A Centocelle scritte omofobe sul muro della scuola di danza Vanity Dance Studio

Il Vicesindaco di Roma Luca Bergamo: “Esprimo la mia solidarietà”
Redazione - 12 agosto 2017

“La Vanity Dance Studio chiude!” È il titolo dell’annuncio postato il 10 agosto 2017 insieme le immagini delle scritte omofobe che non riportiamo per non fare pubblicità gratuita agli imbecilli, che con esse hanno lordato i muri della scuola.

Il post cosi prosegue: “Dal primo giorno che abbiamo aperto purtroppo abbiamo avuto problemi con alcune persone, minacce… discussioni …inseguimenti … atti intimidatori… allagamenti … tutto documentabile! Con tutte le forze abbiamo cercato di andare avanti cercando di creare un clima familiare all’interno della scuola! Non abbiamo ancora avuto il coraggio di denunciare l’accaduto, oggi troviamo il coraggio di parlare. Queste sono le immagini di quello che abbiamo trovato nella nostra scuola giorni fa! Mi auguro che non accada ad altri quello che oggi è accaduto a noi! Perché tutto questo credetemi fa veramente male! Andrea & Simone”.

Abitare a Roma condanna il vile gesto che disonora tutto il quartiere ed esprime la più viva solidarietà a Vanity Dance Studio ha sede a Centocelle in via Valmontone 16.

Il  Vicesindaco  Luca Bergamo ha commentato:  “Sono solidale e vicino a chi lavora e frequenta la scuola di danza Vanity Dance Studio. Chi fa scritte omofobe manifesta solo ignoranza e aggressività che sono spesso prodotto della paura di chi non ha gli strumenti per affrontarle”.


Commenti

  Commenti: 1


  1. Mi trovo solidale verso la scuola di danza . Penso che le autorità avrebbero dovuto intervenire più decisamente , non con semplici parole , ma con delle manifestazioni pubbliche. In particolare Luca Bergamo si sarebbe dovuto coinvolgere maggiormente nella faccenda; non solo a parole. La nostra costituzione propugna la libertà di espressione indipendentemente da razza, religione, sesso. Purtroppo la gente comune, quella che ha giustificato l’uccisione di Pasolini e che è omofoba è ancora tanta. Bisogna fare ancora tanta strada.

Commenti