L’Ater di Roma una azienda da chiudere

L’Ufficio vendite dell’Ater di Roma ha preso un’altro abbaglio.

Improvvisamente il suo dirigente ha deciso che la legge regionale N^27/06 e precisamente l’art.52 comma 3 non deve essere più applicato.

Questo è un fatto gravissimo, che dimostra come all’interno dell’Ater ci sia solo una grande babilonia dove ognuno fa quello che gli pare.

Inoltre, non comprendiamo tale arbitraria decisione, che sta creando grave disparità di trattamento tra gli assegnatari acquirenti di Torre Spaccata che devono acquistare la loro casa ad un prezzo maggiore di quanto l’ha acquistata il proprio vicino che l’ha acquistata 10 giorni fa.

Siamo sgomenti di tali atteggiamenti da parte dell’Ater che non trovano riscontro in nessuna normativa vigente.

Inoltre abbiamo anche verificato che coloro che hanno ottenuto la sanatoria e debbono acquistare il loro alloggio l’effettiva occupazione per l’abbattimento del prezzo invece di essere calcolata da quando è stata pubblicata la legge, la fanno decorrere da quando il comune ha approvato la delibera di sanatoria.

Commettendo così un’altro abuso e violando la legge, in quanto la sanatoria sana a monte e a valle, ovvero dal momento della domanda e non dal momento dell’approvazione della delibera.

La sottoscritta si battera alffinchè venga ristabilita la legalità all’interno dell’ATER DI ROMA

156 Commenti a “L’Ater di Roma una azienda da chiudere”

  1. monia scrive:

    La prego faccia di tutto…anche io sono un’occupante che ha presentato domanda di sanatoria nel settembre 2007, quando finalmente dopo un anno dalla legge sono usciti i moduli..Tra le altre cose se non vado errato l’indennità di occupazione và pagata fino alla presentazione della domanda e io invece la sto continuando a pagare e come me tantissime altre persone, questo perchè così l’ATER incassa di più con l’indennità di occupazione che con l’affito in base al reddito. Io sono disoccupata e dovendo pagare anche la multa alla regione lazio per occupazione abusiva diventa veramente difficile.
    Grazie anticipatamente per quello che riuscirà a fare…

    Annamaria Addante risponde

    Signora perchè non mi chiama direttamente sul telefono che così vedo di risolvergli il problema il mio cell.3394581140

  2. spina luciana scrive:

    condivido perfettamente la sua opinione in merito a: l’ ater è una azienda che deve chiudere!!!!!!!!!!nel nostro quartiere tiburtino terzo cè molto da raccontare su’ alloggi ater e manutenzione,infatti le sarei grata se accetterebbe un invito per sopraluogo……in modo tale che al piu’ presto si possa sollecitare il da farsi,visto la sua competenza alle problematche ater,e questo mi fa pensare che lei è la persona giusta!!!!……sono certa che la sua visita nel mio quartiere farà piacere a molti cittadini…..le cito una delle tante e assurde situazioni,il sig ferrante,anziano in dialisi per potersi recare in ‘ospedale per la tormentata dialisi deve attraversare le terrazze per prendere l’ascensore spesso, si fà anche fino alla prima scala, il suo non funziona mai!!!!sono anni che facciamo presente questa sgradevole vicenda a organi preposti(documentati)e poi ec..ec…a presto ci conto…la contatterò al suo municipio o cell visto la sua trasparenza…un cordiale saluto luciana….

    Annamaria Addante risponde

    Cara Luciana, sono disponibile a incontrarti,ma purtroppo ho avuto un brutto incidente di macchina e per un pò devo stare a riposo se tu vuoi ci possiamo risentire a settembre e vedere cosa fare insieme, se mi vuole chiamare al cellulare ne possiamo parlare meglio, anche per quanto riguarda l’ascensore del sig.Ferrante.

  3. Luana scrive:

    Anche io sono in attesa di essere sanata dal 2007, nessuno sa dirmi nulla, ed è veramente un problema perche sono passati due anni e mezzo , noi abitiamo in 38mq a settembre è nato mio figlio e davvero non ci entriamo +…..se non mi sanano non posso chiedere un cambio, mi saprebbe indirizzare da qualcuno che possa dirmi a che punto è la pratica visto che nessuno sembra saperne nulla…..? La ringrazio di cuore…

    Annamaria Addante risponde
    se lei mi invia i suoi dati le faccio sapere a che punto è la sua sanatoria,le do la mia e-mail per la riservatezza dei suoi dati am.addante@tin.it

  4. Giuliano Pietro Paolo scrive:

    Sono il Segretario Nazionale del S.I.D.I. (Sindacato Italiano Diritti Invalidi). Vorrei avere informazioni, in merito alla Sanatoria 2009, se e quando ci sarà. Ciò per poter dare risposte a tutti gli Associati del Sindacato, coinvolti nella occupazione degli alloggi dell’Ater.
    Cordiali saluti.

    Pietro Paolo Giuliano

    Annamaria addante risponde

    Caro Pietropaolo, mi fa piacere sentirti e ti do subito le informazioni che mi chiedi,il comune di roma ha ricevuto più di 14mila domande, di queste ne sono state lavorate già una parte consistente e di quelle lavorate chi non rientrava nella sanatoria è già stato avvisato,per quelli che occorrevano chiarimenti riceveranno una lettera al più presto alla quale dovranno rispondere entro i termini fissati.
    Comunque saranno esaminate tutte le domande pervenute entro i termini stabiliti per legge ovvero entro 24 mesi dalla presentazione della scadenza dei termini, così come previsto dalla legge11/07 art.11 capo 3.
    Per quanto riguarda le domande presentate con la riapertura dei termini anche quelle entro il prossimo anno saranno completate.
    Spero di essere stata esaustiva un caro saluto
    annamaria

  5. Luciano scrive:

    Sig.ra Addante buongiorno, sono un papà di 35 anni che da circa 5 sta trovando
    enormi difficoltà per poter regolarizzare la sua posizione di occupante senza titolo.
    Avrei bisogno, se possibile, di alcune informazioni o più precisamente dei consigli per affrontare il discorso sanatoria dell’Ufficio Politiche Abitative di Roma del 2007.

    Nello scorso Giugno mi hanno rifiutato per soli 571 euro la possibilità di regolarizzare la mia posizione per l’eccesso del mio reddito rispetto al limite normativo (il limite di reddito era di 20.000 con figlio a carico).

    Precedentemente avevo spiegato che nell’anno di riferimento della sanatoria
    avevo dovuto affrontare spese non detraibili tra cui anche una multa onerosa alla regione lazio per occupazione abusiva; che pago ad oggi (da ben 10 anni) il 300% dell’affitto; e di avere anche un’altro figlio residente con me, tutto ciò non è servito a nulla.

    Ad oggi mi trovo con l’incubo di uno sgombero, con due figlie piccole una moglie disoccupata e con la mortificazione di non poter continuare il mio progetto di vita, una famiglia serena con una casa dignitosa.
    Resto in attesa di qualche suo gradito consiglio
    la saluto cordialmente.

    Luciano

    Annamaria Addante risponde

    Caro sig.Luciano,
    io sono indignata per quanto sta succedendo è tutto ciò grazie all’unione inquilini che ha voluto fortemente che per la sanatoria si facesse riferimento al reddito di accesso.
    Mi sono battuta come un leone ed infatti nella notte fino alle 5 del mattino che la legge è stata approvata era stata approvata con il reddito di decadenza,come è sempre stato.
    A luglio le OO.SS. Sunia, SICET,UNIAT e UNIONE INQUILINI in particolare hanno preteso che fosse modificato con il redddito di accesso,purtroppo i politici presenti si sono fatti abbindolare compreso il Presidente e la legge è stata cambiata.
    Lei non è l’unico, infatti io ho chiesto un incontro con la commissione e giovedì alla Pisana mi dovranno ascoltare su questo,sui figli che possono rientrare,ma non le rispettive mogli e prole,e le vendite.
    Se lei può si faccia vedere Giovedì 11 settembre ore 10.00 presso il consiglio regionale in via della Pisana 1301 commissione lavori pubblici.
    Spero che questo annuncio lo leggano tutti quelli che si trovano come lei, io mi batterò,ma è importante la vostra presenza.

  6. simone mascia scrive:

    Buona sera sig.ra Addante,
    sono una neo mamma (mia figlia ha tre mesi), e per varie vicissitudini che se avrò modo le spiegherò ho dovuto presentare domanda di sanatoria.
    Ora a distanza di anni sono ancora costretta a pagare un indennità di occupazione che prima di mia figlia anche se con difficoltà riuscivo a pagare ora purtroppo pago ma non so fino a quando ce la farò visto che vivo con mia sorella che non ha lavoro io ho un part-time a 20 ore e non sono sposata e il sostegno dei genitori non è possibile perchè purtoppo non ho nemmeno più mio padre e mia madre con la pensione riesce a sopravvivere.
    Spero mi possa aiutare, vorrei almeno riuscire a pagare di meno di affitto.

    grazie

    Annamaria Addante risponde

    Certamente,mi invii tramite la mia e-mail am.addante@tin.it oppure mi telefoni 3394581140 oppure mi venga a trovare in associazione in via Elisabetta Canori Mora 15/21, perchè per aiutarla mi deve dire quando ha fatto la domanda quale quartiere è ed altri dati.
    Cordiali saluti e coraggio

  7. raffaella scrive:

    salve sono un occupante e so che è sono usciti gli esiti della sanatoria ho chiamato ad un ufficio del comune dove mi hanno detto che dovrei essere passata ma sto in ansia perche non ho la certezza ,sa anche io ho due bambini piccoli e sono soloa con un lavoro part time…. quindi vorrei sapere un po l iter di questa sanatoria e poi scusi l ultima domanda posso chiedere un cambio ? scusi per la mie troppe domande, le mando i miei piu cari saluti rafffaella

    Annamaria Addante risponde

    Se al comune le hanno detto che è passata stia tranquilla,ma comunque si faccia dare il numero della determinazione dirigenziale con cui è stata sanata.
    Per quanto riguarda un cambio se trova la persona disponibile a fare un cambio con lei è meglio e vi recate presso il suo ufficio di zona dell’ater per espletare le pratiche necessarie,non faccia mai nulla da sola, altrimenti lo può chiedere una volta avuto il contratto anche al comune,ma ….
    Appena sa il numero della determina con cui è stata sanata si deve recare presso il suo ufficio di zona per farsi adeguare immediatamente il canone in attesa del contratto.

  8. BARBARA scrive:

    ho fatto domanda in sanatoria di un alloggio popolare la cui gestione e’ del comune. So che entro 24 mesi (quindi 12/2009) il comune doveva definire le pratiche. Ieri mi sono recata agli uffici perche’ ad oggi non mi e’ arrivata alcuna comunicazione. Mi hanno detto che dovro’ pagare l’indennita’ di occupazione maggiorata del 100% dalla data di inizio del procedimento di decadenza (per vari motivi, avvenuta nel 2003) + la sanzione alla Regione. Ho una domanda ma una volta pagato il comune mi sanera’ o ha la possibilita’ di non rilasciare la concessione in sanatoria?
    La somma e’ abbastanza ma se sono sicura che la cosa si regolarizzera’ mi faro’ prestare i soldi, altrimenti……
    Grazie anticipatamente per la risposta.

    Annamaria Addante risponde

    Non ho ben capito cosa devi pagare.

    Chi occupa abusivamente un alloggio deve pagare l’indennità di occupazione che sarebbe un canone maggiorato e la multa alla regione Lazio.

    Il Canone ti deve arrivare con la bolletta, la multa la dovrai pagare anche a rate alla regione.

    Ti è stato fatto un verbale di contravvenzione dai vigili?

    A pagare la multa puoi aspettare il canone invece va pagato mensilmente.

    Perchè hai timore di non essere sanata?

    Il Comune ha tempo fino a dicembre per definire le graduatorie,ma visto che siamo in Italia sicuramente faranno una proroga.

  9. ALESSANDRA scrive:

    BUONA SERA SIGNORA ADDANTE CHI SCRIVE E’ UNA DISPERATA CHE DOPO 40 ANNI SI VEDE TOGLIERE LA CASA (DA CUI NON E’ MAI USCITA) IN CUI E’CRESCIUTA.CERCHERO’ DI RACCONTARE BREVEMENTE LA STORIA DOPO LA MORTE DI MIO PADRE MAGGIO 2005, ASSEGNATARIO DAL 1965 MIA MAMMA HA FATTO DOMANDA DI VOLTURA CHE GLI E’ STATA “GIUSTAMENTE ” NEGATA IN QUANTO INTESTATARIA DI UNA CASA IN PROVINCIA DI ROMA, CASA SEMPRE ABITATA DA MIO FRATELLO, PER CONSIGLIO DI UN SINDACATO MIA MAMMA SI E’ SUBITO ALIENATA DELL’IMMOBILE MA SENZA ESSERE CONSIGLIATI A FARE LA SANATORIA NEANCHE L’AVVOCATO A CUI CI SIAMO RIVOLTE NEL 2006 CI HA DETTO DI FARLA. ORA E’ POSSIBILE CHE CHI HA SFONDATO LA PORTA PER ENTRARE LIBERANDOSI DI TUTTI GLI EVENTUALI FARDELLI SI E’ TUTELATO? MIA MADRE E’ ANZIANA E HA UNA BUONA PENSIONE MA IO CHE HO UN REDDITO DI 600 EURO AL MESE CHE FINE FARO’? INTANTO CONTINUANO AD ARRIVARE LE LETTERE DI DIFFIDA DALL’ATER CHE PRESTO SI TRASFORMERANNO IN SFRATTO ESECUTIVO CONTINUO A VEDERE I FURBI INTESTATARI DI CASE IN MONTAGNA AL MARE MA FUORI DALLA PROVINCIA DI ROMA O INTESTATI AD ALTRI COMPONENTI DI FAMIGLIA. NON SO PIU’ A CHI RIVOLGERMI PASSO INTERE GIORNATE A CERCARE
    SU INTERNET LEGGI IN MATERIA MA SENZA NESSUNA VIA DI USCITA.E’ VERO LA LEGGE NON AMMETTE IGNORANZA MA E’ ANCHE VERO CHE NON E’ UGUALE PER TUTTI. MI SCUSI DEL TONO MA MI CREDA NON E’ FACILE LASCIARE LA “PROPRIA” CASA DOPO 40 ANNI.

    Annamaria Addante risponde

    Mi farebbe piacere conoscere la sigla del sindacato a cui si è rivolta, anche l’avvocato a cui si è rivolta non mi sembra molto afferrato.

    Comunque per risolvere il problema da come mi ha raccontato le cose, basta che sua madre cambia domicilio e il problema è risolto.

    Comunque se lei mi telefona o mi viene a trovare in associazione portandomi tutte le lettere che gli ha inviato l’ater la potrò aiutare meglio.

    Il mio telefono dell’associazione 05/23239827 dal lunedì al venerdì dalle ore 17.00 alle ore 19.00 si trova in via Elisabetta Canori Mora 15/21.

    Le do anche il mio cellulare così mi può telefonare prima di venire per sicurezza perchè a volte non ci sono per riunioni 3394581140.

  10. BARBARA scrive:

    Grazie per la risposta e soprattutto per la notizia che la sanzione alla regione si puo’ pagara a rate.
    La mia paura e’ quella di perdere la casa dove e’ nata mia madre da 60 anni assegnata prima a mia nonna (dopo il bombardamento), di cui poi e’ stato stipulato un contratto d’affitto con il comune e me insieme a mia nonna. Nel 2001 Mia nonno ha iniziato ad ammalarsi dovendo alternare periodi d’assenza da casa piu’ o meno prolungati tra ricoveri in ospedale ed alloggiando a volte a casa di mia madre. Io nel frattempo che ero alla seconda gravidanza di cui la prima andata male, mi ero trasferita a casa di mia suocera (certificato dalle raccomandate all’ispett.del lavoro) per tutta la gravidanza.Nel frattempo il comune ha avviato prima una proceimento di rilascio dell’immobile a nome di mia nonna, poi nel 2003 un’altro procedimento a nome mio , leggitimi in quanto ignoravo la postilla sul contratto firmato che se l’immobile veniva chiuso per piu’ di 3 mesi senza previa comunicazione al comune il contratto si risolveva di diritto. Abbiamo fatto 2 ricorsi al tar uno a nome di mia nonna (poi deceduta) uno a nome mio, non ottenendo la sospensiva (mi ero affidata ad un avvocato , ….che forse non aveva ben capito la situazione).
    Nel 2006 ho chiesto al comune di non fare il rilascio forzoso che stavo facendo domande per essere inserita in delle cooperative.
    Poi uscito il condono, non mi sembrava vero e l’ho fatto.
    Ti premetto che queste case si parla che dovrebbero fare parte del piano vendite futuro che il comune stia adottando.
    Visto l’accanimento da parte del comune nei miei confronti negli anni 2001/2002/2003/2004, e venendo a sapere oggi che l’appartamento dovrebbe far parte del futuro piano vendite del comune, temo che proprio oggi che potrebbe realizzarsi il sogno di una vita (in quanto essendo in regola potrei riscattare l’immobile) loro non mi lascino il permesso in sanatoria anche pagando l’indennita’ di occupazione (l’impiegato mi ha detto che poi deve passare in commissione tale pratica) solo perche’ forse vogliono mettere qualcun’altro dentro . Mi viene questo timore in quanto l’altro giorno recandomi presso l’ufficio ho appreso che la mia sanatoria era l’unica non presa in considerazione, mi hanno detto in conseguenza del fatto che c’era stato il provvedimento del Tar alla no sospensiva (Aprile 2006) che io non ero residente !!!!! Sono residente (dal certificato storico anagrafico dal 1999). Inoltre mi stavano scoraggiando a regolarizzarmi per l’importi appunto da pagare dicendomi dapprima che la sanzione amministrativa ammontava da un minimo di 45.000,00 a un max di 71.000,00 poi dicendomi che però si applicava quella in vigore prima di questa cioe da 15.493,71 a 23240,56.
    Visto questo mi e’ assalito il dubbio che possano negarmi la concessione .
    Grazie infinite. Barbara

    Annamaria Addante risponde

    Cara barbara,c’è un pò di confusione nel tuo racconto,perchè non mi vieni a trovare in associazione così che io possa capire meglio e darti qualche suggerimento in merito.
    L’associazione sta in via Elisabetta Canori Mora 15/21 ci sono tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00 il telef.0623239827, chiama prima ciao.

  11. raffaella scrive:

    salve sempre raffaella le volevo fare i miei piu grandi complimenti e la mia più grande stima visto che lei risponde a tutti i nostri dubbi e incertezze che sicuramente non ci rendono la vita serena magari fossero tutti come lei ……….ho fatto due telefonate all ufficio sanatorie la prima dove un ragazzo mi ha detto che sicuramente la mia sanatoria era tutto a posto ed è stato molto gentilee e paziente nel controllare tutti i miei dati la seconda mi ha risposto una donna dove appena le ho chiesto se una volta sanati era possibile fare un cambio mi ha insultata dicendomi testuali parole:oltre che è un occupante vuole fare pure il cambio, nn mi dica cosi che senno nn se ne fa nulla della sanatoria e io le ho detto che la mia era una semplice domanda dato che ho una situazione un po particolare con 2 bambini e lei: ma chi gli ha detto di occupare c,è gente che sta peggio di lei e poi il cambio nnlo puo fare se mai fra anni, io neanche potevo parlare perche appena l hho fatto mi ha detto nn continui ..ma lei nn capisce nn voglio peredere tempo, e mi ha attaccato pure il telefono in faccia….mi sono sentita cosi umiliata….mi creda ho pure avuto paura che mi ostacolasse la sanatoria ma fortunatamente nn sapeva il mio cognome solo l iniziale.per carita so che cè gente che sta peggio di me ,ma io pure sa me la sono vista brutta….e comunque nn sono quelli i modi per rispondere, le chiedo scusa per avergli occupato altro spazio nella bacheca ma il mio era puro sfogo…grazie mille

    Annamaria Addante risponde

    Cara raffaella peccato che tu non sappia il nome di questa maleducata dipendente comunale.
    Certa gente dovrebbe andare a zappare la terra perchè apre bocca e gli da fiato.
    Sono tutti bravi a pontificare dalle loro comodità,vorrei vedere loro cosa farebbero in certe situazioni.
    Comunque non te la prendere e stai tranquilla appena sarà pubblicata la sanatoria vedremo cosa si potrà fare.
    Ciao e coraggio

  12. Mirko scrive:

    Buongiorno Annamaria,
    Ho una zia acquisita che mi ha cresciuto e tirato su, vive in una casa dell’ATER dove ha sulle bollette l’indennità di occupazione.
    Il suo desiderio sarebbe lasciare questa casa a me, che con la mia ragazza non abbiamo un alloggio dove vivere, praticamente ci arrangiamo a stare quà e la da amici.
    Cosa iter devo seguire secondo te?
    Ti ringrazio anticipatamente.
    Un caro saluto

    Annamaria Addante risponde

    Purtroppo la legislazione attuale non consente di fare quello che vuole tua zia,ma finchè è viva ti può ospitare essendo sola e anziana,ma ciò non vi da diritto ad avere in futuro un contratto a nome vostro se le leggi rimangono tali, a meno che tua zia non ti adotti e in questo caso avresti diritto al contratto.Puoi chiamarmi o venire in associazione per ulteriori informazioni.

  13. maria scrive:

    sono occupante senza titolo da gennaio 2009, adesso mi è arrivata la bolletta a mio nome per la prima volta con una maggiorazione del 400% io vorrei pagare ma è proprio impossibile mio marito è diventato disabile al 100% da due anni non lavora e prende 170 euro di pensione io lavoro part-time e ho 2 figli grandi uno studente e una di 21 anni con contratto a 6 mesi non riesco a pagare 522’00 euro di affitto come posso fare per pagarne almeno una parte e poi la richiesta di sanatoria io non la posso fare? ho anche paura ad informarmi che smuovendo le acque possano decidere di sgomberarci subito sono disperata sono 21 anni che sto in graduatoria e ho vissuto fin’ora in casa di mia suocera in 9 in una casa di 3 stanze con persone con gravi problemi di tossicodipendenza e disabilità psichico… è lunga da spiegare l’unica cosa è che sono disperata. E’ la prima volta la trovo su internet e non mi è mai capitato di vedere tante risposte chiare, mi può aiutre?o consigliare cosa fare?

    Annamaria Addante risponde
    Io la vorrei aiutare,ma si è messa in una situazione difficile,la sanatoria non la può fare perchè sono scaduti i termini e poi lei non ci rientrava avendo occupato nel 2009.
    L’unica cosa che posso dirle è che sto tentando con il Comune di roma di evitare questi sgombri per lo meno fino a primavera ovvero dopo l’insediamento del consiglio regionale.Per il momento stia buona e qualsiasi carta gli arriva mi informi.

  14. Luciano scrive:

    Gent.ma Sig.ra Addante, come dal mio precedente commento
    del 5 settembre scorso, sono di nuovo qui, ospite nel suo forum,
    per cercare di capire più cose possibili o magari condividere con altri la mia situazione.
    Allora, dopo le due lettere di diffida da parte dell’Ater al rilascio dell’alloggio
    (pratica attuata dopo essermi visto rifiutare la sanatoria del 2007 per eccesso di limiti di reddito) è arrivata dopo ben 5 anni la pigione dell’affitto intestata a mio nome, c’è da esultare o da preoccuparsi?
    Inoltre, la famosa delibera regionale prevista per l’applicazione del canone concordato che fine ha fatto?
    Possibile che il “caso Marrazzo” crei o creerà ripercussioni sulla mia posizione
    e su quella di altre migliaia di famiglie?
    Certo come sempre di un suo riscontro, la saluto cordialmente.
    Luciano

    Annamaria Addante risponde

    Purtroppo si il caso Marrazzo ha creato anche questi problemi,forse invece di chiedere scusa al Papa avrebbe dovuto chiedere scusa ai cittadini laziali.
    Comunque per tornare al tuo problema ti puoi aspettare da un momento all’altro una lettera di diffida se non l’hai già ricevuta e a quella dovremmo rispondere,quando ti arriva fammelo sapere.

  15. simone scrive:

    Spett.le Addante,
    vivo dal 2001 in una dell erp intestata a mia nonna (deceduta). Ho presentato nel 2007 la domanda di sanatoria della quale ancora non ho ricevuto esito.
    Mi è arrivata ora la lettera per acquistare l’immobile ma sempre intesta a mia nonna. Mi è stato detto che con la sanatoria del 2007 non posso acquistare casa perchè devo essere sanato da almeno 5 anni per poterlo fare….sa dirmi se è vero? Grazie anticipatamente e un saluto

    Annamaria Addante risponde

    Si purtroppo non può acquistare.Per quanto riguarda la sanatoria alcune DD sono state già emesse e affisse all’albo pretorio e sono state anche inviate,dopo un mio intervento ,agli Uffici di zona per cui può chiedere se il suo nominativo è in queste o debba spettare altra determina perchè non tutte sono state fatte ancora.

  16. marcella scrive:

    ciaooo

    Ciao anche a te

  17. marcella scrive:

    ho occupato un alloggio ater a rieti vivo a rieti da circa 2 anni senza residenza. 2 anni fa venivo contattata dai servizi sociali di rieti che mia sorella veniva arrestata e se potevo tenermi mio nipote cioe’ affidato ai servizi sociali e collocato a me seno’ sarebbe andato in una casa famiglia io dissi di si e quindi lasciai tutto a roma e mi trasferi’ a rieti essendo separata decisi di ricominciare con promesse fatte da rieti x quanto riguarda mia figlia che a un ritardo cognitivo lieve medio per avere assistenza x lei ma nn fu cosi a casa di mia sorella di propieta comune ater mi venne negata la residenza minacciandomi che avrebbero tolto l alloggio a lei x fortuna trovai l avoro x mantenere mio nipote e mia figlia cosi l ater mi fece firmare che potevo stare in casa di mia sorella finche lei uscisse cosi fu’ il 22 06 09 mia sorella torno’ a casa e ando’ a parlare con l ater ma gli dissero che se nn uscivo gli avrebbero tolto casa e disperata occupai un alloggio di fronte mia sorella chiusa da 2 anni e mezzo di 45mq sono 8 mesi che sto li l ater ora mi scrive che devo uscire aiutami a me e mia figlia . ti premetto che nn so dove andare e mia figlia sta male e x 2 anni nn mi a aiutato nessuno nn avendo residenza neanche i libri…

    Annamaria Addante risponde

    Vorrei capire chi la minacciata,perchè lei può benissimo mettere la residenza nell’alloggio di sua sorella vista la situazione e che tra l’altro vi era il bambino di sua sorella che doveva accudire,la residenza non significa che le da diritto alla casa un domani,ma sua sorella può ospitare lei vista la situazione. Se mi fa sapere chi gli ha detto il contrario le sarei grata,perchè certe informazioni sbagliate poi creano maggiori danni.
    Purtroppo lei ha occupato una casa e non può fare neanche la sanatoria,ma ritengo che se lei si rivolge al Consigliere regionale della Zona Dott.ssa Annamaria Massimi forse potrà aiutarla, per lo meno per non farla sgombrare, per lo meno fino alle elezioni regionali, poi vedremo cosa succede.

  18. marcella scrive:

    cara dott. annamaria chi mi a minacciato e’ la signora giulia paris dell ater di rieti sono andata piu’ volte anche con i servizi sociali x farmi fare la residenza a casa di mia sorella anche con la neuropsichiatra della mia bambina ma la risposta era che ha mia sorella gli avrebbero tolto casa , nonostante mia sorella fece pervenire all ater una lettera che desiderava e io vivessi con lei ma cio’ non cambio’ nulla , mia sorella quando’ usci’ dal carcere ando’ a parlare con la paris e lei si unfurio’ pultroppo la situazione di mia sorella con 2 bambini nicolas che ho’ accudito io x 1 anno e mezzo e gaia di 3 anni che e’stata in carcere con mia sorella a fatto impaurire mia sorella e mi sono trovata sola e disperata e ho occupato la casa che era chiusa da 2 anni e mezzo e qui’ c e’ ne sono altri 3 appartamenti chiusi da3 anni il mio era completamente bruciato la notte lo restaurato pitturato e rimesso in perfetto ordine qui lo sanno tutti .la diffida mi dice che il 29 01 2010 verranno con le forze dell ordine sono andata dai servizi sociali ma nn mi possono aiutare ho fatto pervenire una lettera al sindaco sto’ aspettando risposta . che devo fare..

    Annamaria Addante risponde

    Devi rivolgerti ai giornali e esporre il tuo caso solo così la politica si interesserà a te.
    Mettiti davanti alla porta del sindaco con i bambini e fatti dare una risposta. Se mi dai i dati dell’alloggio di tua sorella e mi mandi via fax o tramite e-mail la lettera che ti ha inviato l’Ater cercherò di fare qualcosa. Cerca anche di metterti in contatto con la consigliera regionale Annamaria Massimi che è di rieti.

  19. marcella scrive:

    pascolini tiziana via carlo sforza n2 int. 3 rieti . quello invece che ho’ occupato via carlo sforza n2 interno 1 gli faro’ pervenire la lettera dell’ ater al piu’ presto , la ringrazio di cuore a presto.

    Annamaria Addante risponde

    Ok, aspetto la lettera per muovermi ciao.il tel-fax dell’associazione è 0623239827.

  20. marcella scrive:

    CARA ANNAMARIA SONO MARCELLA VOLEVO FARTI SAPERE CHE IL 28/01/2010 . NN HO VISTO NESSUNO MA CIO’ NN MI FA STARE TRANQUILLA , VOLEVO SAPERE QUALCOSA , TI RINGRAZIO A PRESTO…….

    Annamaria Addante risponde
    cara marcella ti ho già detto com’è la situazione, se non è venuto nessuno meglio,ma il problema poi ti si ripropone,comunque al primo accesso dell’ufficiale giudiziario vi è sempre una proroga,perchè per lo sgombero vero e proprio se tu fai resistenza ci deve essere la polizia il medico e l’assistente sociale.
    Ma se il comune ti ha detto che contribuiscono al pagamento dell’affitto se ti trovi un’altra casa perchè non lo fai?
    Perchè anche se riaprono i termini della sanatoria tu non eri nell’alloggio prima di novembre.

  21. Claudia scrive:

    Gentile Annamaria, siamo una famiglia di moglie marito e due figli di 5 anni e quattro mesi. abbiamo occupato un appartamento nel guigno 2007
    e ora dopo tre anni, di cui da un anno abbiamo la bolletta con l’indennità di occupazione, ci è arrivata la voce dello sfratto esecutivo.
    Ormai mio figlio frequenta la scuola qui e sarebbe traumatizzante per lui portarlo via. Il nostro appartamento è di appena 38 metri quadri e non è mai stato assegnato a nessuno fino ad oggi. noi lo abbiamo trovato addirittura murato da mesi. Se quando vengono a fare lo sgombero ci opponiamo con le mani e con i denti cosa può accadere. Cosa possono fare se riusciamo a non farli entrare? Lottando con tutti noi stessi potremmo riuscire a farcela?
    Claudia.

    Annamaria Addante risponde

    Innanzitutto le voci sono voci,vorrei sapere se vi è arivato nulla di scritto e se si cosa,altrimenti non posso darvi nessuna risposta.

  22. Claudia scrive:

    Spero che possa rispondermi al più presto visto che lo sgombero avverrà la prima settimana di marzo.
    Claudia

    Annamaria Addante risponde
    Ma aveteb ricevuto l’ordinanza di sgombero con la data?
    Per cortesia dovete dirmi le cose con precisione, perchè le chiacchiere sono chiacchiere gli sgombri si fanno con i pezzi di carta non con le parole.
    Fatemi sapere

  23. Claudia scrive:

    Un assistente sociale ci ha portato il foglio con la data fissata al due marzo del duemiladieci.

    Annamaria Addante risponde

    Se l’assistente sociale le ha portato il foglio con la data di sgombro del 2 marzo 2010, le faccio presente che il comune di Roma ha approvato una mozione che fino alle elezioni regionali che si tengono il 28 marzo sono stati bloccati tutti gli sgombri.
    Ma la cosa che mi preoccupa è perchè non avete fatto ricorso?
    Perchè prima di questo foglio vi hanno inviato almeno altre due lettere da parte dell’Ater.

  24. Claudia scrive:

    sul foglio c’è scritto esecuzione del decreto di rilascio. Ufficio politiche abitative. Un assistente sociale del servizio sociale emergenza sociale ce ne ha portato una copia, cosa che l’ater invece non ci ha mandato.

    Annamaria Addante risponde

    E’ come vi dicevo il decreto di rilascio vi è stato notificato, e a quello dovevate fare ricorso per lo meno bloccavate lo sgombro, perchè non lo avete fatto?

  25. Claudia scrive:

    Quello che vorrei sapere, visto che non intendiamo arrenderci, è se possono arrivare al punto di metterci le mani addosso a me e ai miei bambini qualora opporremo resistebza. Possono davvero sfondare una porta con delle creature dietro?

    Annamaria Addante risponde

    Se voi state dentro con i bambini e non aprite è un pò difficile che arrivino a tanto.
    Ma fatemi sapere di preciso come sono andati i fatti perchè ripeto l’ater vi deve aver per forsa comunicato il decreto di rilascio.

  26. Claudia scrive:

    Perchè ci sgombrano se questo appartamento non è mai stato assegnato?
    E’ una camera e cucina, lo tolgono ad una famiglia per farci cosa, un ufficio? O magari per darlo ad una coppia senza figli?

    Annamaria Addante risponde

    Vi sgombrano,perchè avete occupato abusivamente e la legge prevede questo,inoltre l’ater di Roma sta applicando una linea molto rigida,ma la cosa che mi sorprende è perchè solo ad alcuni ed ad altri no?

  27. Claudia scrive:

    abbiao fato ricorso al tar alla prima lettera ricevuta dopo circa due mesi appena occupato. Il tar ci ha dato ragione con una proroga di sei mesi.
    Da quel giorno non abbiamo ricevuto più nulla, solo poch giorni fa l’assistente sociale.

    Annamaria Addante risponde

    Se il tar vi ha dato solo sei mesi significa che poi dovevate andare via.
    Vi consiglio di fare una petizione al sindaco facendo presente la vostra situazione, in modo tale che ho vi lasdciano li o vi trovano una alternativa visto che avete i bambini piccoli.
    Comunque se mi venite a trovare in associazione e mi portate tutta la documentazione forse è meglio.

  28. Claudia scrive:

    dal nostro ricorso al tar ad oggi sono passati due anni e mezzo senza più ricevere notizie dall’ater. Un anno fa ci hanno mandato la bolletta con l’indennità di occupazione.

    Annamaria Addante risponde

    bisogna capire cosa ha deciso il tar in merito al ricorso, la bolletta con l’imdennità di occupazione ha solo un significato che hai occupato un alloggio e per questo motivo paghi oltre alla multa una indennità di occupazione che non ti da nessun diritto.

  29. Claudia scrive:

    Se è stata approvata la mozione che fino alle elezioni regionali che si tengono il 28 marzo sono stati bloccati tutti gli sgombri, come mai continuano a farlo? solo tre giorni fa ne hanno fatto uno qui in zona testaccio. Sono autorizzati a farli nonostante la mozione?

    Annamaria Addante risponde

    No la mozione è un atto approvato dal consiglio comunale che va rispettato.
    Denunciate questa cosa al Sindaco,anche attraverso lo 060606.

  30. Claudia scrive:

    Se mi dice quando e dove la vengo a trovare con mio marito e con l’intera documentazione.
    comunque chiamo il numero che mi ha dato 060606 e gli dico che stanno facendo degli sgomberi non autorizzati.

    Annamaria Addante risponde

    lei deve informare che nonostante la mozione votata in aula consiliare che bloccava gli sgombri fino a dopo le elezioni regionali, qualcuno sta ignorando tale disposizione e si stanno facendo gli sgombri.
    La mia associazione è in via Elisabetta Canori Mora 15/21 tel.06-23239827

  31. Claudia scrive:

    Innanzi tutto grazie per la disponibilità
    come suggerito da lei io ho chiamato subito lo 060606 poi ho mandato un fax al sindaco, poi ho contattato l’ater di roma dove sono stati molto evasivi dicendomi dapprima che si era vera l’approvazione della mozione, e dopo aver attese lungamente al telefono che l’operatrice si informasse, mi ha detto che probabilmente tale approvazione per alcuni casi non valeva.
    Io ho inviato email e lettere al sindaco, all’ater a striscia la notizia e al messagero e all’assistente sociale.
    Staremo a vedere

    Annam,aria Addante risponde

    Non mi meraviglio che all’Ater di Roma gli abbiano dato quella risposta,ma le posso assicurare che la mozione vale per tutti gli sgombri.
    Un consiglio quando vi danno informazioni chiedete sempre il nome di chi ve le da.

  32. Claudia scrive:

    Come posso avere copia di questa mnozione per farmi sentire meglio e “sbatterla in faccia” al primo che mi busserà il due marzo?

    Annamaria Addante risponde

    Basta richiederla alla segreteria del consiglio comunale,comunque non sono così sicura che il 2 marzo ti facciano lo sgombro.

  33. Claudia scrive:

    All’indirizzo che mi ha dato, la trovo tutti i giorni? Di mattina o di pomeriggio? Posso venire con l’assistente sociale che in questi giorni si sta occupando del nostro caso così che anche lui capisca meglio la situazione?

    Annamaria Addante risponde

    In associazione ci sono dal lunedì al venerdì dalle ore 17.00 alle ore 19.00,per sicurezza sarebbe meglio che mi avvisa telefonicamente prima il mio cell.3394581140.

  34. Claudia scrive:

    Io invece penso che me lo faranno lo sgombro visto che giovedi passato lo hanno fatto ad una ragazza madre con due bambini qui a Testaccio.
    Comunque vadano le cose grazie per la sua disponibilità.

    Annamaria Addante risponde

    La zona di testaccio sono tre giorni che è isolata telefonicamente perchè hanno un guasto sulla linea e non è la prima volta.
    Mi dicono dall’ater che quello era uno sgombro già deciso prima della mozione ed era se non mi hanno detto una fesseria il terzo accesso.
    Fammi sapere notizie più precise.

  35. Claudia scrive:

    http://www.diariodelweb.it/Articolo/Italia/?d=20100202&id=127852

    Anche il decreto milleproroghe va a nostro favore? Ne hanno parlato molto e ha una validità finoa dicembre 2010
    Se segue il link sopra anche Alemanno ne parla.

    Annamaria Addante risponde

    Gli sfratti a cui si riferisce Alemanno riguardano i contratti tra privati.
    Se mi dai un fax o vieni in associazione ti do la copia della mozione approvata.
    Mi fai sapere quando è stata sgombrata quella di testaccio?

  36. Claudia scrive:

    Quella di testaccio è stata sgombrata giovedi della settimana passata in via Giovanni Branca, mentre venti giorni fa sempre a testaccio un altra in Piazza S. M. liberatrice 47 sc. g.

    Annamaria Addante risponde

    ti ringrazio ,sto accertando quello che sta succedendo e da un primo esame con sgomento sto apprendendo che la mozione non è conosciuta dagli uffici,sto cercando di far rimediare a questo grave problema.

  37. Claudia scrive:

    Grazie e spero che il suo intervento possa servire alla nostra causa. Anche se rimango allibita che al comune non conoscano l’approvazione della mozione. Lei in qualche modo, può riuscire a capire se il due marzo vengono o no? Spero di ricevere da parte sua qualche comunicazione positiva in merito.

    Annamaria Addante risponde

    Speriamo di farcela,comunque teniamoci in contatto,se non mi senti sollecitami.Ciao

  38. Claudia scrive:

    Che notizie dal fronte?

    Annamaria Addante risponde

    E’ incredibile non sapeva niente nessuno,sto lavorando per risolvere ti terrò aggiornata.

  39. Claudia scrive:

    Ieri dopo la telefonata non l’ho più sentita. Come è andata.

    Annamaria Addante risponde

    sto lavorando per risolvere questo problema,ciao

  40. Claudia scrive:

    Gentile Annamaria,
    ti comunico che ho ricevuto, tramite ass. sociale, il foglio in cui lo sgombro è stanto rinviato di una settimana, ossia si farà il 9/03/010 e che sarà presente anche l’assegnataria. Ciò significa che nell’arco di questi giorni la casa sarebbe stata assegnata. Tu puoi controllare se l’assegnataria che dovrebbe entrare ha i requisiti e che sia davvero la prima della graduatoria? comunque da parte nostra la resistenza, con l’assegnataria o meno non cambia.

    Annamaria Addante risponde

    Controllerò se è vero,ma non ti possono sgombrare per il momento.

  41. Claudia scrive:

    Un’ altra cosa, al posto della nostra il 2 marzo, martedì, faranno uno sgombero sempre a testaccio ad una ragazza madre con un bambino di quattro mesi, l’indirizzo è lungotevere testaccio 11 scala E int.6.
    Sono allibita.

    Annamaria Addante risponde

    Ti ringrazio dell’informazione se gli puoi dire di mettersi in contatto con me gli puoi dare il mio telefono.
    Sto lavorando affinchè questo non avvenga

  42. Claudia scrive:

    Ho dato il numero a quella ragazza di cui le ho parlato. L’ha sentita? Ci sono novità dal comune?

    Annamaria Addante risponde

    Dal comune silenzio assoluto, ma sai il venerdì è difficile trovare risposte.
    Da domani mi riattivo e vediamo se i giornali hanno pubblicato qualcosa, comunque abbiamo ancora 2 giorni di tempo, non disperiamo.

  43. a.donati scrive:

    Buongiorno, Le scrivo per esporle una faccenda piuttosto spinosa che ho premura di risolvere quanto prima. L’appartamento dei miei genitori entrambi defunti di proprietà dell’Ater, in cui non vivo e dove da qualche anno ospito due persone, verrà da me riconsegnato all’Ente, creando problemi agli ospiti. Se dò disdetta e le persone che lo abitano non vanno via, l’ente può procedere allo sgombro dell’alloggio nei confronti di quest’ultimi?
    La ringrazio.
    Antonella

    Annamaria Addante risponde

    Lei non doveva affittare l’alloggio dei suoi genitori a nessuno,appena deceduti i suoi genitori avrebbe dovuto riconsegnare l’alloggio.
    Lei è responsabile di quell’alloggio avendolo dato a terzi nei confronti dell’Ater.
    Fare la riconsegna ora non la esima dalle responsabilità.
    L’Ater poi si comporterà nei confronti di questi signori di conseguenza considerandoli occupanti abusivi.

  44. Bibi scrive:

    Salve Annamaria, mi permetta innanzitutto di complimentarmi con Lei per tutto ciò che fa; la seguo in silenzio da molto tempo e, mi creda, in questo blog traspare passione, aiuto verso i più deboli, voglia di combattere le ingiustizie e tutto ciò mi creda trasmette speranza a noi “povera gente” che abbiamo certamente bisogno di personaggi come Lei.

    Fatta questa premessa (vera, non di circostanza) Le chiedo con molta franchezza: i risultati della sanatoria hanno cominciato ad uscire intorno ad ottobre 2009, io stesso personalmente recandomi con frequenza all’Albo Pretorio avevo avuto molta fiducia vedendo i ritmi abbastanza veloci e il grande numero delle posizioni sanate…perché adesso sembra essersi tutto fermato? Inoltre, mi corregga se sbaglio, seguono orientativamente un ordine alfabetico…giusto? Ha notizie circa prossime uscite di determinazioni dirigenziali? Capisco le imminenti elezioni, ma per quale motivo da ottobre a gennaio sono uscite “a raffica” molte determinazioni dirigenziali ed ora, invece, è tutto fermo da settimane? Più in generale, perché noi “poveri cristi” dobbiamo vivere con questi patemi d’animo nelle nostre già tristi situazioni? Non c’è una legge che da tempo 2 anni al Comune per rispondere alle richieste di sanatoria? Possibile che riescano a rigirarsi pure una direttiva del genere?

    Mi illumini un pò se può…io sono molto rammaricato e deluso.

    Cordiali saluti e grazie a priori per un suo eventuale riscontro.

    Annamaria Addante risponde

    Inizialmente ho visto le DD che seguivano scrupolosamente un ordine alfabetico,poi ho visto che l’ordine alfabetico non era più così stretto.Si è vero avevano due anni per completare il tutto,ma vede ieri un assessore del comune alla mia richiesta che le mozioni votate dal consiglio devono essere applicate,mi ha risposto che vi sono anche delibere che non sono state applicate,per cui questo è il nostro paese del diritto,del diritto del raccomandato e del più forte.
    Io sto lottando da una vita contro questi sistemi e non demordo.
    La ringrazio per le sue belle parole che sono molto gradite,perchè in questa lotta contro la burocrazia e l’arroganza di certi soggetti fanno veramente bene.
    Comunque lei con il suo numero di codice fiscale se va sul sito http://www.romaincasa.net (non vorrei sbagliare provi anche .com)avrà la risposta se la sua domanda è stata approvata,senza che va all’albo pretorio.
    Lei ha ragione siamo in campagna elettorale e avete visto come sono andate le cose per cui tenteranno di tutto per recuperare,spero solo che gli italiani questa volta aprano bene gli occhi e si rendano e non subiscano più il suono del pifferaio.

  45. andrea scrive:

    sig.ra annamaria ho un problema e non so come comportarmi. mia nonna è intestataria di un alloggio ater.da 5 anni mia moglie vive con lei avendo messo anche la residenza,nel frattempo è nata nostra figlia che ora ha 2 anni,mia nonna è invalida al 100.mia moglie risulta anche nei censimenti per i redditi.io non ho residenza con loro.come dovremmo comportarci nei confronti dell’ater,oppure che cosa accadra quando mia nonna non ci sara piu.la ringrazio per la sua disponibilita

    Annamaria Addante risponde

    Secondo la normativa vigente sua moglie non ha nessun diritto, al decesso della nonna è occupante abusiva,se le cose sono come lei me le ha descritte.

  46. daniele scrive:

    gentile signora addante sono un ragazzo con moglie e un bimbo in arrivo .quando mia nonna paterna e morta ci siamo ritrovati nella sua casa popolare ci siamo autodenunciati e abbiamo fatto l ultima sanatoria rientrando perfettamente nei tempi , ma l avvocatura dell ater che ci ha aiutato a compilarla telematicamente ha sbagliato il codice del comune spedendo la nostra sanatoria al comune di affile . abbiamo telefonato tante volte alle politiche abitative e ci anno detto che anno il cartaceo della sanatoria ma non lo possono inserire ci stanno tenendo sulle spine ,noi intanto paghiamo una indennita di 450.00 euro con uno stipendio di 1200.00 cosa possiamo fare per sapere come andra a finire??la ringrazio a presto .

    Annamaria Addante risponde

    Caro signore ho bisogno di chiarimenti per poterla aiutare,mi chiami al telefono 3394581140 oppure i pomeriggi dal lunedì al venerdi dalle 17.00 alle 19.00 allo 06/23239827

  47. Daniele scrive:

    Salve.

    E’ oltre 10 giorni che il sito http://www.romaincasa.net è segnalato come malevolo…è mai possibile che non sia stato ancora ripristinato? A chi bisogna segnalarlo? E’ triste constatare un tale disservizio su un pubblico servizio…

    Inoltre, colgo l’occasione per chiederle un pensiero a caldo circa la sconfitta della Bonino…io da buon elettore ho votato Alagna, ma non è servito. Che conseguenze avrà con questa sanatoria in atto? E sul futuro dell’Ater?

    Cordiali saluti.

    Annamaria Addante risponde

    Per il sito deve provvedere il Comune di Roma.
    Per quanto riguarda le elezioni,sono molto dispiaciuta che la Bonino ha perso,ma a Roma ha vinto sono le province che ci hanno tradito.
    Ma ritengo che la Polverini essendo un ex Sindacalista possa comprendere bene questi problemi.
    Dobbiamo solo aspettare che si insediano.

  48. simona scrive:

    salve un’informazione…ho saputo che a giugno o luglio 2010 uscira la nuova sanaeoria ater…è cosi???

    spero di ricevere al piu presto un risposta

    grazie

    simona

    Annamaria Addante risponde

    Ma chi vi dice queste fesserie?
    La giunta si deve ancora insediare e non possiamo sapere cosa faranno,anche perchè prima dovranno capire.

  49. Daniele scrive:

    Purtroppo il sito http://www.romaincasa.net sembra essere definitivamente sparito!!! Ormai è un mese che non riesco ad accederci, prima sembrava affetto da un attacco hacker, ora proprio non esiste più…mi chiedo come possa fare un normale cristiano che lavora ad orari assurdi e non può recarsi di persona all’Albo Pretorio…ritengo comunque assurdi disservizi di tal genere, c’è gente che pende dalle labbra di questa maledettissima sanatoria e ci si mettono pure queste complicanze!

    P.S. Dopo questi primi giorni d’assetto della nuova giunta, gentilissima Annamaria, le chiedo: si sono avute novità circa l’approvazione di altre Determinazioni Dirigenziali inerenti alla sanatoria in oggetto? E, in generale, che aria tira sempre riguardo quest’argomento? Grazie di cuore a priori per l’attenzione e cordiali saluti.

    Annamaria Addante risponde

    Lei ha ragione in questo Paese non siamo cittadini,ma sudditi.
    Le do il telefono a cui chiamare e farsi dare la risposta 06-67106161. Si munisca del numero della domanda che dovrà dare le ultime 4 cifre compresa la lettera.
    Per il resto siamo in attesa che il nuovo consiglio si insedi e nominino la nuova Giunta.

  50. Antonello scrive:

    Buongiorno sig.ra AnnaMaria
    già da diversi anni vivo in un alloggio dell’ATER a Roma, nel quartiere Garbatella. Vivevo con mia nonna, fino alla data del suo decesso, risalente al 31.12.2006. Ho continuato e continuo tutt’ora a vivere in quell’appartamento. Ho presentato regolare domanda di sanatoria nel 2006 e sono ancora in attesa di sapere se la mia posizione verrà regolarizzata, benchè sono certo che la mia posizione soggettiva ed economica sia compatibile con i requisiti richiesti per l’ottenimento della sanatoria stessa.
    Solo nel corrente mese di aprile 2010 ho ricevuto il c/c dell’ATER con l’indennità di occupazione, tanto che l’entità del canone è aumentata grandemente. Orbene, possibile che l’ATER non alleghi alcuna comunicazione per segnalare a quanto ammonta tale indennità nel suo complesso? prevede arretrati? fino a quando dovrà essere pagata? sulla base di cosa viene calcolata?
    Ma soprattutto, com’è possibile sapere a che punto sono le domande di sanatoria del 2006??????
    La ringrazio anticipatamente
    Antonello

    Annamaria Addante risponde

    Mi dispiace ma temo che le debbo dare una brutta notizia,lei purtroppo non rientrerà nella sanatoria in quanto alla data del 20 novembre 2006 sua nonna era viva e pertanto lei non potrà essere sanato.
    Vedi legge regionale N:27 del del 28 dicembre 2006 art.53 punto 2 comma a)
    La bolletta che le arriva è tutta indennità di occupazione

  51. antonella scrive:

    Buongiorno,
    Vorrei chiederle un informazione se possibile:
    Da qualche mese mia figlia oramai maggiorenne si è trasferita con cambio di residenza a casa dei nonni (miei genitori), per dei problemi seri di salute di entrambi. Mia madre cardiopatica, già da anni con problemi di deambulazione, mio padre che mandava avanti un po’ tutto è stato colpito da ictus 7 mesi fa. Mia figlia è da loro come puo’ ben capire per aiutarli. La domanda è questa quando non ci saranno piu’ i miei genitori ( “tra cento anni”) mia figlia puo’ subbentrare in qualità di nuovo assegnatario?
    Grazie mille

    Annamaria Addante risponde

    Purtroppo con le leggi attuali sua figlia alla morte dei nonni è occupante abusiva.

  52. antonella scrive:

    Quindi in qualità di occupante abusiva non potrà mai vedersi assegnato l’alloggio?
    Un’altra domanda se è possibile, mi sto occupando del pagamento delle bollette di mio padre, in quanto come le avevo detto è ammalato. Controllando la bolletta leggo che lui paga un’indennità di occupazione, ma lui non è mai stato occupante abusivo ma assegnatario di casa. Ho inoltrato una raccomandata chiedendo spiegazioni , dopo qualche mese mi hanno detto che hanno inoltrato tutto a Valle Aurelia, ma non mi fanno sapere nulla. Non so piu’ come muovermi. Come posso fare ?

    Annamaria Addante risponde

    Se vuole che io mi interessi mi occorrono i dati,ovvero il numero di matricola ,nome e cognome e l’indirizzo e il suo telefono per comunicare direttamente con lei se mi servissero altre informazioni.
    Me le può inviare anche alla mia e-mail am.addante@tin.it

  53. antonella scrive:

    Buongiorno, che Lei sappia metteranno in vendita le case iacp
    piazza Arcisate (Viale delle Galline Bianche)?

    AnnaMaria Addante risponde

    Si è nel piano di vendita legge 560/93, ma se non vi fate sentire non comprerete mai.

  54. nando scrive:

    sig. ra Addante sono un ex barista regione lazio lei come suo suo figlio fabrizio mi conosce scusi se le dò del tu ò bisogno di avere un appuntamento con lei urgente mi chiamo nando . il mio numero telefonino è 3484147814 mi scuso anticipatamente della richiesta che le o mandato spero che abbia da lei una chiamata sapendo che persona seria è lei avendo avuto il piacere a suo tempo di conoscerla

    Annamaria Addante risponde

    Mi puoi venire a trovare in associazione quando vuoi dal lunedì al venerdì dalle 17.30 alle 19.00, Ti aspetto l’associazione è in via E.Canori Mora 15/21 tel.06-23239827 il mio cellulare 3394581140

  55. Giorgio scrive:

    Buona sera dottoressa Addante, mia madre, pensionata di 83 anni abita in un alloggio ATER dal 1958. Nel 1992 ha trasferito la residenza a zagarolo, pur non avendo mai lasciato l’alloggio stesso che divideva con mio padre. Nel 1994 mio padre è deceduto, ma mia madre ha ripreso la residenza nel 1997. In tutti questi anni ha continuato regolarmente a pagare il canone. Nel 2009 ha chiesto la voltura del contratto a suo nome e in quell’occasione è emersa la discrepanza dei dati, per cui l’ATER ha considerato mia madre occupante abusiva. Dopo l’applicazione della maggiorazione del canone ha ricevuto una diffida alla quale non ha replicato, non rendendosi conto dell’importanza della situazione e avvisandomi a termini ormai scaduti. Successivamente ha visto notificarsi prima il verbale con la contravvenzione e in seguito il decreto di rilascio. Le chiedo :1) è possibile ottenere l’annullamento o la riduzione dell’importo di 21.000 euro richiesto?; 2) l’impugnazione del decreto di rilascio a chi deve essere presentato, al TAR, come mi sembra di aver compreso dalla lettura delle note presenti sul sito?; 3) è possibile presentare un’istanza per la regolarizzazione della sua posizione di inquilina? 4) Pensa che l’ATER possa riaprirei termini per la presentazione della domanda di sanatoria?. Grato dell’attenzione cordiali saluti Giorgio

    Annamaria Addante risponde

    Caro signore la questione è molto complessa sarebbe opportuno che lei venga presso l’associazione per capire meglio come fare per risolvere il problema che è urgente.
    L’associazione è in via Elisabetta Canori Mora 15/21 di pomeriggio le do il mio cellulare così mi contatta per l’appuntamento 3394581140

  56. raffaele scrive:

    buongiorno sig.ra adalante avrei bisogno d’aiuto.mi chiamo raffaele abito in toscana da circa 4 anni sono disocupato sia io che mia moglie abbiamo 6 bimbi di cui 1 invalido civile e visto che ci siamo trasveriti dalla sicilia in toscana tramite un mio fratello che poi cia abbandonati con una casa di 1000 euro al mese disoccupati e con gravi pobblemi famigliari ci siamo rivolti alle istituzioni dove sono cominciati minaccie per tutte le ruote anche da parte dell’arma dove ci invitavano di dover lasciare la toscana e rientrare in sicilia.noi avremmo voluto se avevamo la possibilità.comunque ci la prima cosa che anno fatto i servizi sociali e stata quella di metterci in mano del tribunale dei minori cosa tipica della nostra italia ma siccome noi abbiamo la coscienza a posto il tribunale a ordinato di dare una sistemazione visto che avevamo avuto uno sfratto .circa 1 anno fa ci anno dato una casa provvisoria .ma dopo un anno mi viene lassessore alle politiche per la casa insieme al segretario e ci dicono che abbiamo ancora 2 mesi e poi il contratto e scaduto e di dover provvedere noi a cercare casa perche il comune non intente più pagare affitto per noi e allora noi abbiamo chiesto che 2 anni fa noi abbiamo presentato domanda per allogio popolare e ci anno risposto che prima dobbiamo aspettare che muoia qualcuno che vive in un allogio popolare e poi eventualmente la possono dare a noi.pertanto io cortesemente volevo sapere da lei se poteva darmi qualche indirizzo dove andare a reglamare.questo nostro diritto costituzionale.distinti saluti raffaele

    Annamaria Addamte risponde

    Purtroppo non sono in grado di aiutarti,posso solo dirti di insistere presso le istituzioni e chiedi aiuto attraverso la stampa solo così si muovono.

  57. bruno scrive:

    sig/ra vorrei dato che lei e’ piu’ adentrata.la mia situazione e’questa
    sono entrato in una casa ater, dopo 2 anni che sono dentro pagando l’abusivismo di 262,00 latro mese si sono presentati vigili personale ater medico,
    dato che sono ivalido 80% .con facchini per scombero.
    i miei figli facendo casino si sono becchati una denuncia,dopo di che sono adati via
    o domandato all’avvocato se era possibile,
    (dicevano che era assegnata) l’avvocato mi diceva che se pagavo regolarmente
    non era possibile essere stata assegnata.
    e’ tutto vero grazie

    Annamaria Addante risponde

    Purtroppo può essere vero che sia stata assegnata,in quanto lei la occupata due anni fa ovvero dopo l’ultima sanatoria.
    Il fatto che lei paghi il canone sanzionatorio non le da diritto a nulla,solo una sanatoria la può garantire.
    Questa è la triste realtà.
    Ma se sono andati via lei può avere una speranza,comunque lei non apra mai a nessuno,mi dispiace per la denuncia dei suoi figli.
    Purtroppo questo Stato non garantisce più le fasce più deboli,ma lei resista che vedrà che forse il suo problema si risolverà.
    In che quartiere si trova questo alloggio?

  58. Daniele scrive:

    Gentilissima Annamaria, non stancandomi mai di ricordarle quanto la Sua figura è rassicurante per tante persone, vorrei tanto che in questo utilissimo blog si “rispolverasse” un argomento che ultimamente vedo non essere trattato con la frequenza che mi attenderei vista la sua importanza innegabile: parlo dell’ultima sanatoria. Non mi riferisco in particolare a Lei che non pubblica nuovi articoli a riguardo, bensì ai pochi commenti di coloro che ne hanno fatto richiesta (e non dei tanti che pongono richieste assurde, sperando di rientrarci non avendone i requisiti e non conoscendone il contenuto e le condizioni).

    Sarà che sono un tipo ansioso, e forse a volte troppo preciso, ma mi chiedo: nessuno che, come me, avanzi qualche domanda sulla situazione approvazioni? Esempio: perché prima seguivano un ordine alfabetico nelle pubblicazioni all’Albo Pretorio, ed adesso no? Perché, in mezzo a mucchi di persone in ordine alfabetico, ogni tanto si trovano in fondo degli “approvati” che cominciano magari con “V” o “Z”? Perché il sito romaincasa non è più consultabile da settimane? E, in generale, la nuova giunta è formata ormai da diverse settimane…che intenzioni ha? Come procedono le nuove approvazioni? Perché sembra andare tutto così maledettamente a rilento?

    Non ruberò altro prezioso spazio, confesso semplicemente senza vergogna che quest’attesa mi sta davvero stressando e tenendo in ansia, nonostante io ritenga di avere tutti i requisiti; è uno sforzo immenso a fine mese pagare il canone maggiorato, e sapere che mesi fa le approvazioni procedevano a ritmi molto veloci e adesso, stranamente, tutto tace…in parole povere il messaggio, cara Annamaria, è questo: se non ci “consola Lei”, chi altro può farlo? Se ogni tanto ci aggiornasse su come sta procedendo la questione, su cosa ne pensano alla Regione, su eventuali novità a riguardo, penso che tutti ne gioveremmo…per me già sapere che Lei queste sopracitate questioni le fa presente “a chi di dovere”, e che noi poveri inquilini non siamo soli, sarebbe già un bel raggio di sole in questa vita spesso grigia.

    Con affetto e stima.

    Annamaria Addante risponde

    Lei ha ragione,ma i problemi sono tanti e a volte non riesco a essere sempre puntuale.
    Comunque andiamo per ordine, purtroppo ci sono sempre i raccomandati e questa è una piaga difficile da estorcere nel nostro Paese,le posso dire che c’è chi ha occupato un alloggio a marzo 2006 a dicembre 2006 è uscita la sanatoria e questo signore ha già il contratto firmato.
    Che le devo dire? Ho inviato una e-mail alla responsabile dell’area gestionale dell’Ater in merito, in quanto un’altra persona sanata aspetta da anni che per lo meno gli adeguino il contratto mi ha risposto che mi querela, io spero tanto che lo faccia almeno il giudice capirà come stanno le cose all’Ater.

    Il sito del comune che non funziona non mi hanno saputo dire perchè,ma le voglio ricordare che il comune di roma sta lavorando senza bilancio approvato per cui potrebbe anche essere una questione di soldi.

    Per quanto mi riguarda e finchè Dio mi darà la forza di farlo io sarò sempre al vostro fianco.

    Per quanto riguarda la regione Lazio,ci sono problemi politici che finchè non si sbloccano è tutto paralaizzato,ma penso che a breve si dovranno sbloccare altrimenti succederà qualcosa.

    Comunque le do il t5elefono dove lei può chiamare e con il numero della sua domanda le diranno tuttto 06/67106161

  59. gualtiero scrive:

    ciao AnnaMaria,
    sto facendo delle ricerche in merito al contratto di locazione pubblica per alloggio abitativo a tempo indeterminato,e non riesco a trovare la risposta al dilemma che mi si presenta.Mi spiego meglio.
    Io ho un contratto di affitto della casa stipulato con gli IACP nel 1980 a tempo indeterminato,con le norme Italiane,regionali,e regolamenti regionali vigenti nel periodo della firma;le domande che mi pongo, e mi auguro che posso averne risposta da te,sono:
    quale legge stabilisce l’annullamento del contratto a tempo indeterminato;
    il rinnovo (ricorda sempre che il contratto è a tempo indeterminato) chi è che lo annulla,da rilevare,che se si stabisce un tempo di scadenza,non è più a tempo indeterminato;ammesso il tutto a favore dell’ater(IACP) il rinnovo del contratto con nuove norme di regolamento,non deve essere messo a conoscenza del locatario con relativa firma dello stesso?
    l’ater è obbligata a mettere a conoscenza dei pro e dei contro i propri utenti con informative per raccomandata A/R?.Certo da parte dell’ater è facile rispondere che non hanno il personale o le risorse per fare tutto ciò;io mi domando: legalmente perchè deve ricadere tutto sull’inquilino in questione?
    perchè l’ater non manda per raccomandata il copia rinnovo del contratto all’inquilino che ha pagato per esso?oppure un’avviso per andarlo a ritirare presso l’ufficio preposto?se il contratto è stato fatto nel 1980 ed è stato firmato con quelle leggi,le nuove leggi che abrogano gli articoli regionali e regolamenti regionali,abrogano anche la firma del locatario sul contratto? e con quale diritto! ho molte più domande da porre a quest’azienda che l’azienda ater nelle risposte e sarebbe ora che facesse fare un pò di Corsi(ad una buona parte dei suoi dipendenti) di buona creanza.
    Se sono stato impertinente non mi rispondere.
    ciao
    gualtiero

    Annamaria Addante risponde

    Tu non hai un contratto a tempo indeterminato,ma un contratto che si rinnova automaticamente ogni anno.
    Poi ci sono le leggi che disciplinano il diritto ad avere un alloggio popolare e queste nel tempo sono cambiate,ma la legge è sovrana e vale di più del contratto.
    Le leggi oggi stabiliscono alcune cose,come il reddito e la non possidenza di altri alloggi che non devono superare i centomila euro di rendita catastale e che non devono essere adeguati al nucleo famigliare, altrimenti si perde il diritto all’alloggio popolare,ma questo non vuol dire che ti cacciano via,ma solamente che cambia il tipo di rapporto e diventa un contratto di locazione diverso con canone concordato.
    Si l’ater dovrebbe informare i suoi assegnatari,ma all’ora saremmo in un paese normale e il nostro purtroppo non lo è.
    Comunque il detto la legge non ammette ignoranza significa che il cittadino si deve rendere parte attiva e informarsi.
    Si l’ater dovrebbe inviare la copia del nuovo contratto visto cje il rinnovo lo fa pagare.
    Ma purtroppo questi sono tutti balzelli,come quello di pagare 625 euro per aprire la pratica di vendita che si sono inventati per fare cassa.
    Non sei stato insolente,il problema è che stiamo in Italia e questo non è il paese delle regole e del diritto, ma il paese dei furbi e de4i prepotenti.
    ciao un caro saluto Annamaria

  60. vittorio scrive:

    Carissima Annamaria, l’ho contattata la prima volta, telefonicamente, alla fine del mese di luglio scorso. Poi, venerdi scorso, ho avuto il grandissimo piacere di conoscerla di persona. Lei è una persona vera, una pesona straordinaria. Sono ammirato dalla sua “grinta” e determinazione nell’ascotare tante persone che le si rivolgono , per aiutarle a risolvere, se possibile, mille problematiche burocratiche, che a volte sono molto pesanti e stressanti ( in questo caso i problemi hanno il “volto” dell’Ater ). Devo anche darle atto che, cosi come è capitato a me, lei riesce ad infonderee alle persone tanto sollievo e tanta speranza. La ringrazio ancora per quanto potrà fare per il problema di mia sorella.
    La sentirò presto, con piacere, anche al telefono, per un piccolo chiarimento, sempre riferito a mia sorella. Un affettuoso saluto da Milano.

    Annamaria Addante risponde

    Ti ringrazio delle tue belle parole.
    Non ho ancora notizie,comunque tra qualche giorno ricordami così se non mi ha detto ancora nulla la richiamo.
    Ciao

  61. Flavia scrive:

    Buongiorno signora Annamaria, avrei qualche domanda da fare,con la speranza che possa aiutarmi,in attesa di recarmi -appena possibile- ad uno sportello.
    Mia nonna (pensionata) e mia zia (disoccupata) sono affittuarie regolari di alloggio dell’ater dal 1985..da sempre io e mia sorella abbiamo vissuto con loro,abbiamo avuto sempre la residenza lì (siamo nate nell’80 e nell’83),ed eravamo nel loro stato di famiglia…Circa 2 anni fa io sono andata a convivere con il mio ragazzo e ho cambiato rasidenza,ma ci siamo lasciati e quindi sono di nuovo tornata a vivere nella casa dove sono cresciuta con nonna e zia.Ho già provveduto a fare di nuovo il cambio di residenza ed ora c’è da fare il censimento…posso inserirmi di nuovo nel censimento?
    Inoltre 2 mesi fa mia sorella è andata a convivere altrove con il suo ragazzo, quindi nella casa dell’ater -attualmente-risultano solo mia nonna e mia zia e la casa è piuttosto grande per 2 persone…viviamo nell’ansia che possano togliercela per darcene una più piccola…è possibile?!?
    (ripeto che da sempre nonna e zia sono regolari).
    Altra domanda: viviamo nelle case di primavalle,via michele bonelli…sa se le metteranno in vendita?! in caso affermativo, sa come potrei fare per riscattarla io? (avrei la possibilità economica,avendo contratto di lavoro,nonna e zia non riuscirebbero invece).

    Certa di una sua gentile risposta,colgo l’occasione per ringraziarla e per inviare i miei migliori saluti.

    Annamaria Addante risponde

    Vorrei sapere se eravate scritte nel contratto, se le vostre zie hanno chiesto a suo tempo l’ampliamento del N.F. e se eravate sempre state censite nei censimenti e se risultate ancora nello stato di famiglia.

    Comunque adesso che devi fare il censimento ti conviene mettertici.
    Non mi senbra che siano in vendita, ma puoi chiederlo a questo numero 06/68842692.

  62. Paola scrive:

    Buongiorno Sig.ra Anna Maria,
    ho bisogno di chiederle qualche delucidazione .. il 5 Ottobre è venuta a mancare la nonna di mio marito, la quale nel 1984 aveva acquistato una casa dell’attuale ATAR. Ora i 3 figli vorrebbero vendere casa e sul rogito abbiamo letto quanto segue:

    “Ai sensi dell’art. 28 – V comma – della legge 8 agosto 1977 n. 513, l’acquirente non potrà alienare a nessun titolo l’alloggio acquistato nè su di esso potrà costituire alcun diritto reale di godimento prima che siano trascorsi 10 anni dalla data del presente contratto.
    Verificatesi la condizione di cui al precedente comma, l’acquirente potrà alienare l’alloggio ma dovrà darne comunicazione, mediante raccomandata A.R., all’Istituto venditore, il quale potrà esercitare, entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione stessa, il diritto di prelazione all’acquisto per un prezzo pari a quello della presente cessione rivalutato sulla base della variazione accertata dall’ISTAT dell’indice dei prezzi di consumo per le famiglie degli operai ed impiegati.”

    E’ corretto mandare una raccomandata a:
    Ufficio alienazione alloggi Dot.Mari
    viale di Valle Aurelia 286 H,
    allegando la copia del rogito, copia rendita catastale, successione, codice fiscale defunta, copia documento identità defunta.

    in cui si comunica la volontà di estinguere il diritto di prelazione?
    Inoltre, è possibile vendere al prezzo di mercato, è corretto?
    Infine, è possibile già stipulare un compromesso inserendo una clausola in cui si specifica che si è in attesa della risposta dell’ATAR con importo e coordiante per effettuare il pagamento?
    Ovviamente il rogito avverrebbe successivamente al pagamento all’ATAR.

    La ringrazio anticipatamente
    Buona giornata
    Paola

    Annamaria Addante risponde

    Come le ho già detto dovete chiedere l’estinzione del diritto di prelazione,potete vendere tranquillamente a prezzo di mercato e potete fare qualsiasi accordo con il venditore.

  63. Elisa scrive:

    Gentilissima Annamaria,

    dal 2004 ho la residenza in un alloggio ATER ma per gravi carenze dell’ufficio anagrafico non ho potuto richiedere l’ampliamento del nucleo familiare (l’intestataria era mia nonna). Ora vogliono sfrattarmi perchè mi dichiarano abusiva dallo scorso anno, cioè da quando mia nonna è deceduta.. Intanto perchè non mi considerano abusiva dal 2004? E poi: io non feci richiesta di sanatoria nel 2007, sempre per i motivi anagrafici cui accennavo sopra.. Insomma: cosa posso fare??

    La ringrazio moltissimo,

    E.

    Annamaria Addante risponde

    Non comprendo quali siano stati i motivi burocratici,si dovrebbe spiegare meglio.
    Comunque lei è abusiva solo da dopo la morte di sua nonna,prima non poteva esserlo.
    E se sua nonna è deceduta prima del 15 novembre 2006 lei poteva fare la domanda di sanatoria altrimenti no.
    L’unico consiglio che le posso dare è quello di resistere sperando che facciano un’altra sanatoria.

  64. vittoria Iris scrive:

    Cara signora Annamaria. Prima di scriverle ho letto alcune delle lettere di persone che ,purtroppo come me , hanno problemi con l’ ATER . La ringrazio in anticipo del suo interessamento. Non sapevo che ancora esistessero persone che si interessassero di questi problemi sociali e,fossero disposte a dare consigli alle a chi ne ha bisogno. Il mio problema è che sono un’occupante abusiva dal 2001 (dicembre ) Ho fatto diverse sanatorie ma non ho mai saputo se sono passata in qualcuna di queste sanatorie. Attualmente pago un’affitto quasi da paura, è di oltre € 350.00; le dico da paura perchè mio marito è un’ultra settantacinquenne, invalido da settantaquattro anni in quanto poliomielitico dal 1936; oltre a questo da diversi anni è affetto da enfisema grave e deve respirare ossigeno 24 ore su 24. Non mi dilungo oltre altrimenti non so quando finirei e non voglio abusare oltre del suo tempo . La domanda è come sapere di questa sanatoria, e come fare per essere regolarizzati ? chiedo un suo parere grazie in fede Vittoria

    Annamaria Addante risponde

    Per la sanatoria è semplice basta telefobare allo 06-67106161 con il numero della domanda le diranno se è stata approvata.
    Se è stata approvata non dovrebbe più pagare tale affitto già dal dicembre 2007.

  65. Marco scrive:

    Gentilissima Annamaria.
    Volevo chiedere un chiarimento sull’interpretazione di “nucleo famigliare”.

    Qualche mese fà mia nonna (intestataria unica del contratto di affitto) ha ricevuto la lettere per l’acquiaso dell’appartamento da parte dell’Ater. Nonna ha indicato nella risposta che fossi io (il nipote) a poter acquistare l’appartamento. Io per l’Ater, tuttavia, non risulto in quell’alloggio nonostante abbia la residenza dall’82 (io sono del 1971) e dal 2006 sto nello stato di famiglia di mia nonna.
    L’Ater mi nega il diritto di acquisto perchè non nel nucleo famigliare dell’assegnataria!!

    La legge regionale 42 del 91 (richiamata nel bando di vendita) nell’art 3 definisce chi ha il diritto all’acquisto:

    Gli alloggi contemplati dalla presente legge possono essere ceduti:
    a) all’assegnatario dell’alloggio;
    b) ai componenti il nucleo familiare purché vi sia l’assenso scritto dell’assegnatario con scrittura privata autenticata e purché, contestualmente alla vendita, venga costituito a favore dello stesso diritto di uso dell’alloggio ceduto, ai sensi dell’articolo 1022 del codice civile.
    2. Ai fini della lettera b) del comma 1 si intende per nucleo familiare la famiglia dell’assegnatario costituita da uno od entrambi i coniugi, dai figli legittimi, naturali, riconosciuti od adottivi e dagli affiliati, nonché la famiglia dei figli coniugati, a condizione che i predetti componenti il nucleo familiare convivano stabilmente con l’assegnatario stesso da almeno due anni precedenti dalla data di entrata in vigore della

    Perchè l’ATER sostiene che io non abbia il diritto ?
    Esiste un concetto (per l’ATER) di “Nucleo Famigliare” differente da quello inteso dalla legge regionale ?

    Grazie
    Marco.

    Annamaria Addante risponde

    Perchè il consigliere Carapella (PD)presidente della commissione assessore Astorre(PD) il 19 luglio 2007con legge n.11 a nostra insaputa hanno modificato la legge 27/06 .
    Per cui possono comprare solo i figli non conviventi dell’assegnatario.
    Ma tu essendo residente e nello stato di famiglia a mio avviso hai diritto.
    Ti hanno risposto per iscritto che tu non puoi comprare?
    Se si puoi venire in associazione con tutte le lettere sia dell’acquisto che la risposta che ti hanno dato e noi gli scriviamo.

  66. Giorgia scrive:

    gentile Sigra Anna Maria volevo porle una domanda Mia nonna ha vissuto 60 anni in una casa popolare a Garbatella sono andata a vivere con mia nonna per questioni di salute nell’anno 2003 ma non avevo la residenza nel 2006 e’ uscita la sanatoria e io ho potuto fare la domanda solo il 30 novembre 2006 perche’ mia nonna il 25 novembre e’ morta quindi non e’ stato possibile per motivi che lei puo’ immagginare ho inviato all’ater il motivo del mio ritardo e ho inviato la mia autocertificazione che vivevo con lei gia’ dal 2003 nel frattempo ho sempre fatto i censimenti e continuo a pagare regolarmente l’affitto che arriva ancora a nome di mia nonna. Ho chiamto per sapere della sanatoria ma mi hanno detto che non ero rientrata perche’ presentata il 30 novembre e che la mia domanda sarebbe andata in commissione.Faccio presente che molti anni prima a mia nonna le era stata proposta la vendita e che le avevano chiesto se voleva acquistarla e lei naturalmente aveva dato l’ok tra l’altro le chiesero 200mila lire perche’ ancora c’erano le lire che lei mando’ all’epoca ma poi piu’ nulla ora io mi chiedo. Mi manderanno via? io da qui non mi sposto anche perche’ la casa era a tutti gli effetti sua con contratto di affitto da 60 anni io continuo a pagare e credo di essere veramente l’unica .Tra l’altro ho fatto anche l’ultimo censimento a dicembre 2010 . Lei che cosa mi consiglia in merito? HO SENTITO CHE DOVREBBE USCIRE UNA NUOVA SANATORIA E’ VERO? IO COMUNQUE NON MI SPOSTO.Io spero che lei possa darmi una risposta .Grazie di cuore . Giorgia

    Annamaria Addante risponde

    Fai bene a non spostarti,però temo che tu sei occupante abusiva.
    Mi sai dire se oltre alla lettera con cui ha inviato le 200mila lire tua nonna ha ricevuto altre lettere per acquistare? E’ importante perchè se tua nonna ha ricevuto la lettera con il prezzo tu hai diritto all’alloggio,fammi sapere.
    Per quanto riguarda la sanatoria purtroppo la domanda che hai fatto non è valida.

  67. Giorgia scrive:

    Ciao Anna Maria grazie per la tua risposta io ho il versamento fatto da mia nonna di 200 mila lire e ho la lettera che loro le avevano inviato del prezzo dell’alloggio che era nell’anno 99 o nel 2000 di 38 milioni di lire se questo ti puo’ essere utile io ho sia il versamento che la lettera inviata da loro con la somma richiesta ma che poi il comune non ha piu’ fatto sapere nulla ma naturalmente come sai i soldi se li sono presi .Fammi sapere come comportarmi e fammi sapere cosa devo fare ora .Anche questo mese mi e’ arrivato l’affitto che io ho pagato regolarmente ma sempre a nome di mia nonna.Grazie di cuore per la tua cortesia e disponibilita’
    Giorgia

    Annamaria Addante risponde

    se tua nonna a quella lettera dove indicavano il prezzo di vendita ha risposto che voleva comprare tu hai diritto all’acquisto, perchè la legge 27/06 che ho fatto fare dice che chi ha accettato il prezzo il contratto è come se fosse concluso.

  68. Giorgia scrive:

    Ciao Anna Maria ti confermo di avere la lettera con il prezzo di vendita e il versamento fatto a suo tempo da mia nonna a fronte dell’acquisto….Stando a quello che mi rispondi significa che nel momento in cui la casa sarà posta in vendita gli eredi di mia nonna la possono acquistare…. oppure posso acquistarla io che per 4 giorni non sono rientrata nella sanatoria ? I bollettini di affitto arrivano ancora intestati a mia nonna…ora la domanda è dovendo necessariamente fare dei lavori in bagno avrò dei problemi e cioè i vigili possono bloccarmi i lavori????? o peggio mandarmi via perchè il contratto non è intestato a me?????
    Grazie ancora per la tua disponibilita’ .Giorgia

    Annamaria Addante risponde

    Se ti riferisci alle 200mila lire quello non vale molto,ma se ha ricevuto una lettera con il prezzo e ha risposto che voleva acquistare quella vale.

  69. Giorgia scrive:

    Ciao Anna Maria grazie come sempre per la tua celere risposta volevo comunicarti che io ho tre lettere che il comune ha inviato a mia nonna la lettera se voleva acquistare quella dell’accettazione alla vendita e quella delle duecemtomila lire allora ti chiedo come mai continua arrivarmi l’affitto a nome di mia nonna le lettere sono naturalmente arrivate a suo nome perche’ lei era ancora viva.Le case non sono ancora in vendita ma hanno detto che saranno prossime allora io mi chiedo perche’ non avendomi accettato la sanatoria mi hanno detto che andra’ in commissione ? Non ho capito la commissione di cosa si deve occupare scusami ma io non sono molto addentrata Se puoi spiegarmi meglio tu mi faresti veramente cos gradita .Grazie di cuore come sempre .
    Giorgia

    Annamaria Addante risponde

    Se tua nonna ha risposto alla lettera con il prezzo che voleva comprare gli eredi hanno diritto all’acquisto.
    Ma se vuoi risposte più precise dovrei vedere le carte puoi venire in associazione con tutti gli incartamenti compresa la tua domanda di sanatoria.

  70. Paola scrive:

    Buongiorno,
    in merito al mio post del 15 novembre 2010 (09:41), in cui Le chiedevo la prassi da seguire per la richiesta di estinzione della prelazione, Le chiedo come fare a sollecitare l’ATER per comunicarci l’importo da pagare.
    Questo perchè è in previsione il compresso entro il 15/02/2011 e il rogito entro il 30/04/2011. La raccomandata e i documenti allegati sono stati inviati all’ATER il 01/12/2010.
    La ringrazio anticipatamente.

    Annamaria Addante risponde

    Lei entro il 12 aprile dovrebbe aver ricevuto la lettera con quanto deve versare,una volta fatto il versamento lei può rogitare e comunque appena comunica il versamento l’ater le invia anche la lettera di liberatoria,ma comunque anche con il versamento può rogitare.
    Paola

  71. Giorgia scrive:

    Ciao Anna Maria grazie come sempre per la tua celere risposta se mi dici dove sei possiamo prendere un appuntamento si occupa mio zio della mia pratica che e’ il figlio di mia nonna intestataria dell’appartamento e lui ha tutti i miei documenti e naturalmente lui ne sa’ molto piu’ di me. Posso mandarti tutto quello che ho compresa la sanatoria fatta i censimenti e le lettere di mia nonna sia della vendita sia dell’ok dato da lei .Se mi fai sapere quando puo’ venire te ne sono molto grata.Ti ringrazio comunque di tutto e per la disponibilita’ sei veramente una persona speciale .Grazie ancora

    Annamaria Addante risponde

    Io ci sono in associazione tutti i lunedì,mercoledì e giovedì dalle 17.30 alle 19 il lunedì alle 18.in via Elisabetta Canori Mora 15/21 tel.06/23239827.

  72. angela scrive:

    Buongiorno, le avevo già scritto per una casa del comune a casal bruciato, mia zia è deceduta, io con due bimbi ho chiesto la residenza, ho contattato la risorse spa per la vendita, mia zia aveva già versato i 2000 euro di acconto, ma loro telefonicamente mi hanno detto che non andrà in eredità, mi hanno consigliato di prendere la residenza e di chiedere il subentro alla Romeo, ma da quello che leggo non ho diritti, e sarò considerata occupante abusiva, non so se può essere utile, ma il contratto originario nel 1967 era intestato a mio padre, ho le ricevute della caparra e del pagamento di un affitto, poi mio padre l’ha ceduta a mia zia, io ero appena nata, proprio nel 1967. Come mi devo comportare?, mi devo autodenunciare alla Romeo? La ringrazio per la disponibilità e attendo una sua risposta.

    Annamaria Addante risponde

    Ma che vuole che ne sappiano quelli di risorse per roma,sua zia avendo versato i 2000 euro ha un diritto e il diritto si eredita lo dice il codice civile.
    Lei stia in quella casa ci metta la residenza e poi vedremo chi ha ragione. Il comune vende perchè le leggi regionali lo consentono e la legge 27/06 art.52 secondo comma dice proprio quello che le sto dicendo.

  73. marina scrive:

    buon giorno Signora Anna Maria ,
    nel 1999 o 2000 non ricodo ho fatto domanda di sanatoria , nel marzo del 2004 c’è stata la delibera che mi hanno assegnato l’appartamento , quindi la mia domanda è stata accettata, il fatto è che ogni 6 mesi circa chiamo per sollecitare l’appuntamento pe la firma del contratto , ho presentato per ben due volte tutti i documenti. cosa devo fare oltre sollecitare telefonicamente?
    grazie per il tempo che dedica a tutti

    Annamaria Addante risponde

    Ora c’è finalmente la carta dei servizi che stabilisce i termini per l’espletamento delle pratiche, la trova sul sito dell’Ater.Ciomunque lei quando telefona si deve far rilasciare un tic (numero) in modo che piò dimostrare di aver chiamato.Ma se lei mi manda una e-mail con il numero delle Determinazione che l’ha sanata il suo indirizzo e il telefono io posso girarla direttamente all’ufficio, mi indichi pure la zona dell’ater. la mia e-mail am.addante@tin.it

  74. barbara scrive:

    gent.sig.anna maria sono una mamma di 3 bambini sono separata ho ssistito un anziano per molti anni quando lui è deceduto i figli mi hanno fatto rimanere nel suo alloggio .purtroppo per 6 mesi non sono rientrata in graduatoria sono arrivate 3 lettere di sgombro poi la causa 2 mesi fà che il giudice ha rinviato a luglio .sono disperata non sò piu che fere ti prego se puoi aiutami.grazie

    Annamaria Addante risponde

    Signora mi deve far capire l’alloggio di chi è.

  75. barbara scrive:

    sig. annamaria è una casa ater l alloggio era di un anziano che io assistevo che è morto.

    Annamaria Addante risponde

    Sig.ra per poterle dire qualcosa di preciso mi deve venire a trovare in associazione perchè così non sono in grado di dirle nulla e se viene mi porti la documentazione in suo possesso.

  76. Matteo scrive:

    Buonasera dott.ssa Addante , apprendo da questi post che mi precedono che alle lettere di rilascio alloggio dell’Ater è possibile intanto opporsi con una causa che comunque potrebbe far prendere del tempo se la situazione è intricata.Me lo conferma?
    Grazie e buo lavoro.

    Annamaria Addante risponde

    Per darle un consiglio serio dovrei conoscere meglio il problema se vuole può scrivermi in privato am.addante@tin.it

  77. Paolo scrive:

    Gentilissima Annamaria,
    le descrivo la mia situazione.
    Sono cresciuto nella casa ATER di mia nonna, casa alla quale sono legatissimo e nella quale dal dicembre 2002 risiedono la mia ex moglie e mio figlio nato nel 2003.
    Mia nonna è poi morta a Dicembre 2003.
    io ho risieduto dai miei nonni sola dal 1993 al 1995 e poi mai più (e quindi non sono presente neanche in tutti i censimente fatti dopo) poichè io e la mia ex moglie siamo separati di fatto dal 2002 e legalmente dal 2009.
    La sanatoria presentata (con l’ aiuto di un sindacato…) è stata bocciata (me lo hanno detto telefonicamente) perchè hanno richiesto anche il mio cud e non rientra nel tetto del reddito previsto.
    Le faccio presente che la mia ex moglie percepisce un lordo annuo di 12.000 euro circa.
    ora sono preoccupato perchè non vorrei che mio figlio (di 7 anni) rischiasse di rimanere senza la sua casa.
    qual è l’ iter della sanatoria? possono sgomberare mio figlio con la madre?
    Casa può essere sgomberata ugualmente se si impugna la lettera di rifiuto della sanatoria?
    la ringrazio per l’ aiuto.

    Annamaria Addante risponde

    Quando le arriverà la comunicazione scritta vediamo se si può fare ricorso,le comunicazioni telefoniche non hanno valore giuridico.
    Se le cose dovessero andare male le potrebbero applicare il canone convenzionato senza sfrattarla.

  78. Paolo scrive:

    Grazie 1000 per la celere e competente risposta.
    Mi ha tranquillizzato non poco.
    Settimana prossima la raggiungo in sede per ringraziarLa di persona ed eventualmente chiarire qualche dubbio.
    un caro saluto

    OK!

  79. silvana scrive:

    gentilissima annamaria le volevo descrivere la mia situazione. sono una ragazza separata con una bimba di quattro anni. abito in una casa ater da circa sette anni,portandoci subito la residenza,convivendo con la nonna del mio ex.naturalmente abbiamo sempre fatto tutti i censimenti regolari.circa sei mesi fa la signora e’ venuta a mancare,e l’ultimo censimento l’ho fatto senza il nome della signora.vorrei sapere se devo fare qualche altra cosa e a che cosa vado incontro.un cordiale saluto e un ringraziamento per tutto quello che fa

    Annamaria Addante risponde

    Ha fatto tutto quello che doveva fare,purtroppo se non cambiano le cose lei è occupante abusiva per l’ater,in bocca al lupo.

  80. alessandra scrive:

    salve signora purtroppo sono un occupante abusiva di una casa ater chiusa da 4 anni signora deceduta senza eredi leggittimi ho attaccato le utenze a mio nome ma nessuno ancora è venuto a bussare alla mia porta è circa un mese che sono dentro l’alloggio come posso fare per iniziare a regolarizzarmi ho 23 anni sono disoccupata cacciata via di casa dai miei genitori se cosi si possono chiamare e non so più dove andare a dormire l’ho fatto per necessità devo autodenunciarmi ? che devo fare aiuto

    Annamaria Addante risponde

    Credo che lei si rende conto che ha violato la legge per cui va incontro a una multa e al rischio che la buttano fuori.
    Per regolarizzarsi dovrebbe uscire una legge di sanatoria,che al momento non c’è, le posso solo dire di incrociare le dita e buona fortuna.

  81. vittoria Iris scrive:

    Cara signora Annamaria, grazie a lei ho potuto finalmente sapere che la sanatoria è passata. Resta comunque per me un problema molto grosso, in quanto non solo l’affitto non è diminuito ma in data 25 marzo 2011 mi è arrivata comunicazione dall’ATER che entro 60 giorni devo pagare un insoluto di circa € 15.000 . Io ho sempre pagato puntualmente tutte le bollette mensili,e non so a che titolo debba pagare questa somma. Come mi devo contenere visto che se non pago procedono a un sequestro ? Le sarei grata se potesse darmi un consiglio in quanto vivo della pensione di mio marito che come le ricordo è un invalido al 100%. La ringrazio anticipatamente di una sua risposta. In fede Vittoria Iris

    Annamaria Addante risponde

    La comunicazione è arrivata scritta? se si me la mandi via fax 06-23239827 con il suo telefono che vedo di cos si tratta e le saprò dire cosa fare.

  82. vittoria Iris scrive:

    ok domani mattina provvedo grazie e affettuosi saluti

    ok.

  83. vittoria Iris scrive:

    Cara Signora Annamaria , il giorno 29 marzo ho mandato quanto da lei richiesto tramite fax . non so se sia arrivato e, se abbia avuto modo di vederlo . Attendo fiduciosa una sua risposta per sapere come contenermi. l La ringrazio anticipatamente dell’interessamento. Cordiali saluti

    Annamaria Addante risponde

    Signora stia tranquilla rispondo io alla lettera dell’ater,lei deve prendere solo l’appuntamento attraverso il call center presso la sua zona per verificare i conti e regolarizare la sua posizione.Quando le danno l’appuntamento me lo faccia sapere.

  84. David scrive:

    Salve signoara Annamaria,ho letto ringraziando a dio questo blog,le espongo l mio problema,circa 4 anni fa e deceduta la sorella di mio nonno,e lui ed entrato a vivere con mia nonna, in questa casa dell ater,ogni mesi arriva una bolletta indennita occupazione e accessori di 199 ma dovrebbero pagare di meno, risultano abusivi ha detto la vigilessa,io ho chiesto il cambio residenza per vivere da loro per il semplice fatto che mia moglie mi ha lasciato ed io curo mio nonno e mia nonna che nn stanno bene,ho vissuto con loro fino al matrimonio poi sono tornato ora che nmi sono lasciato,ho fatto il cambio resid,e la vigilessa che poi e venuta ha detto io se vuoi lo accetto ma informati che sicuramente poi manderanno via i tuoi nonni e ti verra mandata una multa di 25.ooo euro.. cosa devo fare entro venerdi de vo dichiarare la residenza e dal prossi anno sul cesimento?mi aiuti la prego

    Annmaria Addante risponde

    la tua illustrazione non è chiara, la casa a chi era assegnata? Mi devi dire chi era l’assegnatario e i componewnti del N.F., se è deceduto il titolare e nell’alloggio sono entrate persone stranee non ne hanno titolo.Cerca di esssere più chiaro

  85. vittoria Iris scrive:

    Cara Signora Annamaria, in data 4 aprile 2011 , come consigliato da lei ho chiesto appuntamento all’ATER , per risolvere il mio problema. Mi è stato detto che avrebbero bloccato i 60 giorni per il pagamento dei 15.000 euro; ma da allora l’ATER tace. Hanno forse risposto a lei visto che le avrebbe scritto riguardo al mio caso? Grazie per il lavoro che svolge. Ringrazio sentitamente

    Annamaria Addante risponde

    No non li ho sentiti,dopo le feste li richiami e se ha problemi me lo dica

  86. vittoria Iris scrive:

    cara Signora Annamaria, ho riprovato a chiamare l’ATER come da lei consigliato ma, a quanto pare è impossibile trovare le linee libere sia di mattina che di pomeriggio .Proverò di nuovo , in caso contrario c’è un’altro modo di contattare l’ATER ? La ringrazio sentitamente per il suo lavoro.

    Annamaria Addante risponde

    si telefonare in direzione allo 06 68842424 e denunciare che è impossibile comunicare

  87. vittoria Iris scrive:

    Grazie per le preziose informazioni . A presto

    Ok.

  88. Sara scrive:

    Buonasera Sig.ra Addante. Le scrivo per porle un quesito, le illustro la mia situazione: Ho la residenza dal 2007 in una casa dell’ Ater, questa casa è intestata a mia nonna. Puo gentilmente illustrarmi la procedura per effettuare il contratto di voltura a me?
    Grazie per l’interessamento.
    Cordiali saluti

    Annamaria Addante risponde

    Lei non ha nessun diritto ad avere la voltura del contratto e se sua nonna un domani (tra cento anni) dovesse morire lei deve riconsegnare l’alloggio altrimenti è occupante abusivo e dovrà pagare una penale di 21milioni di euro più il canone sanzionatorio che non è poco.

  89. elisabetta scrive:

    Salve sig.ra Addante. Ad agosto 2009 il mio ragazzo si è trasferito nella casa popolare dei nonni in quanto molto malati e bisognosi di assistenza 24/24h. Ad ottobre questi purtroppo sono deceduti entrambe e il mio ragazzo, essendo disoccupato, è rimasto a vivere li. Alla prima sanatoria possibile (dicembre 2010) ha denunciato l’occupazione abusiva in quanto “non erede”. Proprio oggi ha ricevuto la bolletta maggiorata fino a €553. Vorrei sapere per quante mensilità verrà applicata tale cifra, se c’è da pagare qualcos’altro e se questa maggiorazione da diritto all’assegnazione. Grazie!

    Annamaria Addante risponde

    Nel 2010 non vi è stata nessuna sanatoria. Lui è occupante abusivo e quella bolletta la dovrà pagare finch’è non uscirà una sanatoria,se ne faranno un’altra,perchè c’è rischio anche che lo buttino fuori.

  90. Vittoria scrive:

    cara signora Annamaria la ringrazio della sua disponibilità. le volevo far saper che la sanatoria è stata di esito favorevole . In quanto alla morosità come le ho mandato a dire con una e-mail, mi è arrivata per posta ma,. in data 28 marzo le ho spedito il tutto via fax . Se è il caso di rispedirla me lo faccia sapere grazie

    Annamaria Addante risponde
    Se gentilmente me la rispedisce e mi metta anche il suo recapito telefonico, così posso chiamarla

  91. Vittoria scrive:

    Signora Annamaria volevo sapere se è arrivato il fax . Se possiamo sentirci (chiamando a uno dei numeri che le ho mandato), mi farà veramente piacere . Grazie

    Annamaria Addante risponde
    se cortesemente mi chiama,grazie

  92. Vittoria scrive:

    Signora Annamaria buonasera, volevo farle sapere che finalmente ho contattato l’ ATER e mi sono fatta rilasciare il tichet e anche il codice intervento. Cosa faccio lo mando per fax o per e-mail ? La ringrazio sempre sentitamente.

    Annamaria Addante risponde

    Lei con quel tichet può chiamare la zona e chiedere un appuntamento,se ha difficoltà mi telefoni.

  93. Claudio MASCIOTTI scrive:

    Carissima Sig.ra Annamaria, grazie infinite per tutte le cose che fa per noi
    e la sua disponibilità.
    Il mio quesito e questo: nel settembre 2008, venivano a mancare sia mia Nonna che mio Padre a poco tempo di distanza fra loro, e rimasta sola mia mamma, insieme a i miei fratelli abbiamo deciso di segnare mio figlio nell’alloggio dell’Ater dove sia mia nonna ,mio Padre, e mia Mamma sono sul contratto dal 1948.
    Premetto che facciamo tutti i censimenti, domandiamo se per non perdere l’alloggio in futuro e consigliabile che mia Mamma faccia la voltura, e l’ampliamento del nucleo familiare? confermo che sullo stato di famiglia risulta dal 2008 con mia mamma.
    Nel ringraziarla col cuore se vuole posso anche venire in associazione.
    Distinti saluti

    Annamaria Addante risponde

    Se fino ad oggi l’ater non vi ha scritto nulla aspettiamo a Settembre se, le le sarà possibile ci vediamo per il momento non faccia nulla

  94. sergio scrive:

    GENTILISSIMA D.SSA ADDANTE, SONO FIGLIO DI UN SIGNORE CHE HA CONVISSUTO 25 ANNI CON UNA SIGNORA ASSEGNATARIA DI UN ALLOGGIO SITO IN VIA M.BONELLI A ROMA,CIRCA 5 ANNI FA LA SIGNORA è DECEDUTA E L’INTESTAZIONE DELL’AFFITTO ORA ARRIVA A NOME DI MIO PAPà, NON SOLO SUL CENSIMENTO ATER LUI RISULTA IN ATTESA DI REGOLARIZZAZIONE CON REQUISITI.IL PUNTO è QUESTO,IO SONO STATO ALLERTATO DAGLI ASSISTENTI SOCIALI PERCHè PARE ABBIA UN DECLINO COGNITIVO E QUINDI DEVO SISTEMARE TUTTE LE COSE CHE HA LASCIATO IN SOSPESO , ANCHE PERCHè LUI DA CASA NN VUOLE SPOSTARSI, VORREI CHE MI AIUTASSE A CAPIRE COSA DOVREI E POTREI FARE, PER NON FARGLIELA PERDERE. SONO SPIAZZATO, MI TROVO AD OCCUPARMI DI LUI DOPO CHE PER 50 ANNI NON SI E MAI OCCUPATO NE DI ME NE DI MIA SORELLA,,, LA RINGAZIO TANTO . PS PER ME è ABBASTANZA DIFFICILE SBROGLIARE LA MATASSA PERCHè SONO IN ABRUZZO E MI RECO DA LUI DUE VOLTE A SETTIMANA

    Annamaria Addante risponde

    Suo padre essendo stato il compagno dell’assegnataria ha pieno diritto alla voltura e nessuno lo potrà cacciare.Se vuole a Settembre possiamo seguirlo come associazione nelle pratiche di voltura.

  95. debora scrive:

    salve scrivo per avere un consiglio,ho appena occupato un alloggio, con due bimbi piccoli non potevo fare altro,mi consigliate come comportarmi e se in tempi brevi ci sia la possibilita di una sanatoria

    Annamaria Addante risponde

    Ce poco da consigliarti,ormai lo hai fatto e non ti resta altro da fare che metterci la residenza anagrafica e poi incrociare le dita.
    Comunque se posso esserti utile lo farà volentieri ti do la mia e-mail am.addante@tin.it

  96. Massimo scrive:

    Salve Sig.ra Annamaria Le scrivo per avere un consiglio.Vivo in un alloggio Ater dal 2004(figurando nello stato di famiglia) insieme a mio nonno regolare assegnatario.Nel 2008 mio nonno è morto A Luglio 2011 ho ricevuto una lettera di diffida da parte dell’Ater che mi intimava di uscire entro 15 giorni dall’appartamento.Ad Agosto 2001 ho ricevuto la bolletta con l’indennità di occupazione.Lei cosa mi consiglia di fare?Aspettare in silenzio un eventuale sanatoria oppure fare una sorta di ricorso per prendere tempo?
    Grazie

    Annamaria Addante risponde

    Perchè non mi ha scritto quando ha ricevuto la lettera?
    Ora deve solo aspettare che le arrivi ildecreto di rilascio al quale dovrà opporsi nella speranza di una sanatoria e nel frattempo dovrà pagare l’indennità di occupazione.
    Ma quando gli arriverà il decreto mi contatti subito.

  97. Massimo scrive:

    Grazie Sig.ra Annamaria per la risposta.Avrei un’altra domanda:io ho la lettera della proposta di vendita, con la cifra esatta da pagare, che l’Ater fece a suo tempo a mio nonno, e la lettera di conferma all’acquisto di mio nonno con il timbro Ater,oltre al versamento di 200.000 lire.Posso fare qualcosa con queste carte in mano? La ringrazio in anticipo per la sua pazienza e disponibilità
    Massimo

    Annamaria Addante risponde

    certo che può fare qualcosa,se le cose stanno come lei mi dice.Se vuole me ne posso interessare,la nostra associazione riapre a settembre se lei mi chiama sul cellulare le darò un appuntamento in modo che lei mi possa portare questa documentazione.

  98. debora scrive:

    Salve Sig.ra Annamaria ci siamo sentite alcuni giorni fa come le dicevo ho occupato un allogio ater,alcuni mi dicono di auto denunciarmi,oppure conviene attendere sviluppi per poi agire di conseguenza, vorrei venire da lei personalmente mi dice come posso fare per avere un appuntamento presso la sua associazione DISTINTI SALUTI

    Annamaria Addante risponde

    mi chiami a settembre e ti darò un appuntamento cell.3394581140

  99. debora scrive:

    salve sig. annamaria allora io nel 2008 sono andata a vivere con mio nonno assegnatario di una casa popolare erp a marconi pero non avendo il domicilio e pultroppo nonno è venuto a mancare il 16 marzo 2010 e io non avevo ftt in tempo visto che dopo la morte di mia nonna esso è andato in coma e non abbiamo ftt in tempo perche poi è morto. Ad oggi l’ater mi ha inviato due lettere di diffida e piu mi ha ftt una multa e mi ha dichiarato occupante abusiva con una idennita di occupazione di € 240.00 con un reddito della mia pensione d’invalidità al 75% di 270.00 € che fino a oggi ho pagato grazie all’aiuto di mia madre ad oggi , sentendo il mio avvocato mi ha ftt inviare una dichiarazione firmata da me , e mi consigliato il ricorso al tar e una causa civile per il subentro al contratto , sono anche seguita da un assistente sociale per la mia situazione sociale economica. volevo un consiglio da lei sul ricorso al tar e sul causa civile aspettando sue notizie la ringrazio anticipatamente…

    Annamaria Addante risponde

    Non può fare nessun ricorso e non capisco perchè l’avvocato le ha consigliato di farlo,lei non ha nessun diritto,non lo avrebbe avuto neanche con la residenza messa prima del decesso,figuriamoci messa dopo.
    L’unica cosa che può fare è aspettare una sanatoria se la fanno e non uscire finchè non viene la forza pubblica.
    Nel frattempo può fare una petizione al sindaco,all’assessore Buontempo e al commissario dell’ater,ma nulla più

  100. SABRINA VALENTO scrive:

    GENTSSIMA SIG.RA ADDANTE
    HO SAPUTO DI ESSERE PASSATA ALLA SANATORIA HO IL NUMERO DI DETERMINA…PERO’ PER PROBLEMI ECONOMICI NON HO PAGATO L AFFITTO DA SVARIATI MESI…ENTRO SETTEMBRE DOVREI RIUSCIRE A METTERMI IN REGOLA.
    AVRO’ DEI PROBLEMI ( interessi o altro) QUANDO MI CHIAMERANNO PER STIPULARE IL CONTRATTO?
    GRAZIE PER UNA CORTESE RISPOSTA

    Annamaria Addante risponde

    Se lei sta già pagando l’indennità di occupazione non credo perchè dovranno fargli il conguaglio.

  101. Alessandra scrive:

    Gentile signora,
    le espongo brevemente il mio problema.
    Mio padre è affittuario di una casa dell’Ater della provincia di Roma e più precisamente di Frascati.
    Ci hanno inviato una proposta di acquisto il 22.07 concedendoci termine di mesi due (quindi agosto e metà settembre) per decidere se acquistare o meno l’appartamento o in contanti o ratealmente.
    L’importo richiesto è molto esoso essendo case dell’Ater (€ 106.000,00 circa) ma la censura si identifica nella disparità di trattamento e nell’ingiustizia manifesta, di cui è affetta la proposta nell’indicare, per alcune palazzine, la categoria catastale A4 e per altre la categoria A2, determinando un diverso moltiplicatore, pur nella identità assoluta di appartamenti delle medesime palazzine.
    Per di più, precedenti dismissioni di immobili, nel corso del 2007 prevedevano una categoria catastale A4 con moltiplicatore 105 e non 120.
    Per altro, l’Ente proprietario deve determinare i criteri di applicazione del moltiplicatore ai sensi del comma 5, art. 48 L.R. 27/2006, e tale procedura non appare seguita per noi.
    Le sembra giusta questa disparità di trattamento? la proposta di acquisto si può impugnare al TAR?
    Grazie.

    Annamaria Addante risponde

    Lei può richiedere al catasto la rettifica catastale se vi è un errore palese,se le due palazzine hanno le stesse caratteristiche dovete chiedere la rettifica.
    Potete chiedere a nome mio le delucidazioni che volete al sig.Mauro Serafini dell’Ater della Provincia,potete anche scrivergli vi do la e-mail m.serafini@aterprovinciadiroma.it

  102. lorenzo scrive:

    salve siamo una coppia con due figli di 12 e 9 anni quello di 9 invalido al 100 per 100 stiamo in camera e cucina al 8 piano col pericolo che mio figlio si affacci stiamo sempre con le serrande abbassate ci abitiamo dal 2000 in questa casa dell ater per fare assistenza a una persona anziana poi deceduta nel 2006 abbiamo fatto la sanatoria esito positivo ora ho chiesto di farmi il contratto per fare un cambio di alloggio e vedere la parte contabile mi anno chiesto 37.000 euro di cui 18.500 di indennita di occupazione 3.700 entro 60 giorni e 313.00 per 10 anni piu 140.00 di affitto ma dove li trovo aiutatemi grazie

    Annamaria Addante risponde

    Ma in che quartiere state? Perchè la somma richiesta mi sembra eccessiva,consedera che devio pagare l’indennità di occupazione dal giormno che hai occupato dino a dicembre 2007. Ti hano dato un foglio scritto? Se si mandamelo che lo guardo e poi ti dico ciao

  103. lorenzo scrive:

    a premetto le bollette fino a dicembre 2011 arrivavano alla signora poi a nome mio senza nessuna indennita d occupazione

    Non vuol dire nulla

  104. lorenzo scrive:

    a montesacro no gli ho chiesto di avere delle copie ma nn me le anno date mi anno detto di pensarci una settimana poi gli dovevo rispondere se accettare ma dove li trovo tutti questi soldi

    Annamaria Addante risponde

    L’ater se ti chiede di pagare un debito ha l’obbligo di darti dettagliatamente scritto il tuo debito a cosa si riferisce e a quali date.
    Se a te ti hanno dato per iscritto quello che devi pagare sinteticamente,hanno l’obbligo di dettagliare le morosità e non possono negaterle,il fatto è che non gli va di lavorare.
    Comunque se vuoi vieni in associazione che gli scrivo io,perchè innanzitutto occorre verificare il debito do chi è e che date di riferisce.
    Io ricevo i giorni dispari dalle 17 alle 19 in viia elisabetta Canori Mora 21.

  105. Barbara scrive:

    Salve signora Annamaria ,io sono occupante dal 2009 con un bambino di 2anni e con gravi problemi di salute..ho mandato tutte le pratiche all ater anche tutta la cartella clinica riguardante il mio stato di salute,ho fatto il censimento ma l affitto è sempre alto 190 euro io non riesco a pagarlo e ogni mese invio 40 euro con bollettino bianco compilato da me ,non ho mai ricevuto sfratti,aspetto con ansia la sanatoria lavoro in regola lei pensa che mi manderanno via?graZie mille Barbara

    Annamaria Addante risponde

    Invece di inviare i bollettini in bianco è preferibile che paghi saltuariamente quelli già preparati che le invia l’ater, per il resto incrociamo le dita e speriamo che facciano questa benedetta sanatoria.

  106. Matteo scrive:

    Se Buontempo non fà come promesso una legge come si deve ogni 4-5 anni ci sarà bisogno di una sanatoria e ogni volta saremo punto e a capo.
    Si vocifera che presto in giunta porterà le nuove norme e immagino accompagnate da una sanatoria che regoli le occupazioni secondo la buova legge.
    Staremo a vedere, è certo che 20000 euro di reddito lordo come limite individuato per poi obbligare gli inquilini a comperare casa o eventualemnte a pagare di più di affitto mi pare veramente scandaloso, spero intendano reddito isee.

    Annamaria Addante risponde

    Forse Buontempo dovrebbe occuparsi di altro, non ascolta le associazioni fa solo di testa sua vediamo cosa partorirà, se è come il mutuo sociale stiamo freschi, temo che sia solo una presa in giro,leggete bene la legge e poi ne parliamo.

  107. Antonio scrive:

    Gentile Dott.ssa
    Mio padre ultrasessantacinquenne, residente in Pescara in un alloggio ATER, ha deciso di acquistare tale alloggio a lui assegnato ed occupato sin dagli anni 60. Dalla lettera giunta dall’ATER, con il relativo importo, si fa menzione per l’acquisto la Legge 560/93 indicando la rendita catastale (310.71). Le mie domande sono:
    1) mio padre, ha effettuato dei miglioramenti quali installazione di finestre in alluminio, nuovo pavimento, portone blindato e termosifoni sempre dietro autorizzazione dell’ATER. Ho letto nel forum, chi ha eseguito dei miglioramenti all’appartamento gli è stata diminuita la rendita catastale. Se questa affermazione risulta vera, quale procedura bisogna adottare?
    2) Mio padre opta per l’acquisto a rate ovvero 30% subito il resto della somma a rate. Essendo lo stesso ultrassessantacinquenne, l’appartamento può essere venduto dopo 5 anni dalla stipula del contratto o solo dopo aver finito di pagare il debito?
    3) Oltre alla Legge 560/93 vi è una Legge della regione Abruzzo che disciplina l’acquisto delle case ATER?
    Grazie per la risposta

    aNNAMARIA aDDANTE RISPONDE

    iN GENERE SE SI FANNO MIGLIORIE LA RENDITA AUMENTA E NON DIMINUISCE,L’ALLOGGIO SI PUò RIVENDERE DOPO 10 ANNI DE SI è FINITO DI PAGARE.

  108. simone scrive:

    Salve sig.ra AnnaMaria,
    chi ha sanato nel 2007 la propria posizione, può acquistare il proprio immobile? A quanto pare da quel che viene scritto sul sito del comune di Roma si:
    “Ecco chi può beneficiare dell’opportunità di acquisto di questi alloggi: tutti gli inquilini regolari assegnatari dell’alloggio; i componenti del nucleo familiare dell’assegnatario conviventi; i figli non conviventi; tutti coloro che abbiano sanato la loro posizione irregolare per mezzo delle leggi che si sono succedute in materia negli anni 1987, 1990, 2000, 2003, 2006 e 2007.”
    Ma la Romeo Gestioni mi ha comunicato pochi gg fa esattamente il contrario…

    Annamaria Addante risponde

    La Romeo ha ragione perchè possono acquistare solo quelli della sanatoria legge 18/2000 per il momento

  109. simone scrive:

    Salve sig.ra AnnaMaria,
    dove posso trovare conferma di questo?
    Ovviamente non è per mancanza di fiducia ma al contrario, sto raccogliendo più informazioni possibili a rigurdo per capire se chi è nella mia situazione può in qualche modo cmq acquistare l’immobile.
    Grazie anticipatamente

    Annamaria Addante risponde

    Se non si fida legga la legge 27/06 regionale

  110. Simone scrive:

    Le assicuro che non è mancanza di fiducia ma solo la reazione ad una gran delusione, anzi la ringrazio per le risposte sempre chiare e puntuali.
    E’ un anno e mezzo che ho versato i 2000 euro per la proposta di acquisto, nel frattempo sono stato chiamato da RpR per confermare le planimetrie, consegnare la sanatoria, poi sono venuti i loro geometri a fare il sopralluogo, poi quelli della Romeo a prendere le misure, successivamente RpR mi chiama per dirmi che il rogito sarebbe stato a settembre e a settembre la Romeo (solo perchè ho fatto richiesta io) mi dice che è stato un loro errore, hanno fatto confusione e chi ha sanato nel 2007 non può comprare….. D’altro canto invece sul sito del comune di Roma si dice tutt’altro….
    Come può immaginare sto cercando di tirare le fila a questa confusione.

    Annamaria Addante risponde

    La capisco benissimo,ma purtroppo hanno fatto confusione ,posssono acquistare solo quelli sanati con le sanatorie precedenti.

  111. alessandro scrive:

    buongiorno signora annamaria,le scrivo poichè mi sembra che lei ha moltissima esperienza in queste problematiche,le spiego brevemente il mio caso .
    da diversi anni abito con una amica di famiglia e poi l’anno scorso ho messo la residenza in questa casa ater , dopo qualche mese lei è deceduta ed io sono rimasto ad abitare qui, a maggio è arrivata la prima lettera di diffida e oggi è arrivato il decreto di rilascio che entro 30 giorni devo lasciare l’immobile.
    io sono affetto da una patologia grave (hiv) e mi hanno detto che l’unica sperenza nell’ottenere l’assegnazione e cmq per bloccare i tempi di sgombero è fare ricorso al tar….le chiedo se tutto questo è vero e se riusciro’ ad ottenere qualcosa.Grazie mille un abbraccio.

    Annamaria Addante risponde

    Si purtroppo è vero perchè lei non ha nessun titolo e il ricorso per lo meno blocca lo sfratto forzoso sperandop che nel frattempo facciano un’altra sanatoria.

  112. paolo scrive:

    dolce sig. anna maria dopo lunghi mesi di calvario è attese snervanti nell’ufficio preposto per sapere l’esito della mia sanatoria. mi dissero di essere stata bocciata. motivando di essere possessore di una casa di propieta . chiarito il tutto, e portato le varie documentazioni da l’oro richieste, aspettavo una nuova valutazione. sono mesi che vado nell’ufficio preposto, come da l’oro consigliato. oggi mi sento dire che le precedenti informazioni ricevute non erano veritiere . è che dovrà formarsi una nuova commissione per rivalutare le sanatorie sospese . che lei sà e vero ? a questo punto credero solo a una sua risposta. buona giornata e grazie

    Annamaria Addante risponde

    Se lei ha una proprietà immobiliare che supera i centomila euro di rendita catastale non ha diritto alla casa popolare e neanche se non supera i centomila se la proprietà e a Roma ed è un alloggio adeguato al suo N.F.

  113. paolo scrive:

    buon giorno . letto la sua risposta è prendo atto da lei scritto. l’errore di attribuirmi una casa di propieta, e stato fatto da l’oro. io non possego propietà. sono occupante abbusivo di appartamento a.t.e.r dal 2005. pago il bollettino a mio nome con la maggiorazione di legge. pago la sanzione di e. 5000.oo. ratealmente . fatta la sanatoria . il mio unico reddito è da pensione 1000.oo.euro . con invalidita del 60 % . separato da 10 anni . il mio rammarico è: la superficialita dell’ufficio preposto. mi sento penalizzato. ora dovro attendere questa nuova commissione che dovranno formare ( cosi e l’ultima notizia ) ma non si sa quando . io posso attendere ma penso a quante persone non informate atendono una risposta dovuta.

    grazie anna maria.

    persona altruista al servizio di tanti

    Annamaria Addante risponde

    Ma come è possibile che le hanno affibiato una proprieta? Non sarà per caso del suo ex marito?,mi faccia sapere.

  114. Francesca scrive:

    Salve Sig.ra Annamaria,ho ricevuto una lettera che mi avvisa dell’avvio del procedimento di irrogazione della sanzione amministrativa che ammonterebbe ad € 5.164,vorrei capire come viene calcolata,se esistono dei parametri che includono l’ubicazione ed altro(abito in una stanza di mq 25 a fiumicino),l’importo può essere rateizzato solo in 30 rate oppure c’è rimasta una legge umana che abbassa l’importo e aumenta le rate per chi come me è disoccupata?Ho letto nei commenti precedenti che possono acquistare solo quelli delle sanatorie precedenti al 2006,e per quelli della sanatoria del 2006 che hanno pagato la sanzione,sottoscritto il contratto, se gli mettono in vendita l’immobile che diritti possono vantare?Perdoni le domande a raffica,ma girando per uffici spesso nn si ottengono tali informazioni e quando si trova una persona competente e disponibile è un faro in mezzo alla tempesta!Grazie mille

    Annamaria Addante risponde

    lei ha fatto tante domande,ma non è stata precisa per cui mi rimane difficile responderle.
    Quando ha occupato?
    Ha fatto la sanatoria?
    Sicuramente quelli sono i canoni arretrati della sanzione amministrativa.
    Poi invece di preoccuparsi della vendita si preoccupi di sanare la sua situazione.

  115. Alberta scrive:

    Salve Dott.ssa, volevo chiederLe alcune informazioni. Dal 2008 abito in un appartamento ATER. Sino al 2009 ero ospite della regolare intestataria del contratto ma successivamente sono rimasta a viverci con mio figlio visto che la suddetta si è trasferita in altra città. Premetto che siamo entrambi disoccupati. Qualche mese fa l’ATER mi ha inviato la lettera di diffida alla quale ho risposto chiarendo la mia posizione e spiegando i motivi per i quali mi trovo ad abitare l’appartamento che ad oggi per noi rappresenta l’unica possibilità di avere un tetto. Ora qualche giorno fa mi è arrivato il Decreto di rilascio dell’alloggio ed un amico mi ha consigliato di fare ricorso in Tribunale per chiedere la sospensione del decreto. E’ possibile ciò? e con quali motivazioni? Che speranze ho di non essere mandata via? La ringrazio anticipatamente

    Annamaria Addante risponde

    nessuna speranza,il ricorso serve solo per prendere tempo e sperare che esca una sanatoria,se vuole la possiamo mandare dall’avv.to Galeani.

  116. paolo scrive:

    ANNA MARIA BUON GIORNO. no.le garantisco non possiedo nulla . il rammarico e quello di sapere cose inesatte. se l’ufficio acertava con piu competenza la mia situazione, forse. e dico forse. non starei a toglierle il suo tempo prezioso. di nuovo grazie

    Annamaria Addante risponde

    Caro signore se vuole posso occuparmi della sua questione,ma deve venire in associazione, perchè occorre scrivere all’ater,ma per fare questo mi occorre la documentazione in suo possesso.

  117. Francesca scrive:

    Buongiorno dott.ssa Addante,in riferimento alla mia del 27 ottobre,le rispondo che sono rientrata nella sanatoria del 2006 ed ora è in corso l’assegnazione dell’alloggio.Da 6 mesi pago un’indennizzo che non ho ben capito cosa va a coprire e quanto durerà nel tempo.Per quanto concerne la sanzione di € 5.164 mi sono recata agli uffici del comune per approfondire la mia situazione e per poter richiedere un dilazionamento oltre le 30 rate,mi è stato risposto che c’è gente che paga in un’ unica rata,mostrandomi il modello unico di pagamento!Com’è possibile richiedere tali cifre a chi abita in case popolari senza un equa dilazione?Mi sono preoccupata di “sanare la mia situazione”(ovviamente non ci sono morosità pregresse) e visto che la “legge non ammette ignoranza” mi preoccupo di capire i diritti oltre ai doveri di queste leggi contorte e ingiuste.Buona giornata.

    Annamaria Addante risponde

    Non possono negarle la rateizzazione

  118. mohammed scrive:

    Buona sera Dottoressa Addante. Sono cittadino marochino con regolare carta di soggiorno, papa di tre bambini (7, 6 ,5 ), residente in comune di TReviglio provincia di Bergamo, il 25/10/2011 l’ufficio assegnazione alloggi mi ha chiamato per l’assegnazione dell’alloggio di edilizia residenziale pubblica a cannone sociale. il 03/11/2011 mi hanno risposto cosi veloce che la verifica dei requisiti per assegnazione alloggi di e.r.p a canone sociale e NEGATIVO secondo loro per : mancanza dello svolgimento di una regolare attivita di lavoro assendo extracomunitario secondo quando stabilito dal D.L n286/1998 senza tenendo in considerazione che:
    -Sono titolare di PENSIONE IO del dicembre 2009, riconosciuta avendo lo stesso contributi lavorativi sufficente per tale pensione.
    -Sono INVALIDO civile con TOTALE e PERMANENTE inabilita lavorativa(art. 2 e 12 legge 118/71) riconosciuta in percentuale del 100% in dicembre 2009. Chiedo gentilmente cara Dottoressa di farmi capire questa vicenda , dove posso andare e che fare .

    In attesa vi porgo distinti saluti

    MOHAMMED

    Annamaria Addante risponde

    Gli stanno facendo un vero e proprio abuso in quanto la sua pensione è maggiore del lavoro in quanto la pensione non la possono togliere.
    Credo che lei si sia imbattuto in qualche funzionario non molto pratico,le consiglio di farsi mettere per iscritto tale rifiuto e se le è possibile fornirmi il telefono di chi gli ha detto questo posso provare a telefonargli.

  119. andrea scrive:

    salve e complimenti sono un occupante abusivo , l assegnatario e deceduto 5 anni fa . io l ho occupato un anno e mezzo fa pagando i bollettini a nome del vecchio assegnatario . ora sono stanco di sentirmi un ladro vorrei autodenunciarmi pero’ mi hanno detto che si imcombe ad una sanzione che va dai 45.000 /65.000 euro . vorrei sapere se e vero, grazie

    Annamaria Addante risponde

    Se ti autodenunci vai incontro ad una multa di 21mila euro e deve pagare al posto del canone l’indennità di occupazione.Se lei ha la residenza nell’alloggio le conviene aspettare che esce la sanatoria e in qual momento si autodenuncia,l’imortante è che lei abbia già il domicilio.

  120. Serpico scrive:

    Signora addante sono il ragazzo di oggi…ma mandare una lettera diretta all’estero facendogli presente la situazione deficitaria fisica economica e mentale potrebbe servire a rallentare i tempi?
    Volevo dire ater no estero scusi

    Annamaria Addante risponde
    la lettera scritta bene e con la certificazione allegata va mandata al sindaco di Roma,alla Presidente Polverini,all’assessore Antoniozzi,all’assessore Buontempo al Presidente della Commissione casa della regione on.le Gigli.
    Lei la scriva e me la mandi via e-mail che vedo se va bene e poi la inviamo, può essere un tentativo per far decidere questi di fare la sanatoria.

  121. vita scrive:

    vorrei sapere se avendo 6 mesi di residenza in una casa dell’ater coabitando con mio nonno poiche’ gravemente ammalato potrei mantenere l’allogio visto che il comune non mi ha concesso prima la residenza poiche’ doveve fare dettagliati accertamenti

    Annamaria Addante risponde

    Il Comune non può in nessun modo negare la residenza e se deve fare degli accertamenti li fa dopo.

    La residenza non ti da nessun diritto alla casa.

  122. francesca scrive:

    salve dott.ssa Addante volevo sapere se il fabbricato 1 del lotto 59 di via ignazio persico 61 alla garbatella è in vendita, premetto che il fabbricato 2 è in vendita mentre il fabbricati 1 anche appartenendo allo stesso lotto non è andato in vendita subito in quanto era del genio civile poi è passato all’ater perciò mi chiedo mezzo lotto è in vendita l’altra metà che fine fa? grazie cordiali saluti

    Annamaria Addante risponde

    I lotti in vendita sono il 42 e il 59.

  123. simone scrive:

    buonasera, le scrivo in merito alla situazione della mia famiglia, dal 2008 mia moglie si alternava con sua cugina ad assistere la nonna (assegnatrice di un alloggio ater) dal 2009 ci trasferiamo in pianta stabile nell’alloggio della nonna ma purtroppo (anche per non avere problemi di perdere l’alloggio) non abbiamo mai chiesto la residenza da 03/2010 la nonna è deceduta e mia moglie ha immediatamente preso la residenza. ci è stato consigliato di non fare il censimento ma oggi ci è arrivata una diffida di rilascio dell’alloggio. inoltre dal 11/2009 abbiamo un bambino che da settembre del 2011 frequenta anche la scuola del quartiere.ovviamente abbiamo sempre pagato con regolarità il canone anche se è aumentato pesantemente. cosa ci consiglia. la ringrazio per l’ottimo lavoro che svolge.

    Annamaria Addante risponde

    Sareste stati ugualmente occupanti abusivi,ora dovete solo rispondere alle lettere che vi inviano e apsettare la fortuna che esca una sanatoria.

  124. Vittoria scrive:

    Cara Annamaria se x cortesia mi può dare il telefono di Piazza Navigatori . è da circa un ‘anno che ho chiesto l’appuntamento e ancora non si sente nessuno . Nel frattempo, arrivano sempre € 380,00 di affitto benchè sia passata con la sanatoria e,avendo un reddito minimo e mio marito invalido al 100% Grazie di cuore.

    Annamaria Addante risponde

    Io giovedì mattina alle 10.00 sono in 5 zona se ti fai trovare li affrontiamo il problema.

  125. giuseppe scrive:

    salve io vivo con mia madre in un alloggio ater pero il vecchio assegnatario sarebbe il COMPAGNO di madre no sposati è morto 2 anni fa.abbiamo fatto la domanda di subbentro nel 2010 pero nel frattempo nn ci è arrivato nulla,la bolletta arriva regolare intestata a mia madre,io vorrei sapere se è normale che passi tutto questo tempo?cosa potrei fare per accorciare i tempi?ho problemi del acea nn mi attaccano l’acqua se nn dimostro un contratto che vivo in questa casa.grazie mille aspettoo notizie

    Annamaria Addante risponde

    All’ACEA le porti il foglio che gli arriva insieme alla boletta se va bene per il resto è meglio che aspetta.
    Mi fa sapere quale zona Ater è.

  126. Vittoria scrive:

    Annamaria sei sempre gentile . Ti ringrazio, ma la zona 5 qual’è ? Io voglio esserci , se x favore mi dai un’indirizzo un poco più preciso . Grazie e a presto

    Annamaria Addante risponde

    piazza dei navigatori sotto i portici.

  127. Vittoria scrive:

    Grazie ,ho visto nelle mappe e ho trovato il sito . Ci vediamo giovedì

    OK.

  128. GIANLUCA scrive:

    UNA VOLTA PASSATA LA SANATORIA L’ATER SI PUO’ RIFIUTARE DI FARE IL CONTRATTO D’AFFITTO?

    Annamaria Addante risponde

    Per rifiutarsi deve avere un motivo preciso che impedisce l’attuazione della sanatoria.

  129. eva scrive:

    Gent.ma Annamaria…ho una situazione molto complicata e da spiegare bene..la prego,posso domani contattarla al cellulare e prendere un appuntamento per poter parlare con lei?ho ricevuto venerdì lettera ater per rlascio alloggio…ho un disperato bisogno di essere consigliata da una persona giusta ..Grazie …

    Annamaria Addante risponde

    Ok. mi telefoni domani

  130. Simone scrive:

    Gent.ma Annamaria, sa dirmi se ci sono novità relative alla possibilità di acquistare il proprio immobile ATER da chi è stato sanato con la sanatoria 2007?
    Grazie anticipatamente ed un saluto

    Annamaria Addante risponde

    No con la santoria del 2007 non è possibile per il momento.

  131. silvana scrive:

    buongiorno signora addante vorrei solo sapere da lei un parere. se e’ giunto il momento che l’ater faccia una sanatoria.non ce’ nulla nell’aria?

    Annamaria Addante risponde

    Le sanatorie non le fa l’Ater,ma la Regione lazio e non credo che in questo momento stiano a pensare alla sanatoria,stanno pensando come cambiare l’assessore anche alla regione.

  132. Roberta scrive:

    Buongiorno sig.ra Addante,
    Premetto di aver presentato la domanda di sanatoria nei tempi, e che tale domanda risulta essere stata approvata con determinazione dirigenziale.
    Ho ricevuto una raccomandata il 6 ottobre in cui mi si chiedeva la presentazione di documenti per verifica requisiti di legge per stipula contratto di locazione, che ho tutti regolarmente presentati in data 18 ottobre 2011 presso l’ufficio di Piazza dei Navigatori, 15.
    Ho ricevuto però la lettera con il c/c postale per il mese di Febbraio ove al posto del canone di locazione mi è stata addebitata un’indennità di occupazione pari a 5volte il canone precedente.
    Che cosa è successo?
    Potrebbe cortesemente darmi suo parere?

    Cordiali saluti
    Roberta

    Annamaria Addante risponde

    Si sono impazziti! Mi mandi subito via e-mail o tramite fax il foglio allegato al conto corrente da pagare dove è descritto le spese sia quello di prima che quello aumentato e gli estremi della delibera con cui è stata sanata.
    Mi invii inoltre una copia del suo documento e la sua delega che mi autorizza a verificare per suo conto. le do il fac 0623239827, la mia e-mail am.addante@tin.it il mio cell.3394581140.

  133. Mat scrive:

    a leggere il blog dell’assessore alla casa della regione lazio è quasi pronta una nuova legge su cui stanno lavorando ormai da quasi un anno da quando i vertici ater si riunirono in convento per trovare le idee.si presume che le nuove leggi in merito a subentri, assegnazioni, vendite, ecc siano accompagnate da una sanatoria.Staremo a vedere, non mi stupirei che cambiando l’assessore alla casa ricominceranno tutto da capo…

    Annamaria Addante riponde

    Purtroppo non sono molto ottimista perchè l’assessore sta preparando la sua legge, il Presidente della commissione casa ha istituito una sottocommissione per affrontare questo tema e si è insediata da pochi giorni,poi sicuramente qualcun’altro farà una sua proposta e forse prima di chiudere la legislatura qualcosa partoriranno e intanto gli assegnatari continuanoad essere bistrattati.

  134. Maria Rita scrive:

    Gentilissima sig.ra Addante,
    sono un inquilina delle case Ater appena messe in vendita in Via Silvano, 10 scala Q – 00158 Roma (Pietralata), l’ A.T.E.R. ha iniziato ad inviare le lettere ad ottobre e ad oggi io non ho ancora ricevuto la mia, dopo innumerevoli telefonate al call center, ricevendo sempre la stessa risposta e cioè che dovevo avere pazienza perchè le lettere erano state tutte spedite, sono riuscita a trovare il numero di quello che credo sia l’ufficio che gestisce le vendite degli appartamenti (0668842685) e li mi hanno comunicato che la lettera per la vendita del mio immobile è stata bloccata per problemi amministrativi, dei quali in 26 anni che abito li non ho mai saputo nulla.
    Il problema è che per avere l’appuntamento bisogna chiamare il centralino che passerà la pratica all’ufficio preposto, il quale poi provvederà a mettersi in contatto con me per fissare un appuntamento.
    Considerato che so già che nessuno si metterà mai in contatto con me, ho inviato un fax all’ ufficio di competenza in via Matilde di Canossa chiedendo di avere un appuntamento ed ho mandato anche una raccomandata al Dirigente dell’Ufficio Vendite Ater in via di Valle Aurelia 286 scala H per avere maggiori informazioni.
    dopo tutti questi tentativi andati a vuoto non so proprio più che fare….potrebbe consigliarmi qualcosa?
    Grazie mille per la sua disponibilità

    Annamaria Addante risponde

    Gentile sig.ra ho girato la sua e-mail ai membri del C.dA dell’Ater vediamo cosa succede,perchè è veramente assurdo questo modo di comportamento da parte dell’Ater.
    Mi faccia sapere se ha novità.

  135. mihai scrive:

    Buongiorno sig.na Addante,mi trovo in situatione dificilisima….da spigare la prego….cosa si puo fare contrauna procedura di”sequestro preventivo dell’alloggio” o meglio li poso telefonare grazie

    Annamaria Addante risponde

    si mi puoi telefonare,ma credo di poterti fare poco.

  136. Mirko proietti scrive:

    Buona sera Annamaria Addante vorrei un’informazione.
    Allora a mio padre e a mia madre gli e’ stata assegnata una casa nel 1983 s via ezio pinza 21 roma zona serpentara, mia madre con il passare del tempo ha dovuto lasciare l’abitazione e questa cosa e’ stata dettata dal tribunale dei minorenni perche’ mio padre faceva maltrattamenti a mis madre e ai miei fratelli. Poi mio fratello appena compiuta la maggiore eta’ e’ tornato da mio padre mio padre poi nel 2004 e’ morto e io e mia madre sismo rientrati. Ora mia madre risulta abusiva e ha dovuto cambiare residenza io e mio fratello abbiamo scritto una lettera dicendo che siamo i figli leggiyti e che vorremmo un contratto intestato a uno dei due. Potrebbe darmi quslche informazione a riguardo? Grazie mille

    Annamaria Addante risponde

    Ti ho già risposto per telefono e ti ho girato la lettera che ho scritto all’Ater, spero che tua madre non abbia cambiato indirizzo,perchè a mio avviso avete tutti etre diritto a stare nell’alloggio.

  137. mauro salvatori scrive:

    Buongiorno sig Addante, mi rivolgo a Lei per sottoporre alla sua attenzione il mio problema.Questa mattina sono stato presso l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale del comune di Roma, Lungotevere Tor di Nona, per cercare di capire una volta per tutte la mia situazione in riguardo ad un appartamento sito in zona Garbatella, dove vivo con mia zia da circa 11 anni. Dopo anni e anni di domande senza aver mai ricevuto risposte oggi sembrerebbe arrivata al capolinea la speranza di poter riscattare l’immobile nel quale mia zia risiede da circa 50 anni.
    Stamane mi hanno comunicato che la lettera che attendiamo da tempo per il riscatto sarebbe stata inviata nell’anno 2000 e mai seguita da una nostra risposta.Mi domando se il fatto di non aver risposto entro i termini previsti dalla suddetta comprometta oggi, a distanza di 12 anni, l’acquisto della casa.
    In attesa di una sua cordiale risposta la ringrazio anticipatamente e le porgo distinti saluti.
    Per maggiori informazioni può contattarmi all’indirizzo mail mauro.salvatori@totalerg.it

    Mauro Salvatori

    Annamaria Addante risponde

    No la mancata risposta non le preclude la vendita,in quanto molte persone non hanno a suo tempo risposto e poi hanno acquistato.
    E una prepotenza che fanno gli uffici,ma non a tutti.

  138. vanessa scrive:

    Buongiorno signora Annamaria, io ho 25 anni e vivo attualmente in una casa popolare di cui l`assegnatario (mio zio) é morto l’anno scorso! Mi hanno detto che se metto la residenza mi arriverà una multa di 21000 euro e una denuncia penale..vorrei sapere che problemi potrei avere e cosa comporta avere la fedina penale sporca!Inoltre se posso chiederglielo vorrei sapere se lei sa se a breve potrebbe uscire una sanatoria e come devo fare x la domanda! Inoltre è vero che la sanatoria “sana” tutti i residenti? In attesa di una sua risposta la ringrazio anticipatamente. Distinti saluti

    Annamaria Addante risponde
    se lei mette la residenza è occupante abusiva e va incontro ad una multa di 21mila euro, se lei può dimostrare che già abitava con suo zio il giudice forse sarà clemente,ma se lei per entrare nell’alloggio ha sfondato la porta c’è la sanzione penale.

  139. Giuseppe Furfari scrive:

    Buongiorno Sig. Annamaria avrei un quesito.
    Per ben due Volte ho superato il reddito, perche mio figlio faceva parte del mio nuckeo famigliare, ora in data 26/09/2012 e andato ad abitare in in un altra casa quindi non e più parte integrante della mia famiglia ed è residente in un altra località ( comunicato ad ATER roma Via Titano ).
    Volevo sapere potro riavere i benefici di cui all’art 18.( il reddito famigliare è ora ridotto di circa la metà. Cosa dovrò fare
    Cordiali saluti

    Annamaria Addante risponde

    certamente comunichi alla zona la nuova situazione chiedendo il ripristino del vecchio canone, che con il nuovo anno le dovrà essere modificato,ma le stia dietro altrimenti se lo sogna.
    Giuseppe

  140. Giuseppe Furfari scrive:

    Grazie Mille per la risposta cercherò come già sto facendo di non mollare anche se mi è stato detto dall’ufficio di via titano che dovrò comunicare nuovamente l’uscita dal nucleo famigliare di mio figlio nel mese di aprile o maggio 2013, lo farò e!!!!! speriamo bene!!!!!!
    Di nuovo grazie
    Giuseppe

    Annamaria Addante risponde

    In bocca al lupo!

  141. Gina scrive:

    mio padre è assegnatario di alloggio popolare ma pur mantenedo la residenza in detto alloggio vive altrove mentre io, figlia, con tre figli minorenni vivo nell’alloggio e sono inclusa nello stato di famiglia del padre.da 2011. Il comune ha espletato molte verifche abitative e ha trovato sempre me nell’alloggio. desidero conoscere se il comune mi può sgomberare dall’alloggio in quanto ritiene che l’assegnatario pur mantenendo la redidenza nello stesso di fatto abita altrove.

    Annamaria Addante risponde

    Suo padre può fare una richiesta dove dichiara di lasciare l’alloggio alla figlia in quanto lui per motivi personali si trasferisce altrove.
    Comunque nessuno le può togliere la casa se lei era nel contratto originale ,se mi chiama le spiego meglio 3394581140

  142. Giuseppe Furfari scrive:

    Sig.Annamaria, solo pere comunicarle che non avendo mollato ho raggiunto il risultato( anche se con alcuni mesi di ritardo) Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Giuseppe

  143. addante scrive:

    Evviva, non bisogna mai mollare

  144. daniele scrive:

    Buona sera signora Annamaria le volevo. Chiedere come mi devo comportare con l ater.ho fatto la sanatoria nel 2007 me la compilata la dottoressa Flavia Micci
    incaricata dalla istituto per aiutarci a non sbagliare ,ma lei nella compilazione ha sbagliato il codice comune mandandola ad Affile!!.me ne sono accorto dopo un po di anni .per fortuna l avevo mandata in cartaceo nel posto giusto.Ho telefonaro alla ater che mi ha confermato di averla ,ma ormai era stata messa in quelle discutibili.pago 619.00 euro di affitto .un mutuo per me.oggi 2013 sono passati sette anni ,e gli ho fatto scrivere da un avvocato con 2 re comandate e dopo un mese con posta certificata .ma non mi si sono filati di pezzo!! allora mi sono ridotto l affitto ne pago una ogni 3 Ma neanche cosi funziona io sono 10anni che vivo qui mia nonna e morta nel 2005 e l affitto arriva a nome mio con indennità di occupazione e mi hanno dato anche il nullaosta per la ristrutturazione!!! Terribile!! Mi puoi aiutare a capire ? Ti ringrazzio ciao

  145. addante scrive:

    si ti aiuto,ma mi occorrono i tuoi dati l’indirizzo nome e cognome e il numero di matricola hai avuto la risposta della sanatoria dal comune? se si anche quella e il tuo telefono, me li puoi inviare alla mia e-mail privata am.addante@tin.it

  146. daniele scrive:

    Il comune per la sanatoria non mi ha mai scritto niente lunedi ti mando tutto e ti chiamo grazie!

  147. addante scrive:

    ok!

  148. addante scrive:

    ok

  149. Andrea scrive:

    Gentilissima sig annaMaria domani mio padre si deve recare al ater per la firma del contratto,l assegnazzione è stata fatta solo a suo nome volevo chiederle io come figlio come posso fare per farmi mettere sul suo nucleo familiare?mi consiglia di dirlo domani che anch’io sarò in quella casa,ho aspettare dopo e fare tutta la documentazione?volevo chiederle dove si trova la sua associazione per potermi iscrivere.grazie

  150. addante scrive:

    telefonami che ti spiego cosa fare 3394581140

  151. Andrea scrive:

    La ringrazio sig Annamaria la chiamo lunedì mattina

  152. addante scrive:

    OK.

  153. Antonio scrive:

    Gentilissima Sig. Annamaria,
    le scrivo per avere chiarimenti per un appartamento ATER da me occupato perche assegnato a mio padre nel 1988 , stiamo parlando di allogi di servizio assegnati ad apparteneti alle forze dell’ordine.
    Sfortunamente nell 1991 mio padre e deceduto, e l’appartamento e stato occupato da mia madre facendo regolare censimento, ma non avendo mai usufruito di una sanatoria, cio significa che mia madre pagava la boletta intesta a mio padre.
    Nel 2009/2010 l’appartamento in questione sono andati in vendita e mia madre non essendo titolare e assegnataria dell’alloggio, non gli e arrivata nessuna pubblicazione di vendita dell’alloggio, avendo poi fatto i dovuti accertamenti all’ATER , per la mancata convocazione di vendita, ci veniva riferito che si doveva regolarizzare, cioe facendo la sanatoria dell’alloggio e diventare titolare( assegnataria ) dell’alloggio.
    Dopo aver pagato circa € 2000,00 per l’assegnazione dell’appartamento oltre a non aver provveduto all’assegnazione dell’appartamento a nome di mia madre e dopo aver scritto piu lettere all’ater per la vendita dell’appartamento, ed essere sbattuti da un uffico dell’ater per spiegazioni in merito della mancata vendita, l’uffucio allienazioni dell’alter ci riferiva che le vendite degli alloggi ATER erano bloccate.
    Premetto che in tutto questo tram tram di avanti e indietro di risposte da parter dell’ater, le bollette di affitto dell’ater venivano comunque intestate a mio padre deceduto nel 91 e che nel 2011 e deceduta anche mia madre, attualmente lo scrivente abita in questo appartamento dal 2011, ho fatto l’ultimo censimento nel 2012, e che ho pagato le bollette intestate a mio padre fino a novembre 2013 , e oggi mi sono visto arrivare una bolletta di indennita di occupazione pari a € 1000 intestata a nome mio.
    Le chiedo gentilmente alla Sig.ra Annamaria di poter avere delucidazioni in merito all’allienazione dell’alloggio in questione se posso continuare io la pratica di allienazione dell’aloggio, e per quanto tempo ancora devo pagare cifre astronomiche pari a € 1000,00 per l’indennita di occupazione, (in precedenza con l’adeguamentoi del canone ne pagavo € 200,00 )
    Faccio presente inoltre che l’assegnazione di tali alloggi non è avvenuta dal comune di Roma ma dalla prefettura per gli apparteneti delle forze dell’ordine, e che lo scrivente ne fa parte.
    Rimango in attesa di Vostre comunicazioni in merito ringrazio.

  154. addante scrive:

    MI CHIAMI SUBITO AL CELLULARE 3394581140, PERCHE’ TEMO CHE L’ABBIANO TRUFFATA.

  155. Chiarax scrive:

    Gentilissima Signora Annamaria, oggi hanno iniziato degli sgomberi coatti a Roma e si dice che continueranno ignorando la sanatoria del 2007 della quale, dopo aver ricevuto risposta positiva e dopo aver consegnato il tutto all’ufficio preposto a lungotevere non ho più saputo nulla. L’impiegato mi aveva detto che mi avrebbero chiamato per il contratto ma so di persone che sono in attesa da 20 anni alla garbatella. Come si deve comportare chi avrebbe solo voglia di pagare il giusto e dormire la notte. Io vivo sola con mia figlia, siamo noi il nostro nucleo familiare. La ringrazio sin d’ora per l’attenzione prestata e le porgo i miei più cordiali saluti.

  156. addante scrive:

    chiamami al 3394581140

Scrivi un commento