Ottavo appuntamento con “Il tuo quartiere non è una discarica”

Oltre 50 le tonnellate di rifiuti raccolti nei municipi dispari
i comunicati dell'Ama - 15 ottobre 2012

Sono circa 50 le tonnellate di rifiuti ingombranti, elettronici e speciali raccolte, domenica 14 ottobre 2012, nei municipi dispari della città, nell’ottavo appuntamento del 2012 con “Il tuo quartiere non è una discarica” la campagna, organizzata da AMA in collaborazione con il TGR Lazio.

Nei 26 siti di raccolta (12 ecostazioni, 8 punti di raccolta mobili e 6 strutture fisse) i cittadini hanno potuto conferire sia i normali rifiuti ingombranti (sedie, letti, divani, scaffalature, materassi, ecc.) sia le apparecchiature elettriche e elettroniche (i cosiddetti RAEE: computer, televisori, stampanti, telefonini, frigoriferi, lavatrici, condizionatori, ecc.). Ama provvederà a differenziare secondo la categoria merceologica (legno, ferro, plastica, altri metalli, ecc.) i rifiuti riciclabili raccolti nelle diverse postazioni per poi avviarli al recupero.

“Abbiamo deciso di confermare questo appuntamento, anche in coincidenza con la domenica ecologica indetta da Roma Capitale, per assicurare comunque ai cittadini la possibilità di liberarsi dei rifiuti ingombranti ed elettronici- ha sottolineato il presidente di Ama Piergiorgio Benvenuti – Sempre più romani ricorrono a questa iniziativa oltre che, quotidianamente, alle nostre strutture fisse e alle postazioni mobili per smaltire gratuitamente tutti quei materiali che, per dimensioni o tipologia, non possono e non devono essere gettati nei cassonetti stradali.Ci tengo poi a ricordare-conclude Benvenuti-che dall’inizio di ottobre quattro centri di raccolta aziendali sono stati attrezzati per accogliere gli oli lubrificanti esausti , grazie ad una convenzione sottoscritta da Ama con il consorzio obbligatorio degli oli usati. Tutte le informazioni sono facilmente accessibili sul nostro sito www.amaroma.it  "

La campagna “Il tuo quartiere non è una discarica” tornerà domenica 11 novembre nei Municipi pari. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti