“Anche se il nostro Maggio…” tributo a Fabrizio de André

Lunedì 21 maggio ore 21, alla Sala Umberto nel 50° anniversario della rivolta del maggio Francese del ‘68
Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 11 maggio 2018

Lo spettacolo-concerto vedrà sul palco Ninè Ingiulla e Mercantifiera 2.0 che renderanno omaggio al cantautore genovese che ha dedicato la sua intera produzione poetica e musicale alle storie delle minoranze, dei vinti e del potere che li ha sopraffatti.

Dall’Antologia di Spoon River alla Buona Novella fino al suo ultimo lavoro, Anime Salve, passando per Storia di un Impiegato, il Concept Album che si apre proprio con La Canzone del Maggio,l’attenzione e la tensione nei confronti dell’individuo non vengono mai meno, regalando così alla musica, alla tradizione poetica e alla storia una delle istantanee più belle della società contemporanea.

Ninè Ingiulla e i Mercantinfiera2.0, gruppo veronese attivo nel panorama musicale da oltre vent’anni, ripercorrono il vasto repertorio di De Andrè, dagli esordi fino all’ultimo album.

Gli arrangiamenti sono riproposti nel modo più fedele possibile a quelli originali e rappresentano uno dei tratti distintivi del gruppo.

Scelta, questa, di grande impatto, grazie anche al timbro coinvolgente ed evocativo del cantante Ninè Ingiulla.

Sul palco insieme a loro, ad introdurre lo spettacolo, lo scrittore e critico letterario Stefano Gallerani, che guiderà il pubblico nel mondo di Fabrizio de André.

Un tributo imperdibile per chi ama il cantautore, il poeta, l’anarchico, Fabrizio de André.

 

Bruno Cimino e Bruna Fiorentino

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti