Delusione per mancato prolungamento via Longoni da via Collatina all’A24

Cancellato dalla lista degli interventi per Roma Capitale c
riceviamo e pubblichiamo - 25 febbraio 2010

Sono deluso e molto amareggiato.

Ricordate la “Lettera aperta per prolungamento via Longoni da via Collatina all’A24” con la quale si pregava il Sindaco ed altri di realizzare l’importante infrastruttura?

Ebbene, il problema è risolto!

Nel senso che il lavoro è stato cancellato dalla lista degli interventi per Roma Capitale con Deliberazione n. 118 del 17 Dicembre 2009 (allegata).

Ricordo a tutti che già l’importante opera (prevista nel nuovo P.R.G.) era stata già cancellata una prima volta dalla lista iniziale dei lavori compensativi della TAV per la realizzazione dell’Alta Velocità (l’ho vista nel Plastico esposto a suo tempo!) e poi riproposta con la Legge per Roma Capitale (Legge 15 Dicembre 1990) e finanziata con € 1.500.000 (pochi, ma meglio di niente) con il D. M. del Ministero delle Infrastrutture del 28/11/2007 alla voce d1.10.

Ribadendo la bontà delle motivazioni già espresse nella lettera aperta chiedo al Sindaco, agli assessori Comunali e al Presidente del VII Municipio il perché la stessa opera è stata di nuovo definanziata!

Tra l’altro, dalla Delibera non si comprende se l’opera sarà di nuovo finanziata in altro modo (ammesso che si voglia fare). Anche per questo, per favore, se qualcuno che lo sa, può dirci come stanno le cose?

Ma almeno, e spero presto, si farà la rotatoria tra Via E. Longoni, Via Collatina e Via Alessandro Castelli? Questa era la prima parte del progetto (la seconda parte prevedeva la realizzazione del cavalcavia ferroviario e l’allaccio al sistema di svincoli della A24) e che dovrebbe essere realizzata nell’ambito dell’Accordo di Programma che prevede in zona la realizzazione di residenze e di capannoni per il deposito degli scenari del Teatro dell’Opera.

Se poi questo Accordo di Programma non sarà realizzato a breve (oppure chissà se mai si farà), propongo di stralciare la rotatoria dalle opere compensative dell’Accordo stesso e di finanziarla in altro modo.

Aggiungo che in considerazione del fatto che il Gruppo Esselunga Supermercati con sede nella Regione Lombardia vuole entrare nel mercato romano in modo imminente, come da dichiarazioni fatte dal proprietario su alcune testate giornalistiche (senza specificare volutamente le sedi), non vorrei che proprio un Supermercato sia aperto in uno di quei capannoni (in altri è previsto l’Archivio delle Agenzie dell’Entrate) che si stanno costruendo su Via Collatina all’angolo esterno del GRA (tra la Collatina e Metro per intenderci).

In tal caso, oltre alla “mazzata” che riceveranno le attività commerciali esistenti di Tor Sapienza e La Rustica, penso alle ripercussioni sul già intenso traffico che c’è su Via Collatina e quindi sull’inquinamento ambientale e sulla sicurezza di La Rustica e Tor Sapienza stessa.

Ancora oggi mi fermano per strada (sia in Via di Tor Cervara che in P.zza De Cupis) automobilisti che provengono da tutte le direzioni che mi chiedono come arrivare al Centro Commerciale ROMA EST o ad Assso e gentilmente (mica tanto!) gli indico il percorso. Ma so già di non farcela più ad essere gentile nell’indicare poi anche il percorso per arrivare all’Esselunga.

Se poi sentirete in giro di qualcuno che in quelle occasioni va imprecando a “destra” e a “manca”, sappiate che potrebbe essere il sottoscritto.

Con l’occasione, ma le Complanari all’ A24, che fine hanno fatto?, come mai L’Autostrada dei Parchi non ha ancora fatto il bando di gara?

Sandro Terenzi


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti