Minniti: gli strumenti contro i roghi tossici ci sono. Ma il Comune deve fare la sua parte

Redazione - 7 novembre 2017

Il Ministro Minniti, In una lettera alla Commissione Periferie ha fatto sapere che gli strumenti per contrastare e debellare il fenomeno dei roghi tossici già esiste e che il Comune di Roma deve battere un colpo.

Commenta Enzo Richetti del Comitato di Morena: “I CdQ e Associazioni Civiche di Roma, pur essendo a conoscenza della lettera del Ministro da un po’ di tempo hanno ritenuto fosse rispettoso attendere il benestare della Commissione Parlamentare prima di pubblicarla. Il rispetto quando lo si pretende bisogna poi anche essere pronti a darlo, tanto più che il ritardo di poche ore nell’ufficializzare la notizia non è ciò che influisce sull’iter di approvazione delle misure che i CdQ e le Associazioni Civiche di Roma hanno proposto alle Istituzioni.
La Sindaca ora deve dare prova della sua esistenza come Amministratore, magari eliminando gli ologrammi del suo Ufficio di Gabinetto inserendo persone reali non intente a girarsi i pollici e scrivendo la richiesta di interventi che i CdQ e Associazioni di Roma hanno prodotto in sua vece. In sostanza alla Sindaca chiediamo, constatato che non è stata capace di chiudere le mani per battere i pugni sul tavolo delle Istituzioni affinché producessero gli atti utili a difendere la salute e la sicurezza dei Cittadini che amministra, le chiuda per impugnare una penna e scrivere al Ministro Minniti che a Roma urge applicare il protocollo attuato a Giuliano, rafforzandolo con ‘Strade Sicure’.
Qualora non si senta in grado di farlo, personalmente mi permetto di consigliare a Lei e ai suoi Collaboratori, come direbbe Grillo, di ANDARE A QUEL PAESE NON PER UN GIORNO MA PER SEMPRE.
Ringrazio di cuore Tutti gli Amici di Comitati e Associazioni in coordinamento, in particolare quelli con cui ieri c’è stata una piccola incomprensione.
Un ringraziamento personale molto sentito al Presidente del CdQ Tor Sapienza Roberto Torre memoria storica di questa battaglia e insostituibile sentinella, Gabriella Masella, Dina Rencricca Perri e Eleonora De Matteis per aver fornito il necessario pragmatismo a una sorta di “armata Brancaleone”, un ultima citazione al nuovo amico, polentone torinese sempre in bollitura, Paolo Di Giovine, persona molto corretta con un altissimo tasso di decisionismo.
Concludo… con un invito alla Sindaca: VIRGÌ, IN AMICIZIA DATTE NA MOSSA….. I CITTADINI PIÙ DI QUESTO, A GRATIS, NON POSSONO FARE”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti