20 Giugno 1516… Roma, la Stufetta del Cardinal Bibbiena

Almanacco di Roma a cura di Stefano Crivelli - 20 giugno 2017

Il 20 Giugno del 1516 termina la realizzazione della Stufetta del Cardinal Bibbiena (piccolo ambiente al terzo piano del Palazzo Apostolico, nella Città del Vaticano, confinante con la Loggetta del Cardinal Bibbiena). È celebre per un ciclo di affreschi mitologici attribuiti alla scuola di Raffaello.

La “Stufetta” (termine con il quale si definiva uno stanzino da bagno privato, fa parte dell’appartamento del Cardinal Bibbiena. Nel Settecento Vincenzo Camuccini la trasforma in una piccola Cappella ricoprendo le pareti con tavole e la volta con una tela. Nel 1890 Dollmayr riconosce i motivi mitologici in Ovidio e Servio.

Accadde il 20 Giugno

Roma Antica: Si svolge la Festa in onore di Summanus, Dio dei tuoni e dei fenomeni atmosferici notturni, divinità di origine etrusca, contrapposto a Giove, dio dei tuoni diurni. La festività si svolgeva nel giorno del solstizio d’estate ed in questa occasione venivano fatte offerte e sacrifici di animali. Il tempio dedicato a Summanus (risalente al 278 a.C.) si trovava vicino al Circo Massimo. Nel 197 a.C. il tempio viene colpito da un fulmine (ironia della sorte) che cade proprio sulla statua della divinità staccandogli la testa.

1836      E’ istituita per “Rescritto Pontificio” la Cassa di Risparmio di Roma, quale associazione di 175 persone, ognuna delle quali titolare di una quota di 50 scudi romani. Si tratta di una delle prime Casse di Risparmio in Italia. Viene insediata al piano terreno del Palazzo Borghese, essendone primo Presidente il Principe Francesco Borghese.

1874        Viene aperto al traffico il nuovo Ponte Salario, realizzato su progetto dell’ingegner Glori.

1925      Nasce il regista Franco Castellano.

1981      Papa Giovanni Paolo II viene nuovamente ricoverato al Policlinico Gemelli per una grave infezione a seguito dell’attentato.

2005      II clandestino rumeno Emil Ramatu salva una donna nel Tevere.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti