Flop della G. Massaia, crollo delle preiscrizioni all’ex V. Woolf di via Carpineto

Alessandro Moriconi - 10 febbraio 2018

Ormai la sorte della Scuola Media è segnata. Almeno questo è quanto dicono i numeri delle pre-iscrizioni all’anno scolastico 2018/2019 che oscillano per la 1a media tra i 49/59 alunni e questo nonostante una poderosa campagna acquisti tentata pubblicizzando l’Open Day in tutto il Quartiere di Villa De Sanctis, il più vicino alla sede dell’ex Virginia Woolf di via Carpineto e dove peraltro opera fin dalla nascita del Quartiere la Scuola Media F. Baracca di via M. U. Guattari. La scelta della giunta Boccuzzi di investire (ma ad oggi non è dato sapere né quanto e né quando) nasce per rispondere alla richiesta del Campidoglio di risparmiare sui fitti passivi, che a Roma, non dimentichiamolo, superano i 20 milioni di euro.

A nulla purtroppo, sembrano essere servite le proteste e manifestazioni di alunni e genitori, la raccolta di oltre 1.300 firme, le interrogazioni delle opposizioni  sia in municipio che in Campidoglio e la disponibilità della proprietà dell’edificio di via Tor de’ Schiavi 175 a praticare uno sconto sul canone di locazione di oltre il 20%.

La contrarietà allo spostamento era motivata sia dalla distanza, che è di oltre un chilometro dalla sede attuale e sia dal fatto che per raggiungere via Carpineto i ragazzi, di un’età tra gli 11 e i 13 anni, dovranno percorrere strade strette a senso unico e per di più prive di marciapiedi.                      Ma veniamo al flop delle preiscrizioni che, come abbiamo detto, non hanno superato le 50 unità e che, al massimo, potranno consentire la formazione per il prossimo anno scolastico di tre classi, contro le cinque dell’anno scolastico in corso formate da 20/22 alunni di media per classe. Lo scorso anno erano 5 prime con una media di 20-22 per classe. Un dato che è in prospettiva vuol dire la fine della Scuola G. Massaia. In quanto appare ovvio che le eventuali  conferme degli alunni nelle classi 2e e 3e potrebbero essere legate alla sola necessità per genitori ed alunni a non interrompere un percorso didattico già avviato.

A meno di colpi di scena assisteremo per l’anno Scolastico 2018/2019 al trasferimento della materna alla scuola Pezzani di piazza dei Mirti e, come detto, della G. Massaia alla Virginia Woolf.

E gli spazi presenti nella storica Scuola F. Cecconi? Si sono chiesti in questi mesi di proteste migliaia di persone tra cittadini e genitori degli studenti.  Silenzio assoluto della Giunta Boccuzzi… alla faccia dei tanto declamati coinvolgimento e inviti alla partecipazione dei cittadini alle scelte politiche programmatiche nell’era Pentastellata.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti