La moneta locale, strumento di promozione dell’economia solidale

Incontro-dibattito all'Incubatore d'Impresa Sociale InVerso nell'XI municipio
di Cristina Colaninno - 18 maggio 2006

L’Incubatore delle Imprese Sociali InVerso (via L. Montuori 5) ha ospitato l’8 maggio un incontro–dibattito intitolato: "La moneta locale come strumento di promozione dell’Economia Solidale – Incontro con Paul Glover, fondatore di Ithaca Hours, la più importante e diffusa esperienza di moneta locale negli Usa" (organizzato da "Socialforge" e promosso da Comune di Roma – U.O. Autopromozione Sociale, Municipio XI, Incubatore delle Imprese Sociali "Inverso", Rete del Nuovo Municipio).

All’introduzione, a cura del prof. Domenico De Simone, è seguita la relazione di Paul Glover, l’ideatore delle Ithaca Hours e del fondo di Ithaca per la salute. Glover è laureato in scienze pubblicitarie e gestione urbana. Ha fondato la Citizen Planners di Los Angeles. È autore di Hometown Money e Health Democracy.

Al dibattito sono intervenuti l’assessore Luigi Nieri (Regione Lazio) e l’assessore Gianluca Peciola (Municipio Roma XI).

Le Ithaca hours sono nate nel 1991, ad Ithaca, New York (Usa). Sono delle banconote complementari che possono essere usate in pagamento di beni e servizi nel raggio di 50 miglia intorno ad Ithaca. Una Ithaca hour in termini di potere di acquisto vale dieci dollari e i commercianti possono accettare questa moneta nella misura in cui a loro volta riescono a coprire le proprie spese in hour per pagare i fornitori locali.

Secondo le indagini di Bernard Lietaer, il sistema ha emesso l’equivalente di oltre 630 mila dollari e la moneta è passata di mano a oltre 1.300 persone. Il denaro locale è stato stampato in funzione anti-multinazionali (nello specifico per opporsi agli ipermercati Wal-Mart fonte di sfruttamento per lavoratori e produttori): le hours di Ithaca rimangono nella regione per pagare il lavoro locale, rafforzano gli scambi comunitari ed espandono un commercio maggiormente attento all’ecologia e alla giustizia sociale della comunità.
Le banconote hour sono accettate da idraulici, falegnami, elettricisti, infermieri, bambinaie, meccanici e da migliaia di fornitori di beni e servizi.
La banca di credito cooperativo locale le accetta per le ipoteche e per gli interessi sui prestiti e la sede della banca è stata costruita con finanziamenti in moneta locale. La gente paga l’affitto con le hour e molti ristoranti e cinema a New York le accettano. Anche l’ospedale accetta questa moneta complementare. Si è rinsaldato lo spirito di comunità e oggi è possibile ottenere prestiti a tasso zero; inoltre attraverso tale meccanismo si dà credito all’economia sociale del luogo.

Lo scopo del Progetto Ithaca Hour è quello di favorire una circolazione locale dei redditi e una espansione delle opportunità di consumo per gli aderenti. Vi aderiscono più di 2 mila persone e oltre 400 piccole e medie imprese.
Alla base del funzionamento sta un giornale, tirato in 6 mila copie distribuite gratuitamente. Al suo interno si trovano: le informazioni per le attività di auto-aiuto, la promozione della valuta locale e le offerte. Fa pubblicità ai singoli e alle aziende che accettano Ithaca Hour in pagamento. http://www.ithacahours.org , http://www.ithacahours.com  
Socialforge è un gruppo di lavoro informale internazionale, nato nel 2003, che si riunisce intorno ad un sito web (www.socialforge.net ) a libera contribuzione (sul modello di Wikipedia) e che ha come obiettivo la ricerca e l’elaborazione collettiva di nuovi modelli sociali, politici, economici, tecnologici ed ecologici. In tempi recenti, il sito è stato usato per scrivere collettivamente in rete il Documento Programmatico della Rete di Economia Solidale.

Paul Glover è intervenuto nel dibattito con un’interessante spiegazione del fenomeno Ithaca Hour. >>>


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti