L’Ater di Roma una azienda da chiudere

L’Ufficio vendite dell’Ater di Roma ha preso un’altro abbaglio.

Improvvisamente il suo dirigente ha deciso che la legge regionale N^27/06 e precisamente l’art.52 comma 3 non deve essere più applicato.

Questo è un fatto gravissimo, che dimostra come all’interno dell’Ater ci sia solo una grande babilonia dove ognuno fa quello che gli pare.

Inoltre, non comprendiamo tale arbitraria decisione, che sta creando grave disparità di trattamento tra gli assegnatari acquirenti di Torre Spaccata che devono acquistare la loro casa ad un prezzo maggiore di quanto l’ha acquistata il proprio vicino che l’ha acquistata 10 giorni fa.

Siamo sgomenti di tali atteggiamenti da parte dell’Ater che non trovano riscontro in nessuna normativa vigente.

Inoltre abbiamo anche verificato che coloro che hanno ottenuto la sanatoria e debbono acquistare il loro alloggio l’effettiva occupazione per l’abbattimento del prezzo invece di essere calcolata da quando è stata pubblicata la legge, la fanno decorrere da quando il comune ha approvato la delibera di sanatoria.

Commettendo così un’altro abuso e violando la legge, in quanto la sanatoria sana a monte e a valle, ovvero dal momento della domanda e non dal momento dell’approvazione della delibera.

La sottoscritta si battera alffinchè venga ristabilita la legalità all’interno dell’ATER DI ROMA

193 Responses to “L’Ater di Roma una azienda da chiudere”

  1. Andrea scrive:

    La ringrazio sig Annamaria la chiamo lunedì mattina

  2. addante scrive:

    OK.

  3. Antonio scrive:

    Gentilissima Sig. Annamaria,
    le scrivo per avere chiarimenti per un appartamento ATER da me occupato perche assegnato a mio padre nel 1988 , stiamo parlando di allogi di servizio assegnati ad apparteneti alle forze dell’ordine.
    Sfortunamente nell 1991 mio padre e deceduto, e l’appartamento e stato occupato da mia madre facendo regolare censimento, ma non avendo mai usufruito di una sanatoria, cio significa che mia madre pagava la boletta intesta a mio padre.
    Nel 2009/2010 l’appartamento in questione sono andati in vendita e mia madre non essendo titolare e assegnataria dell’alloggio, non gli e arrivata nessuna pubblicazione di vendita dell’alloggio, avendo poi fatto i dovuti accertamenti all’ATER , per la mancata convocazione di vendita, ci veniva riferito che si doveva regolarizzare, cioe facendo la sanatoria dell’alloggio e diventare titolare( assegnataria ) dell’alloggio.
    Dopo aver pagato circa € 2000,00 per l’assegnazione dell’appartamento oltre a non aver provveduto all’assegnazione dell’appartamento a nome di mia madre e dopo aver scritto piu lettere all’ater per la vendita dell’appartamento, ed essere sbattuti da un uffico dell’ater per spiegazioni in merito della mancata vendita, l’uffucio allienazioni dell’alter ci riferiva che le vendite degli alloggi ATER erano bloccate.
    Premetto che in tutto questo tram tram di avanti e indietro di risposte da parter dell’ater, le bollette di affitto dell’ater venivano comunque intestate a mio padre deceduto nel 91 e che nel 2011 e deceduta anche mia madre, attualmente lo scrivente abita in questo appartamento dal 2011, ho fatto l’ultimo censimento nel 2012, e che ho pagato le bollette intestate a mio padre fino a novembre 2013 , e oggi mi sono visto arrivare una bolletta di indennita di occupazione pari a € 1000 intestata a nome mio.
    Le chiedo gentilmente alla Sig.ra Annamaria di poter avere delucidazioni in merito all’allienazione dell’alloggio in questione se posso continuare io la pratica di allienazione dell’aloggio, e per quanto tempo ancora devo pagare cifre astronomiche pari a € 1000,00 per l’indennita di occupazione, (in precedenza con l’adeguamentoi del canone ne pagavo € 200,00 )
    Faccio presente inoltre che l’assegnazione di tali alloggi non è avvenuta dal comune di Roma ma dalla prefettura per gli apparteneti delle forze dell’ordine, e che lo scrivente ne fa parte.
    Rimango in attesa di Vostre comunicazioni in merito ringrazio.

  4. addante scrive:

    MI CHIAMI SUBITO AL CELLULARE 3394581140, PERCHE’ TEMO CHE L’ABBIANO TRUFFATA.

  5. Chiarax scrive:

    Gentilissima Signora Annamaria, oggi hanno iniziato degli sgomberi coatti a Roma e si dice che continueranno ignorando la sanatoria del 2007 della quale, dopo aver ricevuto risposta positiva e dopo aver consegnato il tutto all’ufficio preposto a lungotevere non ho più saputo nulla. L’impiegato mi aveva detto che mi avrebbero chiamato per il contratto ma so di persone che sono in attesa da 20 anni alla garbatella. Come si deve comportare chi avrebbe solo voglia di pagare il giusto e dormire la notte. Io vivo sola con mia figlia, siamo noi il nostro nucleo familiare. La ringrazio sin d’ora per l’attenzione prestata e le porgo i miei più cordiali saluti.

  6. addante scrive:

    chiamami al 3394581140

  7. silvana scrive:

    gentilissima signora annamaria,vorrei un informazione da lei,se possibile. sono in una casa ater da 10 anni,stavamo con la nonna di mio marito perche’ non potevamo permetterci un affitto, 7 anni fa la nonna e’ morta ed e’ nata mia figlia, 5 anni fa con mio marito ci siamo separati.le premetto che io ho la residenza nella casa da dieci anni e mia figlia da sette. abbiamo sempre pagato e fatto censimenti regolari.come mi devo comportare nei confronti dell’ater e ache cosa posso andare in contro.la ringrazio cortesemente della sua risposta e la seguo sempre lei e’ mangifica.grazie

  8. addante scrive:

    Continui a pagare le bollette del canone e se esce una sanatoria faccia la domanda.
    Lei è occupante abusiva

  9. simo scrive:

    Si susseguono voci di una sanatoria imminente.gli ultimi regplarizzati risalgono a novembre 2006.lei ne ha sentito parlare?

  10. addante scrive:

    No ancora non se ne sa nulla perc hè prima devono fare la riforma e semmai dopo

  11. Jey scrive:

    Salve signora AnnaMaria, da circa un anno abito con una signora che conosco da 20 anni, poichè lei è sola e non sta molto bene.. nel 2014 mi ha anche messo nel suo censimento… una volta che lei sarà deceduta posso fare richiesta di voltura contrattuale o risulterò comunque occupante? nel caso cosa mi consiglia di fare?

  12. addante scrive:

    Sarai occupante abusiva a tutti gli effetti, se mi telefoni ti spiego bene perché, stare nel censimento non da nessun diritto 3394581140

  13. Stefano scrive:

    Salve, a giorni andró a convivere con la mia compagna che è assegnataria di una casa popolare… Porto con me anche mia figlia, 25 anni.. Come posso fare per fare una convivenza legale con la mia compagna? In modo tale un giorno di poter aver diritto anche al subentro? Cosa devo fare per la convivenza?
    Grazie

  14. addante scrive:

    la sua compagna deve comunicare con lettera raccomandata all’ufficio di Zona dell’Ater di Roma che lei è il suo convivente e pertanto ai sensi della legge 12/99 art.12 va a convivere con lei e che insieme a lui va anche la figlia come ospite.
    Poi la sua compagna insieme a lei e a sua figlia andate in municipio a fare il cambio di residenza se lo ha si porti appresso il contratto e la copia della lettera che ha inviato all’Ater.
    Se al Municipio le fanno storie mi chiami al cellulare quando è al municipio e non dopo 3394581140

  15. Stefano scrive:

    Un giorno potrà rimanere anche a mia figlia?

  16. addante scrive:

    Speriamo di si,se non cambiano

  17. Sara scrive:

    Salve, anche io devo andare a convivere con il mio compagno che è assegnatario di una casa ater…
    Potrebbe cortesemente spiegarmi bene i passi da fare? Per farli correttamente e poter nel caso un giorno poter anche richiedere il subentro
    grazie in anticipo

  18. addante scrive:

    andare in municipio e fare la convivenza e la residenza e comunicare all’ater, per aver diritto al subentro devono passare minimo 2 anni

  19. Sara scrive:

    Salve, mi scusi ho scritto male… L’intestataria della casa è la figlia del mio compagno…ovviamente il mio compagno ha la residenza con la figlia… Chi deve far la
    Richiesta di convivenza? Il mio compagno o l’intestataria???

  20. Serenq scrive:

    In base a cosa viene calcolata l’indennità di occupazione??? E come si calcola?

  21. addante scrive:

    BELLA DOMANDA,IN BASE ALL’EQUO CANONE MOLTIPLICATO PER UN CASINODI VOLTE.COSI CHI OCUPA UN ALLOGGIO TIPO TBM,CORVIALE LAURENTINO 38 TORRE SPACCATA O PIETRALATA PGA UN BOTTO CHI INVECE OCCUPA TESTACIO,GARBATELLA,SAN SABA TRASTEVERE,FLAMINIO PAGA MOLTO,MOLTO MENO
    VI PARE GIUSTO?

  22. Serenq scrive:

    E no non è giusto affatto

  23. addante scrive:

    Invece è giustissimo perché l’ATER così com’è è uno scandalo

  24. Marta scrive:

    Salve, sto andando a convivere con il mio compagno.. Per problemi di lavoro non riusciamo ad andare in municipio per
    Il cambio residenZa e convivenza.. Sul sito del comune di Roma ci sono i moduli per il cambio domicilio, posso usare quelli e fare il cambio online? Mettendo al motivi convivente more uxorio?
    Oppure come devo fare?

  25. addante scrive:

    se lo puoi fare online perché no?
    Ma ricordatevi di comunicarlo poi

  26. Marta scrive:

    Cosa devo scrivere all’ater?

  27. addante scrive:

    l’assegnatario deve comunicare all’ater che la sua compagna va a vivere con lui

  28. Marta scrive:

    Io non sono la compagna dell’assegnatario.. Ma
    Di un famigliare dell’assegnatario

  29. addante scrive:

    Non hai nessun titolo al subentro

  30. Marta scrive:

    Si ma la convivenza solo voglio fare io

  31. addante scrive:

    la convivenza la può fare solo con il titolare dell’alloggio

  32. Marta scrive:

    Come puo farmi la residenza? Come ospite?

  33. addante scrive:

    la residenza nelle case popolari ormai si fa solo agli aventi diritto

  34. Marta scrive:

    E se io abito li come faccio? Io effettivamente abito li

  35. addante scrive:

    puoi chiedere all’Ater l’ospitalità

  36. Marta scrive:

    Ok grazie

  37. Marta scrive:

    In quel caso risiedo comunque li giusto?

  38. addante scrive:

    Se l’Ater gli concede l’ospitalità si

  39. Marta scrive:

    Se non accetta
    Mi fanno la multa?

  40. addante scrive:

    non avrai la residenza per cui risulterai al vecchio indirizzo

  41. addante scrive:

    se volete risposte più precise o venite in associazione o mi chiamate x non è possibile tenere una conversazione a distanza di tempo

  42. Simone scrive:

    Gentilissima Annamaria Addante
    Da quindici anni io e mia madre viviamo in un appartamento Ater. Questo appartamento era stato assegnato al Sig. XXX, il quale dopo pochi anni aveva ospitato mio nonno che ha continuato ad usufruire dell’appartamento anche dopo la morte di tale signore pagando regolarmente l’affitto sempre a nome di questo signore. Quindici anni fa mio nonno e siamo entrati io e mia mamma prendendo la residenza. Nel 2007 mia mamma ha fatto domanda di sanatoria che due anni fa è stata rifiutata per superamento del reddito. Premetto che sono circa sette anni che arriva un affitto, sempre intestato al Sig. XXX di 850€ sempre come “canone di locazione”. Abbiamo fatto l’ultimo censimento dove mia mamma dichiarava un reddito di 20,000€ circa con me a carico e disoccupato. I primi di Luglio, pochi giorni fa, arriva l’ultima bolletta di affitto per la prima volta intestata a nome di mia mamma sempre della stessa cifra di 850€, ma non più citati come “canone di locazione”, ma bensì come “indennità di locazione” tutto questo dopo che l’Ater aveva appreso dell’ultimo censimento. Cosa ci possiamo aspettare in futuro?

  43. addante scrive:

    che vi dovete aspettare? Siete occupanti abusivi purtroppo e quella li è l’indennità di occupazione da pagare.Ma perché suo nonno non ha mai fatto la sanatoria?

Leave a Reply