Le maschere di Halloween sono tornate a riempire le strade dell’Alessandrino

Sara Narzi - 4 novembre 2017

Il 31 ottobre si è svolta la terza edizione di Halloween per i bambini del quartiere Alessandrino: un’ondata di mostri e streghette si è riversata nelle strade del quartiere terrorizzando i negozianti, che non hanno potuto che difendersi con dolci e caramelle in quantità.

Dopo il successo delle scorse due edizioni, l’Associazione Città Alessandrina, insieme al CdQ Alessandrino e al CIP Alessandrino, hanno voluto riproporre l’iniziativa coinvolgendo nella realizzazione anche altre realtà associative e non.
A dare il loro contributo sono intervenuti quest’anno: il Comitato dei genitori dell’istituto di via Luca Ghini, il Comitato Sviluppo Locale – Tor Tre Teste, il Fusolab 2.0 e la chiesa di S. Giustino.

Oltre agli organizzatori, ad aspettare grandi e piccoli mascherati nel parchetto di via del Campo c’era la compagnia teatrale “Miscele Attive” del Liceo Classico Benedetto da Norcia, che ha aiutato i bambini a difendere “Bel Posto” (il loro quartiere) da un mostro cattivo, impugnando l’arma più potente che ci sia: la musica! Per fare ciò sono stati distribuiti degli strumenti musicali “home made” (materiale riciclato e riadattato per l’occasione come shaker o percussioni).
Successivamente si è proseguito con il consueto “dolcetto o scherzetto?” tra i negozianti del quartiere, che ogni anno accolgono con entusiasmo l’iniziativa.

L’obiettivo degli organizzatori, che operano con spirito volontaristico, è quello di far vivere in maniera partecipativa il quartiere ai bambini e alle loro famiglie, facendoli sentire parte di una grande comunità, insegnando loro il rispetto per l’ambiente e stimolando il loro senso di appartenenza al territorio e di condivisione. Il tutto divertendosi!
Un esempio di cittadinanza attiva e virtuosa, che ai giorni nostri è sempre più raro trovare e dal quale bisogna prendere ispirazione per puntare a una periferia migliore sotto il profilo umano e sociale.

Sara Narzi


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti