiegati meno abbienti, complici anche le strade dissestate, quanta stanchezza e stress incettano prima di giungere al lavoro? Aspetto e spero. Repetita iuvant…

Commenti