Il 33% delle scuole del IV municipio ha bisogno di interventi di sicurezza statica

Acquisito in Commissione Trasparenza del Municipio il report della Commissione russa sulle scuole del IV municipio
Antonio Barcella - 8 giugno 2017

Finalmente si rompe il muro di omertà del IV municipio in merito alla verifica di staticità delle scuole effettuata dalla Commissione russa e i risultati sono quelli che ci attendevamo: il 33% delle strutture analizzate necessitano di “Sismic modernization” ossia un terzo degli edifici scolastici del territorio non garantisce la sicurezza dei ragazzi in caso di terremoto.

È quanto emerge dal post Facebook pubblicato dal Presidente della Commissione Trasparenza Nicolò Corrado l’8 giugno: “Durante la Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza del IV Municipio, tenutasi oggi, abbiamo acquisito il report sulle scuole del IV Municipio dei ‘leggendari’ russi, ingaggiati ‘d’urgenza’ dalla Giunta del IV municipio tramite accordo di cooperazione internazionale, quasi un anno fa ormai.
Dopo mesi di attesa (e meno male che era urgente) i russi ci dicono che oltre il 33% delle strutture analizzate necessitano di ‘Sismic modernization’.
Come già fatto negli scorsi mesi ribadisco con forza la mia richiesta all’Assessore all’Edilizia Scolastica del IV municipio di pubblicare con la massima urgenza sul sito internet del IV municipio il report in questione per permetterne la visione a tutti i genitori e lavoratori degli istituti oggetto della verifica
.”

Ora finalmente possiamo dare una spiegazione all’atteggiamento della Presidente del IV municipio Roberta Della Casa che di scuole non ne vuole proprio parlare disertando perfino gli incontri a cui aveva dato l’adesione o le continue richieste di confronto.
La Giunta del IV municipio è chiaramente in una situazione imbarazzante, visto che i sopralluoghi post sisma (solo visivi) avevano evidenziato l’assenza di problemi di sicurezza e, in precedenza, aveva strombazzato ai quattro venti l’impegno a chiudere le scuole “non sicure” del quartiere.

Perché non siamo sorpresi da questi risultati?

Basta osservare con gli occhi di un profano per capire che alcune scuole del territorio non garantiscono la protezione dei nostri ragazzi.
Ne parliamo da anni per poi vedere soltanto interventi con il contagocce mentre gli edifici scolastici somigliano sempre di più ad un luogo post bellico che ad una metropoli europea.
Se non ci credete, guardate il nostro filmato diffuso in occasione dell’ultimo Dibattito Pubblico.

Invitiamo la Presidente Roberta Della Casa a pubblicare i report della Commissione Russa e a fornirci informazioni su quali impegni assumerà per sistemare al più presto (ossia prima della riapertura delle scuole) gli edifici scolastici che necessitano di impegni urgenti.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti