Code su code all’INPS Casilino di via Longoni

In un avviso si informa che a causa “di comprovate ragioni di sicurezza e in attesa dell’effettuazione dei lavori”, non possono essere ricevute più di 40 persone nella struttura
E-mail dei lettori - 11 febbraio 2018

Vorrei segnalare una criticità che riguarda il nostro territorio (V municipio), ossia la situazione che si è creata da qualche mese all’INPS Casilino, in via Longoni.

Come si legge nell’avviso del 31.10.2017, a causa “di comprovate ragioni di sicurezza e in attesa dell’effettuazione dei lavori”, al fine di evitare un sovraffollamento, nella struttura non possono essere ricevute più di 40 persone alla volta.

Ciò significa che all’esterno dell’edificio si forma ogni giorno una fila di decine e decine di persone, tra cui anche numerosi anziani, che debbono aspettare in piedi per più ore, esposte al freddo, al vento ed alla pioggia, prima di poter entrare nell’edificio.

I numeri per poter conferire con gli impiegati vengono dati all’interno dell’edificio solo fino alle ore 12, per cui può succedere, come peraltro è successo a me ieri, di fare la fila per più di un’ora inutilmente e di dover poi tornare il giorno dopo.

Ovviamente la fila non si conclude all’esterno dell’edificio: una volta entrati e preso il bigliettino, bisogna affrontare all’interno una seconda fila di mezz’ora circa, ma almeno questa avviene al riparo ed al caldo, con la possibilità di sedersi e di poter andare al gabinetto.

Magari un vostro articolo su questa spiacevole realtà, soprattutto per chi ha lavorato tanti anni e poi si trova a dover subire tutto ciò solo per poter consegnare un documento, potrebbe accelerare i tempi necessari ad una soluzione del problema.

Grazie per l’attenzione.

Emilio Giacomi

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti