Discarica, lettera ai romani di Marino: “Mai più rischi per la salute dei cittadini”

Il sindaco di Roma: Nuove Malagrotta non ce ne potranno più essere e non ce ne saranno
Redazione - 10 agosto 2013

Pubblichiamo il testo della lettera indirizzata dal sindaco Ignazio Marino a tutti gli abitanti della capitale e che contiene l’impegno del primo cittadino nei confronti della città sul tema dei rifiuti e dell’ambiente

Care romane e cari romani,

vi scrivo a proposito dei rifiuti per fugare timori e sospetti su una materia che è stata troppo spesso affrontata male, senza la necessaria conoscenza e, a volte, non nell’interesse di tutti.

E’ vero, nel nostro Paese i rifiuti costituiscono ancora un problema. Tanto più in una città come Roma.

E’ vero, spesso le istituzioni non hanno svolto il loro ruolo con perizia e diligenza. A volte non sono state chiare con i cittadini e non sono state efficienti.

Per oltre trent’anni si è fatto ricorso a discariche che accoglievano rifiuti indifferenziati.

Veri e propri mostri come Malagrotta.

Nuove Malagrotta non ce ne potranno più essere e non ce ne saranno.

Malagrotta chiuderà per sempre il 30 settembre prossimo e questa è una buona notizia per tutte le romane e i romani.

Ma qualcosa era già cambiato anche a Malagrotta.

Dall’aprile del 2013, infatti, non si conferiscono più rifiuti indifferenziati. Quindi non è più possibile che una discarica si riempia di immondizia maleodorante, in grado di fermentare, inquinare l’aria e le falde. 

Ogni nuova discarica che verrà attivata accoglierà solamente rifiuti trattati e stabilizzati. Lo riteniamo indispensabile per la salute delle persone e per il nostro ambiente ed è anche un obbligo di legge imposto dall’Europa.

A Roma i rifiuti indifferenziati, cosiddetti talquale, non saranno mai più smaltiti in discarica.

Il modo migliore per ridurre al minimo le discariche, comunque, resta la raccolta differenziata. Raccolta che le istituzioni si impegnano a incrementare e a rendere più funzionale.

Però ci serve l’aiuto dei cittadini. Ci serve il vostro impegno, unito al nostro, nel fare le cose meglio nell’interesse di tutti. 

Più differenziata vuol dire meno discariche.

Vuol dire recuperare risorse dal ciclo dei rifiuti.

Vuol dire ottenere città più pulite e vivibili, a misura di bambino.

Vuol dire meno pericoli per la salute.

Nel momento in cui vi chiedo questo tipo di impegno è giusto dirvi quale deve essere il mio.

Mi impegno a migliorare, incrementare e rendere più efficiente la raccolta differenziata. 

Mi impegno a fare in modo che la parola discarica non sia mai più sinonimo di rischi e pericoli.

Mi impegno a rendere la discarica un luogo dove i rifiuti vengono interrati senza disagi per le persone.

Mi impegno a rendervi conto di quello che faccio e a spiegare le mie scelte, sempre e con trasparenza.

Ignazio Marino, sindaco di Roma

09 agosto 2013


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti