Due problemi da risolvere a Tor Tre Teste

Il bus che non c'è e la scalinata proibita
Redazione - 15 febbraio 2018

“Buongiorno gente di Tor Tre Teste, – scrive Elisa sul gruppo di Facebook di Tor Tre Teste – sono alla fermata del nostro auto di quartiere, unico e solo.
Un auto della cui linea si lamenta chiunque.
Dunque pensavo, invece di fare le ronde per farvi sentire al sicuro, di impiegare le energie per qualcosa di molto più concreto che serve soprattutto a tutte quelle persone che senza auto sono costrette a rimanere nel nostro quartiere “enclave”. Anziani, disabili, persone sprovviste di macchina.

La situazione peggiora di giorno in giorno. Io credo che sarebbe utile, per esempio, organizzare una sorta di assemblea di quartiere, per strada, non dentro quattro mura.

Tra la gente è per la gente. Qualcuno è disposto a seguirmi?”

“Sono circa due anni – scrive (e allega tre foto) nello stesso gruppo A. Iamarino – che questa gradinata è chiusa.

Faccio presente che collega con asili, elementari, medie e carabinieri, ma il comune ha pensato bene di chiuderla (buttando la chiave) è non di rifare l’intonaco. Vergognatevi!”.

Due problemi, il primo, quello del famigerato 556, risalente quasi alla nascita del quartiere, e non solo non risolto, ma nel corso degli anni peggiorato (ed era difficile immaginare un peggioramento del “servizio”, si fa per dire, che costringe alla segregazione dal resto della città un quartiere che comunque ha servizi importanti (Commissariato, Carabinieri, Poste, Biblioteca comunale, Impianto di atletica e rugby) ed eccellenze: la chiesa di Meier, il parco Tor Tre Teste, l’Acquedotto Alessandrino).

Il secondo più recente ma non meno indecente: la chiusura per mancati lavori da oltre due anni della scalinata che collega via Davide Campari con largo Appio Chieregatti e vie limitrofe.

Eppure in questi giorni saremo invasi da dichiarazioni d’amore per le periferie da politici di ogni colore e sfumatura. Ai quali ci limitiamo a dire: “ci sono questi due problemi, irrisolti da sempre, diamoci da fare!


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti